Serve assistenza?
02 55 55 111

Cashback 2021: anche bollo auto, multe e assicurazioni sono inclusi

1 mar 2021 | 6 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

assicurazioni expert speaks cashback inclusi bollo multe assicurazioni

Il 2021 porta delle novità per milioni di automobilisti italiani. E finalmente non si tratta di maggiori esborsi ma di rimborsi, seppur esigui. Arriva, infatti, la notizia che anche il bollo auto e moto, le multe o le assicurazioni potranno beneficiare dell’ormai gettonatissimo cashback di Stato. Un’iniziativa, questa del cashback, partita a Natale e che ha visto l’adesione di ben 5,8 milioni di italiani che si sono registrati con 9,8 milioni di strumenti di pagamento elettronici e che hanno effettuato oltre 63 milioni di transazioni.

RC Auto: offerte da 131€*

Numeri molto alti, non c'è che dire. Dal primo gennaio è ora partita la seconda fase che include, appunto, anche le spese relative ai veicoli come il pagamento del bollo, delle multe, delle assicurazioni, ma anche della benzina e tutte le altre spese legate alla gestione della vostra automobile. Senza dubbio una buona notizia per i tanti automobilisti chiamati proprio in questi mesi a pagare il bollo auto.

Come si ottiene il diritto al rimborso

Non tutte le transazioni, infatti, ne danno diritto. Esattamente come avviene per tutte le altre spese, anche questi pagamenti dovranno essere effettuati con bancomat, carte di credito o di debito. L’importante è, però, che avvengano presso esercizi commerciali fisici, e quindi non online.

Questa non è l’unica condizione necessaria.

La seconda è quella di dover scaricare l’app Io, quella, cioè, della Pubblica Amministrazione.

Il versamento del bollo auto dovrà, quindi, essere effettuato presso una tabaccheria o altro punto vendita autorizzato che permetta di pagare con bancomat, carta di credito o un'app tipo Satispay. Solo in questo modo il pagamento darà diritto al rimborso del 10% riconosciuto dallo Stato. c'è da evidenziare, però, che l’importo massimo su cui viene calcolato il cashback vale fino a 150 euro di spesa (dunque, si parla di massimo 15 euro di rimborso, ndr).

Vale comunque la pena usarlo anche per la manutenzione del veicolo, il cambio gomme, l’acquisto di accessori, ma anche per le spese di una perizia assicurativa.

Cashback, rimborsi per il bollo auto

Il bollo auto (la tassa automobilistica gestita dalle Regioni e dalle Province Autonome di Bolzano e Trento ad eccezione delle Regioni Friuli Venezia Giulia e Sardegna per le quali è gestita dall'Agenzia delle Entrate, ndr) andrà pagato, come detto, presso le agenzie specializzate, tabaccherie, uffici postali o altri esercizi fisici che offrono questo servizio. In molti casi la tassa annuale di possesso è superiore ai 150 euro, per cui i rimborsi saranno inferiori al 10%, poiché si fermeranno a 15 euro. Attenzione: come già detto, dal rimborso sono esclusi i pagamenti online, dunque anche quelli fatti tramite l’app Io.

In alcune regioni, inoltre, è stata prevista la sospensione del pagamento del bollo per l’emergenza legata alla pandemia da Coronavirus, quindi è utile verificare prima del pagamento quali sono le disposizioni vigenti nella propria zona.

In altri casi è stata prevista, inoltre, e non solo per quest'anno, l'esenzione totale o parziale della tassa automobilistica. Esoneri e/o agevolazioni sono previsti per le categorie protette (in questo caso dipende dalla disabilità del possessore del veicolo) e nel caso di vetture eco-friendly. Termini di pagamenti differenti riguardano anche le zone del Centro Italia colpite dal sisma del 24 agosto e di Catania colpita dal terremoto del dicembre 2018. Sospensione dei pagamenti, infine, senza applicazione di sanzioni e interessi, sono stabiliti, in merito alla situazione pandemica da Covid-19, dalle singole Amministrazioni in maniera discrezionale.

E’ dunque importante verificare sul sito dell’Aci dove è disponibile un rapido sistema per calcolare l'importo esatto del bollo auto da pagare, a seconda della regione di riferimento. Per effettuare il calcolo basta indicare il tipo di veicolo posseduto, inserire il numero di targa e selezionare il tipo di pagamento prescelto.

Cashback per l’assicurazione

Per poter ottenere il rimborso, l’assicurazione non dovrà essere pagata per via telematica, ma presso la sede fisica. Anche in questo caso vale il limite massimo di 150 euro.

Cashback per pagare le multe

Nel piano Italia Cashless del Governo rientrano anche le spese relative al pagamento delle multe legate alle violazioni del Codice della Strada. Se il pagamento avviene entro cinque giorni dalla notifica, l’automobilista potrà usufruire di un vantaggio doppio: lo 'sconto' immediata del 30% per il versamento e il successivo rimborso del 10% (o comunque di massimo15 euro, se l’importo supera i 150 euro, ndr) della somma pagata con gli strumenti già menzionati. Se avviene dopo, si potrà comunque ottenere il cashback di Stato.

Cashback, gli acquisti validi

Per partecipare al piano cashless sono validi tutti gli acquisti effettuati nei negozi, nei supermercati, nei bar, presso la grande distribuzione, nei ristoranti, o per professionisti o artigiani effettuati tramite pos.

Non sono validi, invece: gli acquisti online; quelli effettuati fuori dal territorio nazionale, inclusi quelli effettuati nello Stato della Città del Vaticano e nella Repubblica di San Marino; quelli nell’ambito di attività d’impresa, artigianale o professionale; gli acquisti presso gli esercenti che ancora non sono convenzionati.

