Serve assistenza?
02 55 55 111

Assicurazione, pagamento in ritardo. Che succede e quali sono i rischi?

13 mar 2023 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

assicurazioni expert speaks cosa succede pagando in ritardo l assicurazione auto

In Italia l’assicurazione per circolare è obbligatoria ed è importante non dimenticarsi mai di rinnovarla.

La copertura Rc auto, infatti, tutela l’assicurato in caso di danni a persone o cose durante la circolazione stradale con il proprio veicolo.

RC Auto: offerte da 131€*

Come molti già sanno, esiste una sorta di tolleranza da parte della legge per cui sarà possibile rinnovare la propria assicurazione anche dopo la data di scadenza, l’importante è farlo entro e non oltre i quindici giorni. Durante questo arco temporale non è prevista alcuna sanzione e non si potrà essere multati. Su questo punto ha fatto chiarezza lo stesso Ministero dell’Interno con una circolare del 14 febbraio 2013 specificando che “per un periodo limitato di quindici giorni dalla scadenza, l’assicurato, in attesa di sottoscrivere un altro contratto in tempo utile, durante tale periodo può continuare ad esibire il certificato e il contrassegno scaduti”.

Esiste, dunque, una sorta di “periodo di tolleranza” quindicinale, durante il quale la compagnia assicurativa garantisce copertura aggiuntiva, anche se la polizza non è stata rinnovata: è la cosiddetta ultrattività dell’assicurazione che scatta, fare bene attenzione, solo quando il contratto è annuale.

Passati i quindici giorni (o da subito se invece la polizza non è annuale), cosa succede? E, soprattutto, cosa accade se, nel frattempo, avviene un incidente con il veicolo non coperto da assicurazione?

Andiamo per ordine.

Pagamento in ritardo, le sanzioni

Riguardo la prima domanda a fare chiarezza è lo stesso Codice della strada che all’articolo 193 disciplina che ogni veicolo, per poter circolare, deve essere coperto da una polizza assicurativa di responsabilità civile verso terzi. Nel secondo comma, poi, specifica cosa succede se si circola con l’assicurazione scaduta, anche di un giorno soltanto.

In primis si avrà una sanzione amministrativa che può andare da un minimo di 866 a un massimo di 3.464 euro, oltre al sequestro del veicolo (con il pagamento delle relative spese di prelievo, trasporto e deposito a carico del proprietario). L’importo della multa può essere raddoppiato se, nell’arco di due anni, si sia incorso già per almeno due volte nella stessa violazione, ossia quella dell’assicurazione scaduta.

Alla sanzione amministrativa si aggiungerà anche la sospensione della patente da uno a due mesi. E questo perché guidare con la polizza Rca scaduta per la legge equivale a circolare senza averla affatto e implica, dunque, le stesse conseguenze di chi guida senza assicurazione.

L’importo della multa sarà ridotto, invece, in due casi:

  • Se si procede al rinnovo della polizza entro trenta giorni dalla scadenza del contratto;
  • Se si provvede a demolire il veicolo entro trenta giorni dal momento in cui è stata accertata la violazione.

Copertura assicurativa dopo la scadenza, cosa succede?

La regola da tenere a mente, dunque, è sempre una: non dimenticare mai il rinnovo della polizza Rc auto. Se non si fa entro la mezzanotte dell’ultimo giorno, la copertura non ci sarà finchè non verrà pagata la rata. Scaduto il contratto annuale (e quindi la seconda rata) con l’assicurazione si avranno quindici giorni per pagare il premio di rinnovo o per stipulare un nuovo contratto con una nuova assicurazione. Ricordiamo che il rinnovo automatico dell’assicurazione auto è stato abolito, dunque dal 2012 il rinnovo della Rc auto non è più automatico.

Nello specifico per il Codice Civile: il pagamento mancato della prima rata di un nuovo contratto comporta una sospensione dell’assicurazione auto fino alla mezzanotte del giorno in cui il contraente paghi il dovuto. Questo significa che se si fa un incidente nei primi quindici giorni dopo la cessazione della polizza, essa resta comunque attiva.

Trascorsi i quindici giorni, invece, tutti i sinistri avvenuti in quest’arco di tempo non saranno coperti. In questi casi, per gli incidenti, cioè, causati dall’automobilista moroso potrà intervenire il Fondo di Garanzia Vittime della Strada. E’ importante ricordare, però, che quest’ultimo si può rivalere sul guidatore stesso per le somme erogate.

Nel caso in cui tu sia il danneggiato, sarai comunque risarcito dalla compagnia assicurativa: lo sanciscono alcune recenti sentenze della giurisprudenza secondo le quali “il diritto all’indennizzo da fatto illecito altrui non è subordinato alla sottoscrizione, da parte del danneggiato stesso, di una valida polizza”.

