Serve assistenza?
02 55 55 5

Conto corrente, cosa accade in caso di decesso del correntista?

6 lug 2023 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

parola esperto conti decesso correntista cosa fare

Il conto corrente è uno strumento finanziario intestato ad uno o più titolari per la gestione del denaro. Come sappiamo è identificato dalle coordinate bancarie Iban che permettono di gestirlo agevolmente.

La vita è comunque imprevedibile, ed è bene sapere cosa fare in caso di morte del correntista, o di uno dei correntisti ( in caso di conto cointestato).

Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Gli adempimenti da seguire, infatti, sono diversi così come le pratiche fiscali e burocratiche da portare avanti dopo la morte di una persona per permettere la successione dell’eredità. Tra questi ci sono, appunto, diverse procedure che riguardano il conto corrente proprio perché anche quest’ultimo rientra nell’asse ereditario. L’eredità, infatti, è composta da tutto il patrimonio del defunto, quindi sia i debiti che i crediti. Nel patrimonio rientrano anche i cosiddetti beni mobili, come il conto corrente che il più delle volte costituisce una parte importante di un’eredità. Il contenuto, quindi, insieme ad eventuali titoli, spetta, in proporzione alla quota ereditaria, a tutti gli eredi.

Allora quali sono i passaggi da seguire subito dopo la morte del correntista? E cosa fare nel caso in cui il conto corrente è cointestato?

Sicuramente tra le diverse procedure da compiere la prima in assoluto e forse la più urgente è quella relativa alla comunicazione in banca del decesso del correntista.

Una volta ricevuta questa comunicazione l’istituto di credito dovrà attenersi a delle regole molto precise, così da assicurare che la successione avvenga nel modo più corretto possibile e senza alcun errore.

Qual è il tempo massimo entro cui si deve comunicare alla banca la morte di una persona?

La comunicazione alla banca della morte del correntista va fatta nel tempo massimo di un anno. La normativa parla chiaro: quando muore una persona entro 12 mesi dalla data del decesso bisogna recarsi all'Agenzia delle Entrate e compilare un apposito modulo da consegnare all’istituto di credito in cui la persona morta era titolare di conto corrente.

Come effettuare la comunicazione

La comunicazione alla banca della morte del correntista può essere fatta sia di persona che attraverso l’invio di una raccomandata a/r.

Cosa succede dopo la comunicazione

Bisogna distinguere due casi: se la persona scomparsa è l’unica intestataria del conto corrente oppure se il conto era cointestato.

Nel primo caso la normativa prevede che i conti correnti del defunto e gli altri eventuali patrimoni in banca vengano subito ‘congelati’ finchè l’erede o gli eredi non presentano la dichiarazione di successione fatta.  Si tratta di un ‘blocco cautelativo’, per la banca stessa ma anche per gli eredi per evitare eventuali rischi di appropriazioni indebite di denaro da parte di un erede piuttosto di un altro o per scongiurare rischi di frodi.

In caso di conto corrente cointestato quando muore uno dei titolari, il titolare superstite dovrà sempre comunicare alla banca l’avvenuto decesso.

Bisogna però a questo punto distinguere due ipotesi e cioè se si tratta di conto corrente cointestato a firma congiunta o disgiunta. E questo perché l’iter che la banca dovrà seguire sarà diversa a seconda dell’uno o dell’altro caso.

Se a firma disgiunta la banca ‘congelerà’ la quota riconducibile al correntista defunto in attesa dell’individuazione degli eredi. L’altro correntista, invece, potrà continuare a fare operazioni, ma entro i limiti della quota di patrimonio che gli spetta. Dopo la presentazione della dichiarazione di successione e dell’accettazione di eredità, la banca potrà avviare l’iter di trasferimento delle quote del conto a favore degli aventi diritto.

Se, invece, il conto corrente cointestato è a firma congiunta, quando cioè tutte le operazioni possono essere messe in atto solo con la sottoscrizione di entrambi i titolari, nel momento in cui viene a mancare un titolare le somme contenute nel conto saranno ‘congelate’ dalla banca stessa e, in questo caso, neppure il correntista superstite potrà eseguire alcuna operazione. Lo scopo è chiaro: la banca dovrà prima individuare chi sono gli eredi e le relative quote che spettano a ciascuno.

