02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Errori nell'estratto conto: 5 cose da sapere

Errori nell'estratto conto: 5 cose da sapere
Le 3 cose da sapere:
  • Estratto conto: prospetto che la banca invia al correntista periodicamente
  • In caso di errori o anomalie è possibile avviare una contestazione
  • Arbitro Bancario Finanziario: organismo indipendente per le dispute

Se si riscontrano errori nell’estratto conto è possibile avviare un procedimento di contestazione entro un determinato periodo di tempo e con particolari modalità, rivolgendosi ai soggetti preposti a dirimere tali controversie. Ecco le 5 cose da sapere.

 

1Estratto conto: cos'è

L’estratto conto è un prospetto che la banca invia al correntista periodicamente via posta o per via telematica, che riporta in ordine di data tutti i movimenti effettuati dal cliente nel periodo considerato. Le voci che compongono il conto corrente sono:

  • la "data" in cui vengono effettuate le operazioni;
  • la "valuta", ovvero l’intervallo di tempo che intercorre tra il momento in cui viene effettuata un’operazione e quello nel quale avrà effetto;
  • i "movimenti dare", cioè tutte quelle operazioni fatte dal cliente come pagamenti vari, prelievi e addebiti di altro tipo;
  • i "movimenti avere", cioè tutte le operazioni di accredito come, ad esempio, lo stipendio, la pensione, bonifici ricevuti, etc.;
  • la "descrizione operazioni" effettuate sia dal correntista, sia dalla banca.
L’estratto conto riporta anche i tassi di interesse applicati, le spese e le commissioni.

2Come effettuare la contestazione in caso di errori

In caso si riscontrino errori nell’estratto conto, è possibile avviare una contestazione. Se l’estratto conto non viene contestato entro 60 giorni, si considera tacitamente approvato. Tuttavia, in caso di anomalie più gravi, come omissioni o duplicazioni, errori di calcolo e di scrittura, il termine viene esteso a sei mesi, mentre se si riscontrano errori sostanziali, come voci di spesa non previste dal contratto o un errato calcolo degli interessi applicati, il termine può arrivare sino a 10 anni.

La banca, da canto suo, ha l’obbligo di rispondere alla contestazione scritta entro 30 giorni. Se ciò non avviene, si può ricorrere all’Arbitro Bancario Finanziario e, se da questo non si ottiene soddisfazione, è possibile ricorrere al Tribunale. Prima di rivolgersi al Tribunale è comunque obbligatorio ricorrere all’Arbitro Bancario Finanziario.

Nel caso di semplici anomalie, puoi avviare la contestazione entro 60 giorni dal ricevimento del prospetto e la banca ha al massimo 30 giorni per rispondere.

3Contestazione scritta: come effettuarla

La contestazione scritta prevede che si debba inviare alla banca il reclamo tramite una raccomandata con ricevuta di ritorno, ed entro il termine previsto dalla ricezione dell’estratto conto, allegando una copia dello stesso oltre che tutta la documentazione di cui si dispone, necessaria a comprovare l’errore. La contestazione non deve essere generica ma specifica. Se la banca accoglie la richiesta, gli errori verranno rettificati senza bisogno di altre particolari procedure.

4L’Arbitro Bancario Finanziario: cos’è

L’Arbitro Bancario Finanziario è un organismo indipendente istituito nel 2009 in attuazione della legge 262/2005. L’ABF dirime le dispute tra banche e clienti con spese minime e in tempi rapidi senza bisogno di farsi assistere da un avvocato. L’ABF è presente sul territorio nazionale con tre Collegi: Milano, Roma e Napoli. Il raggio d’azione dell’organismo copre le controversie che sorgono nell’ambito di: conti correnti, mutui e prestiti personali. All’ABF si può ricorrere entro 12 mesi dalla presentazione del reclamo alla banca. Trascorsi i 12 mesi, si è tenuti a presentare un nuovo reclamo prima di potersi rivolgere all'Arbitro.

5Come ricorrere all’Arbitro Bancario Finanziario

Il ricorso può essere inoltrato alle segreterie dell’ABF tramite raccomandata, fax o posta elettronica certificata (PEC), dopo avere compilato l’apposito modulo con i dati personali, il motivo del ricorso, allegando tutta la documentazione necessaria a comprovare l’errore e l’attestazione dell’avvenuto pagamento alla Banca d’Italia del contributo spese.

Una copia del ricorso va inoltre inviata alla banca responsabile dell’errore che, a sua volta, ha 45 giorni di tempo dalla sua ricezione per inviare all’ABF le sue memorie difensive e le controdeduzioni. Entro 60 giorni dal ricevimento di queste ultime, si avrà il pronunciamento dell’ABF contenente anche il termine entro il quale la banca deve porre rimedio all’errore se il reclamo del correntista viene accolto. Le modalità del ricorso sono consultabili sul sito dell’Arbitro Bancario Finanziario, dal quale si può scaricare anche il modulo da compilare.

Il contributo spese versato per presentare il ricorso viene rimborsato nel caso venga accolto.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso Confronto CONTI »

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i migliori conti online, i conti correnti e deposito delle banche operanti sul territorio italiano.

Banche

Scopri i dettagli, i prodotti e la storia delle banche partner di Facile.it.

Banche e finanziarie

Guide ai conti

Guide Conti