Serve assistenza?
02 55 55 5

Errori nell'estratto conto: 5 cose da sapere

facile.it/images/conti guide errori nell estratto conto 5 cose da sapere
Le 3 cose da sapere:
  1. 1

    Estratto conto: prospetto che la banca invia al correntista periodicamente

  2. 2

    In caso di errori o anomalie è possibile avviare una contestazione

  3. 3

    Arbitro Bancario Finanziario: organismo indipendente per le dispute

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Sommario

Se si riscontrano errori nell’estratto conto è possibile avviare un procedimento di contestazione entro un determinato periodo di tempo e con particolari modalità, rivolgendosi ai soggetti preposti a dirimere tali controversie. Ecco le 5 cose da sapere.

1. Estratto conto: cos'è

L’estratto conto è un prospetto che la banca invia al correntista periodicamente via posta o per via telematica, che riporta in ordine di data tutti i movimenti effettuati dal cliente nel periodo considerato. Le voci che compongono il conto corrente sono:

  • la "data" in cui vengono effettuate le operazioni;
  • la "valuta", ovvero l’intervallo di tempo che intercorre tra il momento in cui viene effettuata un’operazione e quello nel quale avrà effetto;
  • i "movimenti dare", cioè tutte quelle operazioni fatte dal cliente come pagamenti vari, prelievi e addebiti di altro tipo;
  • i "movimenti avere", cioè tutte le operazioni di accredito come, ad esempio, lo stipendio, la pensione, bonifici ricevuti, etc.;
  • la "descrizione operazioni" effettuate sia dal correntista, sia dalla banca.

L’estratto conto riporta anche i tassi di interesse applicati, le spese e le commissioni.

2. Come effettuare la contestazione in caso di errori

In caso si riscontrino errori nell’estratto conto, è possibile avviare una contestazione. Se l’estratto conto non viene contestato entro 60 giorni, si considera tacitamente approvato. Tuttavia, in caso di anomalie più gravi, come omissioni o duplicazioni, errori di calcolo e di scrittura, il termine viene esteso a sei mesi, mentre se si riscontrano errori sostanziali, come voci di spesa non previste dal contratto o un errato calcolo degli interessi applicati, il termine può arrivare sino a 10 anni.

La banca, da canto suo, ha l’obbligo di rispondere alla contestazione scritta entro 30 giorni. Se ciò non avviene, si può ricorrere all’Arbitro Bancario Finanziario e, se da questo non si ottiene soddisfazione, è possibile ricorrere al Tribunale. Prima di rivolgersi al Tribunale è comunque obbligatorio ricorrere all’Arbitro Bancario Finanziario.

Nel caso di semplici anomalie, puoi avviare la contestazione entro 60 giorni dal ricevimento del prospetto e la banca ha al massimo 30 giorni per rispondere.

3. Contestazione scritta: come effettuarla

La contestazione scritta prevede che si debba inviare alla banca il reclamo tramite una raccomandata con ricevuta di ritorno, ed entro il termine previsto dalla ricezione dell’estratto conto, allegando una copia dello stesso oltre che tutta la documentazione di cui si dispone, necessaria a comprovare l’errore. La contestazione non deve essere generica ma specifica. Se la banca accoglie la richiesta, gli errori verranno rettificati senza bisogno di altre particolari procedure.

4. L’Arbitro Bancario Finanziario: cos’è

L’Arbitro Bancario Finanziario è un organismo indipendente istituito nel 2009 in attuazione della legge 262/2005. L’ABF dirime le dispute tra banche e clienti con spese minime e in tempi rapidi senza bisogno di farsi assistere da un avvocato. L’ABF è presente sul territorio nazionale con tre Collegi: Milano, Roma e Napoli. Il raggio d’azione dell’organismo copre le controversie che sorgono nell’ambito di: conti correnti, mutui e prestiti personali. All’ABF si può ricorrere entro 12 mesi dalla presentazione del reclamo alla banca. Trascorsi i 12 mesi, si è tenuti a presentare un nuovo reclamo prima di potersi rivolgere all'Arbitro.

5. Come ricorrere all’Arbitro Bancario Finanziario

Il ricorso può essere inoltrato alle segreterie dell’ABF tramite raccomandata, fax o posta elettronica certificata (PEC), dopo avere compilato l’apposito modulo con i dati personali, il motivo del ricorso, allegando tutta la documentazione necessaria a comprovare l’errore e l’attestazione dell’avvenuto pagamento alla Banca d’Italia del contributo spese.

Una copia del ricorso va inoltre inviata alla banca responsabile dell’errore che, a sua volta, ha 45 giorni di tempo dalla sua ricezione per inviare all’ABF le sue memorie difensive e le controdeduzioni. Entro 60 giorni dal ricevimento di queste ultime, si avrà il pronunciamento dell’ABF contenente anche il termine entro il quale la banca deve porre rimedio all’errore se il reclamo del correntista viene accolto. Le modalità del ricorso sono consultabili sul sito dell’Arbitro Bancario Finanziario, dal quale si può scaricare anche il modulo da compilare.

Il contributo spese versato per presentare il ricorso viene rimborsato nel caso venga accolto.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968