Serve assistenza?
02 55 55 5

Perché alcune banche rifiutano le criptovalute?

17 mar 2023 | 3 min di lettura

trading news perche alcune banche rifiutano le criptovalute

Le banche tradizionali di molti paesi dell'Area Euro e degli USA stanno cominciando ad osteggiare il trading ed altre operazioni con i Bitcoin e le criptovalute.

Questo è un altro aspetto del "Crypto Winter", la crisi che le divise digitali stanno attraversando.

Scopri di più su Facile.it, leader nel confronto di piattaforme di trading online.

Trova la migliore piattaforma per te
Trova la migliore piattaforma per te

Dove sono illegali

Le ragioni di ciò variano a seconda delle giurisdizioni e delle banche. Avvocati ed esperti del settore bancario spiegano che ci sono valide ragioni per cui alcuni istituti bloccano le transazioni di criptovalute.

Per alcune banche è illegale effettuare transazioni in criptovalute semplicemente perchè queste non sono legali in molti luoghi del mondo e quindi è impossibile per gli istituti di credito elaborare transazioni relative ai Bitcoin ed alle altre divise digitali.

La Cina e la Bolivia ad esempio hanno deciso di non elaborare transazioni in Bitcoin rendendolo di fatto contro la legge.

In altre regioni, le banche sono costrette a navigare nelle aree grigie in cui spesso operano anche le società di criptovalute. Tuttavia spesso non ne vale la pena, ragion per cui alcune delle banche più grandi hanno trovato più facile sospendere l'oeratività con le divise virtuali piuttosto che cercare di fare ricerche per offrire alternative che consentano di aggirare gli ostacoli in maniera più trasparente.

In Russia (e parecchi altri paesi del mondo) ad esempio non è facile acquistare criptovalute in modo legittimo e affidabile. Le banche si trovano infatti ad interagire con intermediari di terze parti non regolamentati. Ciò accade anche per le transazioni Bitcoin peer-to-peer per le quali non c'è alcuna garanzia di ottenere la criptovaluta per cui si sta pagando. Per le banche questa situazione richiede parecchie risorse da impiegare per spiegare alle autorità regolamentari il loro operato in questo settore.

Il governo russo comunque sta permettendo ai suoi cittadini di acquistare criptovalute a fini speculativi a patto di segnalare queste transazioni alle autorità fiscali.

I problemi per le banche

Anche nelle giurisdizioni in cui le criptovalute sono legali, alcune banche non vogliono avere a che fare con clienti arrabbiati che chiedono un chargeback da qualche schema Ponzi legato alle criptovalute. Alcuni consumatori potrebbero non comprendere tutti i rischi delle criptovalute, ma d'altro canto le banche non vogliono pagare il conto per clienti poco informati.

È quindi più conveniente evitare del tutto le criptovalute che sono anche prodotti molto volatili.

Le banche, inoltre, non vogliono avere a che fare con i crimini legati alle criptovalute, sia che i loro clienti siano gli autori che le vittime. Infatti la mancanza di regolamentazione nel settore è attraente per soggetti poco trasparenti, criminali e truffatori.

Finché non ci sarà una sorta di regolamentazione e gli istituti di credito non saranno sicuri di avere i meccanismi di applicazione necessari per rendere il sistema sicuro, probabilmente non gestiranno il settore delle criptovalute in maniera strutturata.

Offerte confrontate

Inizia a cimentarti nel trading e confronta in pochi secondi le migliori piattaforme per investire.

Trading online

Confronta le migliori piattaforme

Piattaforme trading

Ultime notizie Trading

pubblicato il 15 febbraio 2024
ETF sì o no? Le ultime notizie dal mondo delle criptovalute

ETF sì o no? Le ultime notizie dal mondo delle criptovalute

Investire in ETF può essere una mossa vincente? Scopriamo le ultime notizie sul mondo del trading.
pubblicato il 29 gennaio 2024
Gli investimenti in criptovalute degli italiani

Gli investimenti in criptovalute degli italiani

Autorevoli agenzie di stampa hanno diffuso i risultati di sondaggi dell'Osservatorio Blockchain and Web3 della School of Management del Politecnico di Milano secondo i quali quasi quattro milioni di italiani hanno dichiarato di effettuare trading di bitcoin e di possedere criptovalute.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Le previsioni su criptovalute e Bitcoin per il 2024

Le previsioni su criptovalute e Bitcoin per il 2024

Nel 2024, gli appassionati di trading di criptovalute potrebbero usufruire di ETF che replicano il tasso di cambio tra Dollaro USA e Bitcoin. I giganti USA dell’Asset Management potrebbero infatti seguire l’esempio di BlackRock che ha fatto da apripista per l’emissione di questi prodotti.
pubblicato il 24 ottobre 2023
Il “crollo” del mercato NFT: cosa sta succedendo?

Il “crollo” del mercato NFT: cosa sta succedendo?

Si può dire che il mercato degli NFT sia arrivato alla fine? Leggi le ultime notizie sul mondo del trading su Facile.it.

Guide Trading e Investimento online

pubblicato il 9 febbraio 2023
Quali sono le migliori piattaforme di trading per principianti?

Quali sono le migliori piattaforme di trading per principianti?

Vediamo quali sono le migliori piattaforme di trading per principianti per iniziare a investire online in autonomia e sicurezza.
pubblicato il 9 febbraio 2023
Migliori piattaforme con conto demo per il trading: quali sono?

Migliori piattaforme con conto demo per il trading: quali sono?

L'elenco delle piattaforme di trading online che consentono di fruire del migliore conto demo per testare le caratteristiche e le potenzialità di questa forma di inevestimento.
pubblicato il 9 febbraio 2023
Piattaforme autorizzate CONSOB: la lista completa

Piattaforme autorizzate CONSOB: la lista completa

L'attività di trading online deve essere svolta in modo sicuro. L'elenco delle piattaforme autorizzate CONSOB permette di scegliere i broker maggiormente affidabili presenti sul mercato per operare.
pubblicato il 13 maggio 2022
Tasse e trading: cosa sapere per non sbagliare

Tasse e trading: cosa sapere per non sbagliare

Quando si comincia a fare trading bisogna tenere in considerazione diverse variabili e conoscere a fondo gli aspetti legati alla tassazione, in modo da non avere brutte sorprese in merito ai guadagni.
pubblicato il 13 maggio 2022
Autotrading: guida completa al trading automatico

Autotrading: guida completa al trading automatico

L'autotrading in poco tempo è diventata una realtà. Sempre più persone stanno sperimentando questa tecnica di trading e sono attratti da essa. Cos'è l'autotrading e come funziona? Ecco tutte le info.
pubblicato il 13 maggio 2022
Scalping: cos'è e come funziona

Scalping: cos'è e come funziona

Lo scalping è una metodologia operativa che l'investitore può utilizzare sulle piattaforme finanziarie di trading online e consiste nel generare più operazioni su strumenti finanziari in un brevissimo intervallo di tempo.
pubblicato il 13 maggio 2022
Spread Trading: cos'è e come funziona

Spread Trading: cos'è e come funziona

Lo spread trading consente a ogni investitore di guadagnare somme notevoli all'interno del settore del trading online, mantenendo una posizione neutrale nel proprio mercato di competenza.
pubblicato il 13 maggio 2022
Bande di Bollinger: cosa sono e come usarle nel trading

Bande di Bollinger: cosa sono e come usarle nel trading

Per fare trading online è necessario avere una buona competenza non solo nei mercati, ma anche negli strumenti necessari per analizzarli al meglio: tra questi ci sono le bande di Bollinger.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968