Serve assistenza?
02 55 55 5

Conti: il bonifico parlante, cos'è e come si fa

6 giu 2023 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

parola-esperto-conti-bonifico-parlante.jpeg

Se siete in possesso di un conto corrente vi sarete trovati sicuramente ad effettuare bonifici: soprattutto se si è alle prese con dei lavori di ristrutturazione legati al Superbonus o, comunque, dovete accedere ad altre agevolazioni fiscali dovrete utilizzare una nuova tipologia di bonifico, diversa da quella ordinaria. Stiamo parlando del bonifico “parlante”. Vediamo di cosa si tratta, come funziona e, soprattutto, come va effettuato nei pagamenti alle imprese che stanno effettuando i lavori senza incorrere in errori ed evitare problemi che potrebbero non farci accedere ai bonus o alle detrazioni previste.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Il bonifico ordinario e quello parlante: ecco le principali differenze

La principale differenza tra un bonifico ordinario e uno parlante è che nel primo caso sono necessari meno dettagli e saranno sufficienti, oltre alla data, il nome, il cognome e l’indirizzo della persona a cui è destinato. Ovviamente sarà necessario anche il codice Iban di chi deve ricevere la somma di denaro e la causale che riporterà la motivazione per cui l’importo viene versato.

Il secondo  tipo di bonifico, invece, è detto “parlante” proprio perché dice qualcosa in più rispetto all’ordinario, ci consente, cioè, di tracciare sia i dati del destinatario che quelli del contribuente che ha sostenuto le spese e dovrà essere necessariamente utilizzato nel momento in cui vengono eseguiti dei lavori edilizi o per accedere ai bonus e alle detrazioni fiscali previsti dal Governo.

Attenzione: questa del bonifico parlante è l’unica modalità valida affinchè gli enti pubblici, come l’Agenzia delle Entrate, possano avere tutte le informazioni necessarie per consentire l’accesso ai bonus per i lavori di riqualificazione energetica o alle opere di ristrutturazione eseguite quindi è importante compilarlo correttamente. Vediamo come.

Come compilare correttamente il bonifico parlante

Questo tipo di bonifico può essere effettuato sia online che offline recandosi di persona presso la filiale della propria banca o il proprio ufficio postale.

La caratteristica principale del bonifico parlante è quella di permettere all’arrivo in banca o alle Poste, il prelievo della ritenuta d’acconto dell’8%.

Attenzione, però, perché a differenza di un bonifico ordinario vanno inserite oltre alle informazioni già indicate anche altre quali: il codice fiscale del beneficiario della detrazione; il codice fiscale o la partita Iva di chi ha eseguito gli interventi; la causale del versamento che dipenderà dalla tipologia di intervento. In particolare, in quest’ultimo caso, bisognerà inserire con attenzione le indicazioni specifiche sulla norma riguardante l’intervento effettuato, specificando se si tratta di ecobonus (risparmio energetico), ristrutturazioni edilizie, interventi antisismici, superbonus, colonnine ricarica, bonus barriere architettoniche 75%, etc. E’ consigliabile, inoltre, inserire anche i riferimenti della relativa fattura in modo da poter individuare il documento specifico. In questo modo si potrà provare all’Agenzia delle Entrate di aver sostenuto la spesa secondo le modalità indicate dalla normativa di riferimento.

Il bonifico parlante, invece, non è necessario per il pagamento delle spese ammesse al bonus mobili e quelle ammesse al bonus verde. Per il primo, infatti, il pagamento potrà essere effettuato anche con bonifico ordinario o carta di credito/debito (non sono ammessi assegni o contanti).

Per il bonus verde, invece, sono ammessi tutti i tipi di pagamento tracciabili, quindi anche l’assegno e, anche in questo caso, non serve il bonifico parlante. Non è ammesso, ovviamente, il pagamento in contanti.

Cosa fare in caso di errore

Ma cosa succede se, per sbaglio, l’acquirente dovesse utilizzare per il pagamento un bonifico ordinario invece di un bonifico parlante?

