02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Con il DL Liquidità il conto corrente si può aprire anche online

Dopo l’epidemia di coronavirus il mondo è inevitabilmente cambiato, non solo nelle abitudini e nei modi di vivere.

Per affrontare l’emergenza sono state messe in campo diverse procedure per semplificare e ciò è accaduto anche per le modalità di conclusione dei contratti a distanza. Non solo smart working, dunque, in questo nuovo mondo l'operatività da remoto è diventata sempre più importante perché di fronte ad una situazione così imprevedibile, è stato necessario utilizzare strumenti nuovi e maggiormente sburocratizzati, per consentire modalità iper semplificate e limitare i tempi, soprattutto di attesa.

Decreto Liquidità e conti correnti: le novità

E un nuovo capitolo si è aperto anche per i rapporti con gli istituti bancari.

Con il Decreto Liquidità, infatti, infatti sono state apportate nuove modalità di conclusione a distanza dei contratti bancari con la clientela al dettaglio.

Per affrontare l’emergenza da Covid-19 il rapporto con la banca è stato semplificato grazie all’articolo 4, quello del contratto a distanza. Anche se per ora si tratta solo di una misura temporanea, valida fino al 31 luglio, non è detto che non sarà prorogata o resa addirittura stabile visto che piace a più parti, a cominciare dalle associazioni dei consumatori.

Chiunque abbia mai provato a sottoscrivere un prodotto o un servizio bancario a distanza sa che si tratta di una procedura niente affatto semplice. Oggi, invece, finalmente si può, senza recarsi fisicamente in banca, aprire un conto corrente o chiedere un prestito comodamente da casa. Si può dare il consenso a un contratto semplicemente inviando alla banca un’email ordinaria, con la foto di un documento d’identità valido. Questo perché è stata resa valida la firma digitale non certificata: si può firmare, se possibile, con la pennetta dell’iPad sullo schermo altrimenti sul documento scansionato. La Pec non serve più.

Insomma una vera e propria rivoluzione anche se non è stata molto pubblicizzata perché ad oggi questa ‘semplificazione’ incontra ancora un freno da parte delle banche per via della tutela della legalità.

Come attivare un conto online

Ma vediamo quali sono le modalità principali per attivare online il conto corrente:

  • tramite il sito della vostra banca
  • mandando una mail alla propria banca indicando le informazioni necessarie
  • sul sito della banca alla sezione Privati, inserendo i propri documenti e firmando in maniera digitale
  • richiedendo una copia del contratto da compilare ed inviare per posta insieme ad una copia dei propri documenti

Se sul sito della vostra banca è indicata la procedura online tutto sarà molto semplice perché basterà seguire i passaggi indicati sul sito dall’istituto di credito.

Altrimenti bisogna inviare una mail in banca, di solito all’indirizzo del dipendente che si occupa dell’apertura dei conti o al direttore di filiale. Nella mail bisogna indicare la data, la richiesta di apertura di un nuovo conto, i propri dati anagrafici, il codice fiscale e il tipo di contratto al quale ci si riferisce. La banca a questo punto invierà, sempre via mail, il contratto di conto corrente che dovrà essere rispedito firmato alla banca, con allegato un documento d’identità in corso di validità (una carta di identità o un passaporto).

In alternativa, come accennato, si cerca sul sito della banca nella sezione Privati e si richiede, dov’è possibile, l’apertura online del conto.

Basterà caricare i documenti di riconoscimento in Pdf/Jpeg o fotografarli direttamente con la webcam o con lo smartphone. Successivamente si firma il contratto digitalmente con FEA (Firma Elettronica avanzata), utilizzando una OTP (password usa e getta che sarà valida solo per questo documento). Una volta completata la richiesta bisognerà solo attendere l'esito dell'identificazione.

Se invece si preferisce un'altra modalità per terminare la richiesta si può scegliere di stampare e firmare il contratto, spedendolo per posta insieme ai documenti di riconoscimento.

Unicredit ad esempio fa compilare il modulo online, poi fa prendere appuntamento via web con un funzionario per il riconoscimento anti riciclaggio e si firma. Procedura simile in Intesa SanPaolo: si compila un form online, si sottoscrive poi il consenso al trattamento dei dati personali. Una volta inserito il proprio indirizzo mail la banca invia al cliente un codice: si tratta della password per accedere alla tua Guest Area e poter completare l’operazione.

La banca s’impegna comunque a consegnare, finita l’emergenza, una copia cartacea del contratto al cliente.

Le aziende diverse dalle microimprese sono escluse dalla nuova disciplina del contratto a distanza che invece può essere utilizzata da clienti privati o professionisti, artigiani, enti senza fine di lucro.

pubblicato da il 25 giugno 2020

Autore

Foto AutoreGiornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Guide ai conti

Guide Conti