Ancora, non sono valide le operazioni effettuate presso gli sportelli ATM(es. prelievi, ricariche telefoniche);
le operazioni che riguardano pagamenti ricorrenti, con addebito su carta o su conto corrente; i pagamenti effettuati attraverso bonifico.

Cashback, come iscriversi

Se ancora non vi siete iscritti a dicembre 2020 in occasione del cashback di Natale, ecco come fare per partecipare.

Innanzitutto bisogna aver compiuto i 18 anni e risiedere in Italia. Poi, bisogna scaricare e installare l'app Io sul proprio smartphone o tablet;

Al momento dell’adesione bisogna fornire: il codice fiscale, il codice IBAN per l’erogazione dei rimborsi, gli estremi identificativi di uno o più strumenti di pagamento elettronici che si utilizzeranno ai fini del programma.

I primi rimborsi della fase sperimentale sono già arrivati anche se non sono mancate le polemiche.

Sono tanti, infatti, i consumatori che, una volta verificati i pagamenti effettuati e quelli effettivamente registrati dall’app IO, si sono resi conto che in realtà non tutte le operazioni sono state calcolate ai fini del rimborso.

Consap, cioè la società che si occupa di gestire i rimborsi per conto del Mef, ha, dunque, predisposto un portale ad hoc per i reclami. Il cittadino dovrà registrarsi sul sito per poter inserire un reclamo. Inoltre, bisognerà allegare alla domanda la documentazione necessaria per richiedere la rettifica del rimborso (ad esempio, sperando di averli conservati, gli scontrini Pos). Insomma, non proprio una procedura agevole visto che poi, una volta inserito il tutto bisognerà attendere la risposta di Consap.

"Sono tante le segnalazioni da parte di consumatori che, pur avendo registrato le proprie carte e compiuto operazioni valide, non hanno raggiunto la soglia dei 10 pagamenti minimi per ottenere il rimborso, a causa del mancato riconoscimento di alcune transazioni da parte del sistema - spiega il presidente del Codacons Carlo Rienzi - migliaia di cittadini sono stati così esclusi dai rimborsi, e i loro reclami inviati attraverso l'App Io non hanno ricevuto alcun riscontro". Il Codacons, contestando i numeri forniti da Consap secondo cui sarebbero stati rimborsati 233 milioni di euro ai cittadini che hanno aderito al programma Cashback di Natale, ha chiesto "di svolgere una approfondita indagine e fornire risposta a tutti coloro che hanno visto sparire operazioni correttamente eseguite, perchè tali situazioni scoraggiano il programma Cashback e arrecano un danno sul fronte della fiducia dei cittadini".
Non è escluso che con il cambio di governo possa esserci comunque un restyling del programma.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Assicurazioni

pubblicato il 21 febbraio 2024
Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Gli autovelox sono l’incubo di tutti gli automobilisti. Bastano anche pochi km orari in più rispetto ai limiti previsti su strade e autostrade per ricevere una contravvenzione e spesso per perdere punti sulla patente.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

L’assicurazione auto sta diventando quasi un lusso a causa dell’aumento delle polizze che non accenna a fermarsi. Una recente indagine ha registrato addirittura un incremento dei prezzi Rc Auto di oltre il 27% in un anno.
pubblicato il 14 febbraio 2024
Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Il bollettino statistico dell’Ivass ha calcolato in 302 euro la media dei prezzi Rc Auto nel primo semestre 2023 al netto di tasse e spese, in aumento di 9 euro sull’anno precedente. Tuttavia, considerando il prezzo pieno l’importo schizza a quasi 400 euro.
pubblicato il 9 febbraio 2024
Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Scopri tutte le novità nella nuova pianificazione degli incentivi per moto e scooter 2024, e come cambiano rispetto all'anno appena concluso.

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: scopri su Facile.it in cosa consistono e perché possono essere utili per proteggere il flusso di cassa della tua azienda, e mantenerlo al riparo da imprevisti!
pubblicato il 18 gennaio 2024
Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Le polizze investimento a capitale garantito sono degli strumenti finanziari che permettono di recuperare l'investimento fatto inizialmente. Da un lato, sono prodotti meno rischiosi di altri, dall'altro però offrono un rendimento minore.
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Sempre più over 65 decidono di affidarsi a una polizza sanitaria per coprire le spese mediche e non solo. Qui troverai una breve spiegazione di come funziona questo prodotto assicurativo e di cosa copre.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Cos'è e come funziona la polizza Key Man

Cos'è e come funziona la polizza Key Man

La polizza Key Man è una forma di protezione che le aziende possono adottare per mitigare i rischi derivanti dalla perdita improvvisa di una figura chiave all'interno dell'organizzazione.
pubblicato il 11 gennaio 2024
La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O, chiamata anche "Polizza per la Responsabilità Civile degli organi di Gestione e Controllo della Società", è un'assicurazione essenziale per proteggere il patrimonio personale degli amministratori, dirigenti e sindaci delle società.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Se hai intenzione di aprire un fondo pensione e di avere una pensione integrativa ma non hai ancora le idee chiare su condizioni e vantaggi, ecco una guida per risolvere i tuoi dubbi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Molti genitori sono preoccupati per il futuro dei propri figli e desiderano investire per garantire loro una solida base finanziaria. In questa guida, esploreremo alcune opzioni di investimento per i bambini e forniremo consigli su come pianificare la gestione dei risparmi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

La deduzione fiscale dei fondi pensione consente di risparmiare sulle tasse e allo stesso tempo garantire un futuro finanziario sicuro durante la pensione. Seguendo regole specifiche e massimizzando i contributi deducibili, è possibile ottenere il massimo vantaggio fiscale dai fondi pensione.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968