Le stesse regole valgono anche per i motoveicoli.

E se la macchina è ferma?

Queste regole non valgono solo se il veicolo è in “circolazione”. Non necessariamente il mezzo, infatti, deve essere in movimento, in quanto se lasciato privo di copertura assicurativa parcheggiato su una strada pubblica o in un’area aperta al pubblico (ad esempio il parcheggio di un centro commerciale) può essere sanzionato.

Come sapere quando scade l’assicurazione?

Per evitare inconvenienti è necessario conoscere bene la data di scadenza della propria polizza. In che modo? La data della scadenza dell’assicurazione è riportata sul contratto stesso rilasciato dalla compagnia assicurativa (ricordiamo che non è più obbligatorio esporre il contrassegno) o anche visualizzarla online, all’indirizzo internet www.ilportaledellautomobilista.it del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Sarà sufficiente accedere alla sezione “Verifica Copertura Assicurativa RCA e inserire la targa del veicolo o del ciclomotore del quale si vuole verificare la validità della polizza assicurativa. Negli ultimi anni, inoltre, sono state create diverse applicazioni per smartphone che ricordano questa scadenza.

Le compagnie assicurative, in ogni caso, hanno l’obbligo di inviare un promemoria almeno trenta giorni prima della scadenza della polizza: in questa occasione si riceverà, di solito via mail, il preventivo di rinnovo e l'attestato di rischio.

Come rinnovare l’assicurazione?

L’articolo 170-bis del Decreto Legge 179/2012 ha eliminato, come detto, il tacito rinnovo delle polizze assicurative: questo significa che il rinnovo della polizza Rc auto non è più automatico. Al momento della scadenza si potrà decidere autonomamente se rinnovare il contratto oppure cambiare compagnia senza costi aggiuntivi. Il consiglio è quello di informarsi sulle migliori offerte del momento.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Assicurazioni

pubblicato il 21 febbraio 2024
Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Gli autovelox sono l’incubo di tutti gli automobilisti. Bastano anche pochi km orari in più rispetto ai limiti previsti su strade e autostrade per ricevere una contravvenzione e spesso per perdere punti sulla patente.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

L’assicurazione auto sta diventando quasi un lusso a causa dell’aumento delle polizze che non accenna a fermarsi. Una recente indagine ha registrato addirittura un incremento dei prezzi Rc Auto di oltre il 27% in un anno.
pubblicato il 14 febbraio 2024
Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Il bollettino statistico dell’Ivass ha calcolato in 302 euro la media dei prezzi Rc Auto nel primo semestre 2023 al netto di tasse e spese, in aumento di 9 euro sull’anno precedente. Tuttavia, considerando il prezzo pieno l’importo schizza a quasi 400 euro.
pubblicato il 9 febbraio 2024
Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Scopri tutte le novità nella nuova pianificazione degli incentivi per moto e scooter 2024, e come cambiano rispetto all'anno appena concluso.

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: scopri su Facile.it in cosa consistono e perché possono essere utili per proteggere il flusso di cassa della tua azienda, e mantenerlo al riparo da imprevisti!
pubblicato il 18 gennaio 2024
Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Le polizze investimento a capitale garantito sono degli strumenti finanziari che permettono di recuperare l'investimento fatto inizialmente. Da un lato, sono prodotti meno rischiosi di altri, dall'altro però offrono un rendimento minore.
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Sempre più over 65 decidono di affidarsi a una polizza sanitaria per coprire le spese mediche e non solo. Qui troverai una breve spiegazione di come funziona questo prodotto assicurativo e di cosa copre.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Cos'è e come funziona la polizza Key Man

Cos'è e come funziona la polizza Key Man

La polizza Key Man è una forma di protezione che le aziende possono adottare per mitigare i rischi derivanti dalla perdita improvvisa di una figura chiave all'interno dell'organizzazione.
pubblicato il 11 gennaio 2024
La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O, chiamata anche "Polizza per la Responsabilità Civile degli organi di Gestione e Controllo della Società", è un'assicurazione essenziale per proteggere il patrimonio personale degli amministratori, dirigenti e sindaci delle società.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Se hai intenzione di aprire un fondo pensione e di avere una pensione integrativa ma non hai ancora le idee chiare su condizioni e vantaggi, ecco una guida per risolvere i tuoi dubbi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Molti genitori sono preoccupati per il futuro dei propri figli e desiderano investire per garantire loro una solida base finanziaria. In questa guida, esploreremo alcune opzioni di investimento per i bambini e forniremo consigli su come pianificare la gestione dei risparmi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

La deduzione fiscale dei fondi pensione consente di risparmiare sulle tasse e allo stesso tempo garantire un futuro finanziario sicuro durante la pensione. Seguendo regole specifiche e massimizzando i contributi deducibili, è possibile ottenere il massimo vantaggio fiscale dai fondi pensione.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968