Su questo l’Agenzia delle Entrate è stata molto chiara: il bonifico ordinario non è ammesso ai fini della detrazione delle spese sostenute. Dunque, in caso di errore si potrebbe rischiare di perdere il diritto ad ottenere le detrazioni previste. Per evitare problemi, però, l’Agenzia delle Entrate è andata incontro ai contribuenti che ora possono percorrere due strade in caso di errore.

Una possibilità potrebbe essere quella della ripetizione del pagamento. Ciò significa che occorrerà, se possibile, annullare il pagamento oppure farsi restituire la somma dal fornitore per poter così avere la possibilità di ripetere nuovamente il bonifico parlante nel modo corretto; dopodiché si può ripetere il pagamento, utilizzando il bonifico parlante nella giusta modalità, così da poter accedere alle detrazioni.

La seconda possibilità è, invece, quella di farsi rilasciare una dichiarazione sostitutiva dell’atto notorio dell’impresa che ha effettuato i lavori, che attesti la corretta contabilizzazione del ricavo. Questa opzione si può scegliere quando non è possibile ripetere il bonifico parlante per “salvare” la detrazione. A chiarirlo è stata la stessa Agenzia delle Entrate con la risposta n. 214 del 14 febbraio 2023. Si tratta di una strada “eccezionale”, sottolinea l’Agenzia delle Entrate, ammessa nel caso in cui non sia possibile ripetere correttamente il bonifico, per fare in modo che il cittadino non perda le detrazioni che gli spettano per legge a causa di un mero errore formale.

Nel documento è necessario che l’impresa dichiari che “le somme sono state correttamente contabilizzate per la determinazione del reddito d’impresa”.

Inoltre, il documento dovrà riportare il nome della società, la partita Iva, il codice fiscale e i dati (nome e cognome) del suo rappresentante. Inoltre dovrà contenere i dati della fattura e il bonifico errato. Inoltre, la dichiarazione dovrà essere firmata dal fornitore e dovrà essere consegnata dal contribuente che intende ottenere la detrazione nel momento della dichiarazione dei redditi insieme alla fattura e al bonifico.

E’ bene evidenziare che gli errori nella causale del bonifico, invece, non pregiudicano l’accesso alle detrazioni fiscali. In questo caso il diritto al bonus non sarà compromesso. Si pensi al caso in cui,  ad esempio, si deve indicare la causale del bonus ristrutturazione 50% ed invece si indica quella dell’ecobonus ordinario. In questa situazione il contribuente non perde il diritto a godere del bonus ristrutturazione.

I controlli dell’Agenzia delle Entrate

Ovviamente questa modalità non esclude errori, motivo per cui l’Agenzia delle Entrate può comunque effettuare ulteriori legittimi controlli in caso di dubbi, anche in presenza della dichiarazione sostitutiva.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 27 febbraio 2024
Inflazione: la classifica dei prodotti che hanno subito un aumento di prezzo

Inflazione: la classifica dei prodotti che hanno subito un aumento di prezzo

Negli ultimi due anni - tra 2022 e 2023 - l'inflazione molto alta è costata in media 4.000 euro a famiglia ogni anno. Con contraccolpi molto forti, ovviamente, sulle fasce più deboli. Tantissimi prodotti hanno subito rincari elevatissimi.
pubblicato il 23 febbraio 2024
Confronto tra conti correnti a febbraio 2024

Confronto tra conti correnti a febbraio 2024

Oggi il mercato offre così tanti conti correnti online che capire qual è il migliore diventa sempre più difficile. Per fortuna c’è Facile.it! Ecco 4 conti correnti online a febbraio 2024 trovati grazie al nostro confronto.
pubblicato il 19 febbraio 2024
Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Vuoi guadagnare da subito con un conto deposito? Facile.it offre un confronto veloce tra conti deposito online e ti aiuta a trovare le offerte più remunerative! Ecco come trovare il miglior conto deposito a febbraio 2024.
pubblicato il 15 febbraio 2024
Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Introdotto un nuovo limite per l'uso dei contanti nei versamenti: occorre avere la possibilità di giustificare quelli dai 5.000 euro in su. È valido anche per le donazioni ai figli.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968