Serve assistenza?
02 55 55 5

Guida alla compilazione di un assegno bancario

conti_guide_guida_alla_compilazione_di_un_assegno_bancario

Le 3 cose da sapere:

  1. 1

    Assegno trasferibile: può essere ceduto a terzi dal beneficiario

    1

    Assegno trasferibile: può essere ceduto a terzi dal beneficiario

  2. 2

    Assegno non trasferibile: può incassarlo solo il beneficiario cui è intestato

    2

    Assegno non trasferibile: può incassarlo solo il beneficiario cui è intestato

  3. 3

    Costi: confronta e scegli un Conto Zero Spese per annullare tutti i costi del conto

    3

    Costi: confronta e scegli un Conto Zero Spese per annullare tutti i costi del conto

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

L’assegno bancario è uno strumento a disposizione dei titolari di conto corrente online o tradizionale. Permette di disporre in ogni momento della liquidità depositata e, quindi, di effettuare dei pagamenti in sostituzione dei contanti, del bancomat e della carta di credito. L’assegno bancario può essere "trasferibile" oppure "non trasferibile".

Nel primo caso, l’assegno può essere ceduto a terzi dal beneficiario che dovrà apporre la sua firma sul retro dell’assegno dove compare la scritta "Girata". L’assegno "non trasferibile" deve invece essere riscosso esclusivamente dal beneficiario al quale l’assegno è intestato.

Se l’assegno è di importo pari o superiore a 1.000 euro, la clausola "non trasferibile" deve essere apposta obbligatoriamente.

Emettere un assegno scoperto, cioè di importo superiore alla liquidità depositata, rappresenta un illecito amministrativo e comporta sanzioni pecuniarie oltre che l’avvio di una procedura di segnalazione protesto con conseguente perdita della reputazione creditizia e sanzioni come il divieto di emettere altri assegni bancari per un periodo minimo di due anni. Affinché l’assegno sia valido bisogna compilarlo correttamente in ogni sua parte.

  La constatazione amichevole: come compilarla

Di seguito le principali voci e regole.

Sommario

1) Il luogo

Quando si compila un assegno è necessario indicare (nella prima riga di fianco alla data) il luogo dove ci si trova quando viene emesso. Se il luogo coincide con la località nella quale si trova anche la banca di emissione si dice che l’assegno è emesso "su piazza"; se le due località non coincidono, l’assegno si dice "fuori piazza".

2) La data

Sempre nella prima riga, subito dopo aver specificato il luogo, va indicata la data di emissione. Questo è importante perché l’assegno deve essere presentato all’incasso, cioè versato, entro un determinato numero di giorni: 8 se l’assegno è "su piazza", 15 se è "fuori piazza". Oltre tale limite, chi emette l’assegno può ordinare alla banca di non effettuare più il pagamento. La legge infine non consente di emettere assegni post-datati, cioè con data successiva a quella nella quale l’assegno viene effettivamente emesso.

3) L'importo in cifre

Per evitare eventuali contestazioni, l’importo dell’assegno va indicato due volte e deve comprendere due decimali anche nel caso in cui siano pari a zero. L’importo in cifre, va specificato alla fine della prima riga. Ad esempio, se l’assegno è di 500 euro, bisognerà scrivere 500,00 o, in presenza di centesimi, 500,50.

4) L'importo in lettere

Questa voce compare nella seconda riga dell’assegno. In tal caso, l’importo va scritto per esteso e va apposta una barra tra il numero intero e i decimali. Come nell’esempio precedente, se l’assegno è di 500 euro, bisognerà scrivere: cinquecento/00. Se è di 500,50 euro, bisognerà scrivere: cinquecento/50.

5) Il beneficiario

E’ il soggetto a favore del quale viene emesso l’assegno e compare nella terza riga. Quest’ultimo può essere incassato esclusivamente dal beneficiario se l’assegno è "non trasferibile". Mentre in caso contrario, il beneficiario può girare l’assegno a terzi, apponendo la sua firma nello spazio previsto sul retro dell’assegno. La clausola di "non trasferibilità" è sempre consigliata per evitare che l’assegno finisca nelle mani di persone non conosciute.

6) La sottoscrizione dell'emittente

E’ la firma autografa di chi emette l’assegno (il traente) e deve coincidere con quella depositata in banca. Si trova nell'ultima riga a destra.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Guide ai conti

pubblicato il 15 giugno 2024
Conto Deposito: cos’è e come funziona

Conto Deposito: cos’è e come funziona

Il conto deposito è uno strumento di investimento, che si appoggia a un conto corrente tradizionale e che ti consente di ottenere, sulle somme depositate in Banca e una rendita elevata. Leggi tutto quello che devi sapere.
pubblicato il 17 maggio 2024
Certificati di deposito: cosa sono e come funzionano

Certificati di deposito: cosa sono e come funzionano

I certificati di deposito sono strumenti finanziari che offrono agli investitori la possibilità di depositare una somma di denaro presso una banca per un periodo di tempo prestabilito. Questi strumenti sono considerati sicuri e garantiscono rendimenti stabili.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 26 febbraio 2020
Guida completa su come cambiare il conto corrente

Guida completa su come cambiare il conto corrente

Passare da un conto corrente ad un altro non è una scelta da prendere con leggerezza, ma bisogna sapere come muoversi e come fare per evitare penali per clausole che avevamo dimenticato...
pubblicato il 8 febbraio 2020
Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

La richiesta di accredito della pensione su conto corrente può essere fatta al momento della presentazione presso l’INPS della stessa domanda, ma anche in un successivo momento grazie all’ausilio di uno specifico modulo da compilare. Ecco una guida per sapere tutto sull'accredito della pensione.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968