Guerra in Ucraina: l'impatto economico sull'Italia

Guerra in Ucraina: l'impatto economico sull'Italia

La guerra in Ucraina rallenterà la crescita nell'UE. Anche l'Italia, pur crescendo rispetto al 2021 e al 2020, nel 2022 vedrà calare almeno dello 0,7% le previsioni (erano pari al +4,1% annuale) precedenti sul Pil (prodotto interno lordo), per l'aumento dei prezzi dell'energia.

Nella speranza che non si aggiungano altri fattori negativi, Facile.it, comparatore n.1 in Italia per le migliori carte di credito, cerca di approfondirne i motivi.

La produzione industriale

Quel calo dello 0,7% è frutto di una prima recente valutazione dell'Istituto nazionale di Statistica (Istat) legata al solo incremento dei costi energetici, a parità di altre condizioni, qualora le quotazioni di gas e petrolio restassero sui livelli di inizio 2022. Tutto ciò ha già frenato la produzione industriale italiana a Gennaio e Febbraio.

I consumi delle famiglie

Il quotidiano Avvenire, nel riferire la valutazione, scrive che l'attività economica verrebbe condizionata negativamente dal più basso livello dei consumi delle famiglie che si accompagnerebbe a una riduzione della propensione al risparmio. Rispetto allo scenario base risulterebbe più bassa sia l'occupazione, sia il saldo della bilancia di beni e servizi.

Inflazione verso il 6%

Anche alcune stime del Centro studi di Unimpresa (rappresenta le micro, piccole e medie imprese) vanno in questa direzione: prevedono - a causa della crisi determinata dalla guerra tra Russia e Ucraina - l'aumento dell’inflazione, che potrebbe arrivare fino al 6%, e l'effetto negativo sul Pil, che si attesterebbe molto al di sotto del 4%.

Verso un 2022 complicato

Per Unimpresa, qualora il conflitto russo-ucraino si confermasse di lunga durata, il prodotto interno lordo italiano, nello scenario più avverso, accuserebbe un contraccolpo dell’1,1%, fermandosi complessivamente sotto la soglia del 3%. ...L’Italia deve prepararsi a un anno assai complesso: l’aumento del prezzo delle materie prime farà inevitabilmente salire i costi di produzione delle attività manifatturiere, con danni durissimi da sopportare soprattutto per le piccole e medie imprese.

Il carrello della spesa

Secondo il Centro di ricerca finanziaria indipendente Mazziero Research, riporta Idealista.it, la guerra ha introdotto ulteriori incertezze e spinto ancora più in alto i prezzi di petrolio, gas e prodotti agricoli, con aumenti che non si sono ancora riversati interamente sul carrello della spesa.

La sfiducia dei consumatori

Continua l'analisi: L'attuale dinamica dei prezzi fa pensare che non si tratti di un fenomeno temporaneo, ma che possa durare per diversi mesi. Nel contempo, la sostanziale stabilità dei salari determina una sensibile perdita del potere di acquisto, peggiorando la fiducia dei consumatori.

Migliori carte di credito del mese

Banca:BBVA
Prodotto:BBVA Debit
Canone annuo zero
Banca:ING
Prodotto:Carta di Credito Mastercard Gold
Canone annuo zero
Banca:American Express
Prodotto:Carta Oro
Canone annuo zero
*Le tabelle riportano a titolo esemplificativo la struttura del sito. Per tutte le offerte poste in comparazione clicca sul tasto vai e ottieni tutte le informazioni necessarie per valutare la proposta adatta alle tue esigenze Confronta le carte di credito

Carte e bancomat: trova la migliore Confronto CARTE
pubblicato da il 22 marzo 2022

Offerte confrontate

Confronta online le migliori carte di credito e trova la soluzione che fa per te.

Ultime notizie Carte

News Carte

Guide alle carte

Guide Carte

Prodotti

Leggi i dettagli e le caratteristiche dei principali circuiti di pagamento e delle carte più diffuse in Italia. Circuiti carte di credito

Che fai lì fuori?

Accedi e confronta le offerte ancora più velocemente: risparmia tempo e denaro!

Accedi

oppure