Serve assistenza?
02 55 55 5

Arriva il bonifico europeo, che cos'è e come funziona

6 mar 2024 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

facile.it/images/parola esperto conti bonifico europeo

Bonifici sempre più facili e veloci anche in Europa.

Il Parlamento europeo ha, infatti, adottato in via definitiva nuove regole per garantire che i pagamenti “arrivino immediatamente nei conti correnti bancari dei clienti e delle imprese in tutta l’Ue”.

Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e soprattutto, da quando entreranno in vigore queste nuove regole.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Strasburgo ha licenziato con 599 voti a favore e solo 7 contrari (35 astenuti) il testo, noto anche come Instant Payment Regulation (IPR), che “mira a garantire che i clienti e le imprese, in particolare le piccole e medie imprese (Pmi), non debbano attendere per lungo tempo il denaro proveniente dai bonifici bancari, e a migliorare la sicurezza dei trasferimenti monetari – sintetizza una nota – Le banche e i prestatori di servizi di pagamento (Psp) dovranno garantire che i bonifici vengano immediatamente processati”.

Il testo, già concordato con i governi dell'Ue, va, dunque, ad aggiornare le attuali norme dell'area unica dei pagamenti in euro (Sepa).

Cos’è il nuovo bonifico europeo

La proposta per un nuovo bonifico europeo non è nuova. Era già stata presentata due anni fa, quando, secondo le stime della Commissione, solo “l’11 per cento dei trasferimenti in euro è istantaneo e un Psp (prestatori di servizi di pagamento) su tre nell’Ue non presenta questa opzione”. Numeri troppo bassi che in pratica ‘bloccano’ temporaneamente, ogni giorno, ben 200 miliardi di euro di pagamenti. Con l’arrivo delle nuove regole, invece, si avrebbe in pratica uno ‘scongelamento’ immediato di queste somme portando, invece, a benefici per oltre 1,8 miliardi l’anno. Insomma, si tratta di un significativo passo avanti nei pagamenti digitali in Europa che punta ad una maggiore efficienza e sicurezza finanziaria.

Secondo le nuove norme, adottate dal Consiglio d’Europa il 26 febbraio 2024, dunque, il bonifico istantaneo dovrà essere processato, indipendentemente dal giorno o dall'ora, e il denaro arrivare sul conto del beneficiario entro dieci secondi. La conferma dell’esecuzione del pagamento arriverà al pagatore sempre entro dieci secondi.  Un grande beneficio perché questo significa che sia privati che imprese potranno beneficiare di una liquidità quasi immediata, un cambiamento questo che, sicuramente, influenzerà positivamente l’operatività quotidiana di milioni di europei.

Il regolamento, inoltre, stabilisce regole di par condicio tra bonifici istantanei e bonifici non istantanei, innanzi tutto a riguardo dei canali utilizzabili. Gli utenti dovranno, infatti, poter ordinare un bonifico istantaneo con gli stessi strumenti in uso per i bonifici tradizionali, quali, ad esempio, la piattaforma della banca onlinesportelli automatici, terminali self-service, succursali o per telefono. Anzi, il bonifico istantaneo dovrà essere impostato come opzione predefinita per tutti i bonifici in euro.

Un aspetto importante da non sottovalutare è quello che riguarda gli stati membri la cui moneta non è l'euro. Anche questi ultimi, sottolinea Strasburgo, dovranno comunque applicare le norme per i conti bancari che già hanno la possibilità di effettuare operazioni in euro, anche se dopo un tempo di transizione più lungo rispetto a quelli della zona euro. Ciò permetterà di promuovere ulteriormente l’integrazione economica tra i paesi membri dell’Ue.

Una deroga al bonifico entro dieci secondi sarà prevista se effettuati al di fuori dell'orario lavorativo, date le condizioni variabili circa l'accesso alla liquidità in euro.

Quando entreranno in vigore le nuove norme

Il nuovo regolamento entrerà in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Ue ed ha come scopo proprio quello di “garantire l’immediatezza dei trasferimenti di fondi fra conti correnti dei consumatori al dettaglio e delle imprese”.

Gli Stati membri, a loro volta, avranno 12 mesi per poter applicare il regolamento.

I costi del nuovo bonifico istantaneo

E’ stato lo stesso Europarlamento a fissare le regole dei costi del nuovo strumento bancario spazzando ogni dubbio alle preoccupazioni dei consumatori e delle imprese sui costi.

Gli oneri applicati alle operazioni di bonifico istantaneo in euro, è stabilito nel regolamento, non potranno essere superiori a quello dei bonifici regolari. E questo renderà convenienti anche i pagamenti istantanei, rendendo questa opzione accessibile a tutti.

