Serve assistenza?
02 55 55 5

Assegno circolare, cos'è e come versarlo sul conto corrente

5 feb 2024 | 6 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

parola esperto conti assegno circolare

Uno strumento di pagamento molto utilizzato in passato, molto meno negli ultimi anni (sostituito sempre più dalle più rapide operazioni online come bonifici, carte di pagamento, etc), se non per alcune operazioni formali, come quando si acquista una casa o un’auto. Stiamo parlando dell’assegno circolare.

Vediamo di cosa si tratta, come funziona e come va versato su un conto corrente.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Cos’è l’assegno circolare

L’assegno circolare è uno strumento di pagamento che può essere utilizzato in alternativa a quelli più classici quali il contante o il bonifico. Questa forma di pagamento viene emesso dalla banca oppure dalle Poste.

Come detto si tratta di uno strumento che viene utilizzato in casi ‘particolari’, quando si desidera acquistare un bene con importi elevati (un immobile, ad esempio), motivo per cui ha un uso completamente diverso rispetto a quella di un assegno ordinario.

Insomma, potrebbe essere paragonato ad un bonifico, ma in realtà il procedimento di accredito dei soldi è differente: questo documento cartaceo va compilato dall’operatore in tutte le sue parti, indicando l’importo sia in numero che in lettere, la data di quando è stato emesso e la causale per cui viene effettuato il pagamento.

Il beneficiario, che riceve l’assegno circolare, dovrà recarsi in prima persona presso l’istituto di credito, o in alternativa quella di chi ha emesso questo titolo, per riscattare il denaro.

Differenze con l’assegno ordinario

Questo procedimento rende l’assegno circolare uno strumento sicuramente più sicuro rispetto all’assegno bancario perché l'impegno a pagare il titolo a vista è direttamente in carico alla banca emittente. E’ quindi un’ulteriore garanzia per chi lo riceve.
L' assegno bancario e l'assegno circolare, inoltre, sono diversi perché il primo viene emesso da un privato o da un’azienda, mentre il secondo può essere emesso solo da una banca.
Un’altra differenza rispetto all’assegno ordinario è che per l’assegno bancario chi firma (il cosiddetto traente) deve essere titolare di un conto corrente (postale o bancario) e deve aver depositato la propria firma presso la banca o Poste.

L’emissione di un assegno circolare da parte di una banca, invece, può essere richiesta anche da un soggetto che non è titolare di un conto corrente. Chi richiede l’emissione di un assegno circolare dovrà, nel caso in cui appunto non sia titolare di un conto corrente, prima versare sotto forma di contanti la somma corrispondente alla banca o, se la persona è titolare di un conto corrente presso la stessa banca, mediante addebito sul conto corrente.
Da qui la maggiore garanzia: con questo procedimento significa che l’assegno circolare è molto più sicuro di uno ordinario perché sarà sempre coperto, non può mai essere a vuoto. Insomma, non c’è il pericolo di incorrere in un assegno emesso senza la presenza di denaro sul conto perché questo titolo garantisce e certifica la presenza della somma dovuta.

Motivo per cui si utilizza, come detto, con cifre molto elevate, ad esempio per l'acquisto di un immobile o di un’auto.
Infine, rispetto all’assegno bancario, l’assegno circolare non può essere al portatore ma deve riportare sempre le generalità del beneficiario.

Tuttavia, negli anni, non sono mancate le truffe con assegni circolari falsi. Quindi è bene assicurarsi che un assegno circolare sia vero. Per verificarlo bisogna chiamare la banca e chiedere di verificare il “bene emissione” per l'assegno circolare in questione. La banca si accerterà dell'esistenza e che l'assegno sia stato effettivamente emesso, verificando che non sia falso (certifica il “benemesso”).

Come si compila?

L’assegno circolare, a differenza di quello ordinario, è compilato direttamente dall’operatore dell’istituto bancario, o delle Poste, per conto del cliente. Si tratta dunque di una procedura molto più semplice per il cliente che non dovrà completare da solo tutte le parti richieste dalla banca.

Le informazioni che l’operatore andrà ad inserire nell’assegno circolare nel momento in cui ne viene richiesta l’emissione sono:

  • importo dell’assegno in lettere e numeri;
  • luogo e data di emissione dell’assegno;
  • nome della banca che sta emettendo questo strumento;
  • dicitura “non trasferibile” per importi superiori o uguali a mille euro;
  • la sottoscrizione dell'istituto emittente;
  • la promessa incondizionata di pagare a vista l’assegno;
  • la denominazione di “assegno circolare”;
  • numero che identifica l’assegno;
  • nome cognome o ragione sociale del beneficiario dell’importo;

Un assegno senza uno di questi requisiti non è valido.

