Serve assistenza?
02 55 55 111

RC auto: il terzo trasportato ha diritto al risarcimento in caso di incidente?

24 feb 2023 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

assicurazioni expert speaks il terzo trasportato ha diritto al risarcimento in caso di incidente

Quando avviene un incidente stradale bisogna considerare tutte le persone coinvolte. Chi si ritrova su un veicolo, ma non è il conducente, viene definito terzo. Anche quest’ultimo, in caso di danni a seguito di un sinistro stradale, avrà diritto ad un risarcimento danni. Per il terzo la legge che regolamenta le assicurazioni auto ha previsto una disciplina ad hoc in suo favore, proprio per ottenere il risarcimento in maniera più agevole. Vediamo chi può essere considerato terzo e quando ha diritto ad un risarcimento danni.

RC Auto: offerte da 131€*

Chi sono i terzi

Non tutti i danneggiati da un sinistro sono considerati terzi. Non basta, infatti, essere trasportati per rientrare nella definizione di terzi ed ottenere quindi il risarcimento. La legge su questo è chiara, la definizione di terzi nella responsabilità civile dipende dai rapporti che sussistono tra assicurato e danneggiati. I rapporti di parentela o professionali con l'assicurato potrebbero, infatti, escludere alcuni soggetti da questa classificazione, a seconda delle polizze assicurative.

Dunque vediamo quali sono i soggetti esclusi da questa definizione.

E’ l'art. 129 del Codice delle Assicurazioni che disciplina che non sono considerati terzi:

  • ovviamente il conducente del veicolo responsabile: qualunque sia il danno riportato dal conducente, fisico o a cose, questo non è considerato terzo e per garantirsi una copertura occorre inserire la clausola conducente, dal momento che la RCA non copre il guidatore;
  • il coniuge non legalmente separato o il convivente more uxorio;
  • gli affiliati e gli altri parenti e affini fino al terzo grado di tutti i predetti soggetti, quando convivano con questi o siano a loro carico;
  • gli ascendenti e discendenti legittimi, naturali o adottivi del conducente responsabile o del proprietario del veicolo, o, in sua vece, l'usufruttuario o l'acquirente con patto di riservato dominio;
  • i soci a responsabilità illimitata, se l’assicurato è una società.

A parte i soggetti sopra elencati (per i quali la copertura riguarda i soli danni fisici, ndr) tutti gli altri eventualmente coinvolti in un sinistro sono, dunque, considerati terzi e hanno diritto al risarcimento, sia per i danni fisici sia per i danni alle cose.

C’è da sottolineare che può essere considerato terzo trasportato anche lo stesso proprietario del veicolo, purchè non si trovasse alla guida al momento del sinistro.

Il terzo trasportato e le responsabilità del sinistro

E’ bene chiarire sin da subito che il terzo trasportato che ha riportato dei danni durante un incidente deve essere risarcito indipendentemente dall'accertamento della responsabilità dei conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro.

A confermare ulteriormente questo fatto è arrivata, a luglio 2020, anche la Cassazione che con l’ordinanza 13738/2020 ha sentenziato su un caso decisamente al limite.

La Suprema Corte, infatti, nel caso di un proprietario di un veicolo (che, tra le altre cose, al momento dell’incidente viaggiava sul cofano dell’auto) guidato al momento dell’incidente da un minorenne senza patente ha applicato un principio sancito dalla Corte di Giustizia UE che conferma come il danneggiato abbia diritto sempre e comunque al risarcimento.

Dopo i primi due gradi di giudizio in cui al terzo trasportato era stato negato ogni tipo di risarcimento a causa di una sua responsabilità nel sinistro riconosciuta al 60%, i giudici di Piazza Cavour hanno, invece, ribaltato il tutto, sottolineando come obiettivo della normativa comunitaria sia quello di risarcire sempre e comunque le vittime di incidenti stradali, e che le normative interne non possono limitare il diritto al risarcimento del danno del passeggero solo perché corresponsabile nel sinistro.

Risarcimento al terzo trasportato. Come procedere

La procedura per richiedere il risarcimento danni in seguito a un incidente da parte del danneggiato va svolta separatamente da quelle previste per il risarcimento ordinario o diretto. Per ottenere il risarcimento, infatti, il danneggiato deve inoltrare apposita domanda alla compagnia assicuratrice del veicolo sul quale era a bordo al momento del sinistro, optando per il “risarcimento del terzo trasportato”.

L’assicurazione, è bene ribadirlo, sarà sempre tenuta a risarcire il passeggero, a prescindere dalle eventuali colpe del conducente del veicolo su cui era trasportato.

Così come previsto nel caso del risarcimento diretto, la procedura per richiedere un indennizzo dei danni al terzo trasportato va attivata con l’invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno alla compagnia assicurativa.
All’interno della richiesta sarà necessario inserire una serie di dati fondamentali quali:

  • le generalità del soggetto che ha diritto al risarcimento e l’età;
  • le circostanze nelle quali è avvenuto l’incidente;
  • il codice fiscale del danneggiato;
  • l’attività e il reddito del danneggiato;
  • i certificati medici che attestino l’entità delle lesioni subite;
  • il certificato medico che dimostri l’avvenuta guarigione;
  • il luogo e i giorni in cui le cose danneggiate sono disponibili per un accertamento del perito di parte (con disponibilità di cinque giorni lavorativi);
  • una dichiarazione attestante che il danneggiato non ha diritto a prestazioni da parte di altri istituti di assicurazioni sociali obbligatorie (ad esempio l’INAIL);
  • in caso di incidente mortale sarà necessario anche lo stato di famiglia della vittima.