Anche quando i conti correnti sono cointestati dovrà essere effettuata la dichiarazione di successione, da parte degli eredi, sempre entro il limite massimo di un anno dal giorno della morte del de cuius. C’è, però, un’eccezione: la dichiarazione non sarà necessaria quando, trattandosi del coniuge o di parenti in linea retta, il patrimonio ereditario complessivo non supera i 100mila euro.

Il blocco diventerà definitivo quando la banca riceve il certificato di morte originale, che si può richiedere e ottenere in Comune, in attesa di verificare gli eredi.

Gli altri passaggi necessari in questa fase saranno:

la consegna alla banca di tutti i prodotti correlati e quindi de egli eventuali assegni non utilizzati, della carta bancomat e della carta di credito.

La successione

La divisione dei fondi presenti sul conto segue esattamente la successione ereditaria, così come prescritta dalla legge o dal testamento del defunto.

Sarà necessario notificare alla banca una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, che risulta essere necessaria per stabilire chi siano gli eredi ed in quale misura. Questa documentazione può essere richiesta direttamente all’anagrafe del Comune di appartenenza.

Inoltre, qualora ci siano, andranno allegate alla dichiarazione anche le disposizioni testamentarie. In questo modo si fornirà alla banca tutte le indicazioni precise sulla successione.

In caso di eredità particolarmente cospicue, parliamo di cifre che superano il milione di euro, la banca potrebbe richiedere anche la dichiarazione di successione. Si tratta, quest’ultimo, comunque di un parametro che può variare tra i diversi istituti di credito.

Lo sblocco del conto corrente

Ottenere lo sblocco del conto corrente da parte della banca è importante perché, come ben si può immaginare, senza di esso non si potrà effettuare alcuna operazione. Si manterranno attive, invece, solamente quelle operazioni che erano state autorizzate in vita dal titolare, come ad esempio il pagamento delle bollette.

Dopo aver presentato tutta la documentazione con la quale si attesta chi siano gli eredi e le rispettive quote, l’istituto di credito provvederà a liquidare direttamente gli eredi, laddove si proceda con la chiusura del conto, secondo le tempistiche contrattuali previste. Come stabilito dal Codice Civile l’operazione si dovrà concludere nel tempo massimo di sei mesi.

Cosa succede dopo lo sblocco del conto corrente da parte della banca

Tutta questa serie di precauzioni che vengono adottate dalla banca hanno un unico scopo: quello, cioè, di assicurare che l’eredità presente sul conto corrente venga divisa in maniera equa tra i vari eredi. A seguito dello sblocco, gli eredi possono prendere diverse decisioni: possono richiedere la chiusura del conto corrente con la relativa liquidazione oppure possono scegliere di mantenerlo in vita. In quest’ultimo caso, è bene ricordare che devono essere d’accordo tutti gli eredi: ognuno di loro, infatti, subentra nella posizione del defunto rispetto alla propria quota e ognuno dovrà avere cura di utilizzare solo e soltanto quanto gli spetta.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 19 febbraio 2024
Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Vuoi guadagnare da subito con un conto deposito? Facile.it offre un confronto veloce tra conti deposito online e ti aiuta a trovare le offerte più remunerative! Ecco come trovare il miglior conto deposito a febbraio 2024.
pubblicato il 15 febbraio 2024
Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Introdotto un nuovo limite per l'uso dei contanti nei versamenti: occorre avere la possibilità di giustificare quelli dai 5.000 euro in su. È valido anche per le donazioni ai figli.
pubblicato il 6 febbraio 2024
I 3 migliori conti deposito vincolati di febbraio 2024

I 3 migliori conti deposito vincolati di febbraio 2024

Hai dei risparmi da parte? Mettili in un conto deposito e cresceranno nel tempo, consentendoti di guadagnare di più. Cosa aspetti? Facile.it confronta per te i migliori conti deposito e ti assiste nella scelta del più vantaggioso.
pubblicato il 5 febbraio 2024
Conti bancari: da 7 anni il loro costo aumenta, ma non per quelli online

Conti bancari: da 7 anni il loro costo aumenta, ma non per quelli online

Nel corso del 2022 le spese medie sostenute da un italiano per gestire un conto corrente "tradizionale" sono aumentate di 9,3 euro rispetto al 2021, passando da 94,7 euro l’anno a 104. I conti che funzionano solo online costano un terzo: in media 33,7 euro.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968