Il beneficiario verrà identificato dalla banca e potrà riscuotere l’assegno in contanti - in base al suo importo e nei limiti delle norme di “antiriciclaggio” del nostro Paese – presso qualsiasi sportello della banca che lo ha emesso. In alternativa, il beneficiario può anche versarlo presso un'altra banca dove possieda un conto corrente a lui intestato.

Come incassare un assegno circolare

Per incassare le somme inviate tramite assegno circolare basterà recarsi presso la propria banca oppure a quella del creditore. Se l’assegno è stato inviato tramite Poste, ci si potrà rivolgere ad uno sportello di Poste Italiane.

Come abbiamo detto a differenza degli assegni ordinari quello circolare non è trasferibile ad altri soggetti, (anche per questo è considerato il più sicuro), per cui bisognerà recarsi di persona allo sportello alla propria banca o alle Poste, per ottenere il credito.

E’ anche possibile ricevere il denaro in contanti nei casi in cui il ricevente non possiede un conto corrente. Tuttavia, c’è da considerare il fatto che per i contanti vi è un limite massimo che non si può superare.

L’ assegno circolare può anche essere versato direttamente al bancomat, senza necessariamente recarsi fisicamente in banca. Con la propria carta di debito basterà: inserire la carta, selezionare la voce “Versamenti o prelievi”, inserire l'assegno compilato e ritirare la ricevuta che attesta l'avvenuto versamento.

Quanti giorni ci vogliono per l'accredito di un assegno circolare?

Il titolare del conto corrente avrà la disponibilità economica delle somme relative agli assegni circolari o bancari versati sul suo conto entro i quattro giorni lavorativi a partire dal versamento.

Scadenze
L'assegno circolare, a differenza dell’assegno bancario ordinario che ha tempi di riscossione piuttosto ristretti (massimo quindici giorni o anche meno a seconda di dove viene emesso il titolo), ha tempi di incasso molto più dilatati.

Per incassare un assegno di questo tipo, infatti, si avranno fino a tre anni di tempo dal momento dell’emissione. Trascorso questo tempo e fino a dieci dall'emissione, il rimborso dell'assegno circolare potrà essere richiesto solo e soltanto dal soggetto che, a suo tempo, ne ha richiesto l'emissione.

Difficilmente un assegno circolare non viene riscosso entro i tre anni previsti, tuttavia, anche in questo caso, il creditore non perde le cifre accantonate per l’assegno.

Quanto costa l’emissione?

Per richiedere alla banca l’emissione di un assegno circolare è necessario pagare l’imposta di bollo, di 1,50 euro. Questa tassa non si paga sempre, ma solamente se l’importo dell’assegno supera i mille euro. Si dovrà, inoltre, pagare anche se si desidera rendere trasferibile l’assegno, con importo inferiore a mille euro. La tassa viene applicata nel momento in cui l’assegno viene erogato. Non è detto, però, che la banca non possa chiedere anche una commissione per l’operazione. Va ricordato che per ciò che riguarda le somme che si possono trasferire con questo strumento, non vi sono limiti, l’importante è che la cifra sia coperta dal conto corrente.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 27 febbraio 2024
Inflazione: la classifica dei prodotti che hanno subito un aumento di prezzo

Inflazione: la classifica dei prodotti che hanno subito un aumento di prezzo

Negli ultimi due anni - tra 2022 e 2023 - l'inflazione molto alta è costata in media 4.000 euro a famiglia ogni anno. Con contraccolpi molto forti, ovviamente, sulle fasce più deboli. Tantissimi prodotti hanno subito rincari elevatissimi.
pubblicato il 23 febbraio 2024
Confronto tra conti correnti a febbraio 2024

Confronto tra conti correnti a febbraio 2024

Oggi il mercato offre così tanti conti correnti online che capire qual è il migliore diventa sempre più difficile. Per fortuna c’è Facile.it! Ecco 4 conti correnti online a febbraio 2024 trovati grazie al nostro confronto.
pubblicato il 19 febbraio 2024
Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Vuoi guadagnare da subito con un conto deposito? Facile.it offre un confronto veloce tra conti deposito online e ti aiuta a trovare le offerte più remunerative! Ecco come trovare il miglior conto deposito a febbraio 2024.
pubblicato il 15 febbraio 2024
Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Introdotto un nuovo limite per l'uso dei contanti nei versamenti: occorre avere la possibilità di giustificare quelli dai 5.000 euro in su. È valido anche per le donazioni ai figli.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968