A oggi in Italia un bonifico istantaneo costa circa 2 euro quasi il triplo di quello ordinario dal costo di 0,70 euro. Cosa questa che ha sicuramente contribuito a disincentivare i clienti all’utilizzo del a richiedere ed effettuare un bonifico istantaneo.

Sicurezza contro le frodi finanziarie e sanzioni

Il regolamento Ue ha dedicato, inoltre, un importante capitolo sulla sicurezza on line, per ridurre il rischio di frodi finanziarie.

Nello specifico, le banche e i Psp dovranno disporre per i consumatori di misure avanzate di prevenzione delle frodi e sistemi di individuazione, per limitare i rischi ed evitare che i bonifici siano versati su conti sbagliati a causa di truffe o errori. Per tale ragione banche e Psp europee dovranno:

  • fornire, senza costi aggiuntivi, un servizio per verificare l’identità del destinatario;
  • consentire ai loro clienti di fissare un importo massimo, sia su base giornaliera che per singola transazione, per i bonifici istantanei in euro.

In particolare, il regolamento Ue sui bonifici istantanei prevede che i prestatori di servizi di pagamento istantaneo verifichino la corrispondenza tra il codice IBAN e il nome del beneficiario con lo scopo di avvertire il pagatore di eventuali errori o frodi prima di effettuare un'operazione. Questo passaggio si applicherà anche ai bonifici tradizionali. In effetti, è compito degli intermediari, nell’ambito della prevenzione di truffe, adoperarsi per evitare che un bonifico sia inviato a un beneficiario sbagliato in conseguenza di frode o errore, considerato che l’ordinante potrebbe non avere la possibilità di recuperare i fondi prima che siano accreditati sul conto del beneficiario. Senza commissioni o spese aggiuntive, gli intermediari dovranno, quindi, fornire un servizio di verifica del beneficiario del bonifico (servizio di verifica). La verifica dovrà avvenire subito dopo l’inserimento dell’informazioni sul beneficiario e prima che della autorizzazione dell’operazione da parte dell’ordinante. In questi casi, può capitare che non ci sia una perfetta corrispondenza tra il nome digitato dall’ordinante e quello risultante dagli archivi elettronici: ad esempio a causa della presenza di segni diacritici, per la possibilità di più traslitterazioni dei nomi in alfabeti diversi, per la diversità di nomi di comune utilizzo rispetto a quelli indicati nei documenti ufficiali. Se, quindi, il nome del beneficiario fornito dal pagatore e il nome associato all’identificativo del conto di pagamento del destinatario (l’Iban) non presentano una corrispondenza esatta ma una “quasi-corrispondenza”, per non bloccare o ritardare l’operazione (che dovrebbe essere istantanea), la banca dovrà indicare al pagatore/ordinante il nome del beneficiario associato all’Iban e l’ordinante avrà la possibilità di decidere se andare avanti oppure non con il bonifico.

Inoltre, I clienti potranno richiedere un risarcimento in caso di frode, solo se il prestatori di servizi di pagamento non ha adempiuto agli obblighi di prevenzione delle truffe.

Autore
facile.it/publishers/giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 10 aprile 2024
Confronto di conti correnti a zero spese ad aprile 2024

Confronto di conti correnti a zero spese ad aprile 2024

Il conto corrente è uno strumento finanziario che posseggono quasi tutti gli italiani. Però la sua gestione ha un costo, che cambia a seconda del tipo di conto che sottoscriviamo: tradizionale oppure online, il più economico. Ecco quali sono i tre conti a costo zero più convenienti di questo mese.
pubblicato il 4 aprile 2024
Le pensioni INPS aprile 2024: importi più alti grazie alla riforma Irpef

Le pensioni INPS aprile 2024: importi più alti grazie alla riforma Irpef

Le pensioni da aprile 2024 avranno importi più alti, grazie alla riforma dell’Irpef: dall'inizio dell’anno è stata abolita l’aliquota al 25% ed è stata estesa fino a 28.000 euro lordi l’anno quella al 23%. Coinvolti 25.000.000 cittadini. Nessun vantaggio per chi è sotto i 14.000 euro e sopra i 50.000.
pubblicato il 5 aprile 2024
Quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024

Quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024

Desideri aprire un nuovo conto corrente, ma non sai quale scegliere? Ecco quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024.
pubblicato il 2 aprile 2024
Fisco: dopo 5 anni, stralcio automatico delle cartelle non riscosse

Fisco: dopo 5 anni, stralcio automatico delle cartelle non riscosse

Dopo 5 anni dalla richiesta di riscossione, le cartelle esattoriali saranno stralciate. Lo stralcio automatico è tra le scelte fatte dal Governo, che ha rimesso mano al sistema della riscossione. Obiettivo: renderlo più "veloce ed efficiente".

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968