L’assicurazione dopo aver ricevuto la richiesta di risarcimento per verificare la reale entità dei danni richiesti chiederà l’intervento di un perito o di un medico legale. Da questo momento avrà, in caso di lesioni, 90 giorni di tempo per formulare un’offerta di risarcimento. Se invece si tratta di danni a cose il termine sarà di due mesi. Sarà poi il terzo a stabilire se accettare l’offerta di risarcimento o meno. In caso positivo la liquidazione si avrà entro il termine di 15 giorni. Se la cifra sembrerà troppo bassa rispetto ai danni subiti si potrà sempre rifiutare ricevendo quanto proposto come anticipo.

Casi particolari in cui è previsto il risarcimento

Ci sono diversi casi in cui il risarcimento è comunque previsto. Il diritto al risarcimento è previsto sia che il veicolo sia in movimento o in sosta, quindi il terzo trasportato sarà risarcito anche se l’incidente è avvenuto mentre saliva o scendeva dal mezzo.

Il risarcimento potrà essere chiesto anche se il veicolo era sprovvisto di polizza assicurativa. In questo caso la richiesta andrà inviata al Fondo di Garanzia Vittime per la Strada. Il diritto al risarcimento non è escluso neanche nel caso in cui non è stata indossata la cintura di sicurezza sui sedili anteriori o posteriori oppure il casco su un ciclomotore. Unica differenza sarà che in questo caso il risarcimento sarà ridotto in proporzione ai danni che si sarebbero potuti evitare rispettando le norme di sicurezza.

Unico caso in cui il risarcimento non si applica si ha quando il sinistro avviene per caso fortuito. E questo perché si tratta di un evento straordinario e imprevedibile che non può essere controllato dall’uomo.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Assicurazioni

pubblicato il 21 febbraio 2024
Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Gli autovelox sono l’incubo di tutti gli automobilisti. Bastano anche pochi km orari in più rispetto ai limiti previsti su strade e autostrade per ricevere una contravvenzione e spesso per perdere punti sulla patente.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

L’assicurazione auto sta diventando quasi un lusso a causa dell’aumento delle polizze che non accenna a fermarsi. Una recente indagine ha registrato addirittura un incremento dei prezzi Rc Auto di oltre il 27% in un anno.
pubblicato il 14 febbraio 2024
Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Il bollettino statistico dell’Ivass ha calcolato in 302 euro la media dei prezzi Rc Auto nel primo semestre 2023 al netto di tasse e spese, in aumento di 9 euro sull’anno precedente. Tuttavia, considerando il prezzo pieno l’importo schizza a quasi 400 euro.
pubblicato il 9 febbraio 2024
Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Scopri tutte le novità nella nuova pianificazione degli incentivi per moto e scooter 2024, e come cambiano rispetto all'anno appena concluso.

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: scopri su Facile.it in cosa consistono e perché possono essere utili per proteggere il flusso di cassa della tua azienda, e mantenerlo al riparo da imprevisti!
pubblicato il 18 gennaio 2024
Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Le polizze investimento a capitale garantito sono degli strumenti finanziari che permettono di recuperare l'investimento fatto inizialmente. Da un lato, sono prodotti meno rischiosi di altri, dall'altro però offrono un rendimento minore.
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Sempre più over 65 decidono di affidarsi a una polizza sanitaria per coprire le spese mediche e non solo. Qui troverai una breve spiegazione di come funziona questo prodotto assicurativo e di cosa copre.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Cos'è e come funziona la polizza Key Man

Cos'è e come funziona la polizza Key Man

La polizza Key Man è una forma di protezione che le aziende possono adottare per mitigare i rischi derivanti dalla perdita improvvisa di una figura chiave all'interno dell'organizzazione.
pubblicato il 11 gennaio 2024
La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O, chiamata anche "Polizza per la Responsabilità Civile degli organi di Gestione e Controllo della Società", è un'assicurazione essenziale per proteggere il patrimonio personale degli amministratori, dirigenti e sindaci delle società.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Se hai intenzione di aprire un fondo pensione e di avere una pensione integrativa ma non hai ancora le idee chiare su condizioni e vantaggi, ecco una guida per risolvere i tuoi dubbi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Molti genitori sono preoccupati per il futuro dei propri figli e desiderano investire per garantire loro una solida base finanziaria. In questa guida, esploreremo alcune opzioni di investimento per i bambini e forniremo consigli su come pianificare la gestione dei risparmi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

La deduzione fiscale dei fondi pensione consente di risparmiare sulle tasse e allo stesso tempo garantire un futuro finanziario sicuro durante la pensione. Seguendo regole specifiche e massimizzando i contributi deducibili, è possibile ottenere il massimo vantaggio fiscale dai fondi pensione.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968