02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Polizze dormienti: l'IVASS trova altri 330.000 beneficiari

Polizze dormienti: l'IVASS trova altri 330.000 beneficiari

Il fenomeno delle polizze dormienti riguarda quei contratti assicurativi, soprattutto vita e in subordine infortuni, i cui indennizzi non risultano liquidati ai legittimi beneficiari in quanto questi ultimi sono ignari di esserlo e pertanto non procedono, al decesso dell’assicurato, a farne richiesta, col rischio di perdere il denaro.

Nella sua ultima indagine l’IVASS ha rilevato circa 330.000 potenziali beneficiari.

Il controllo dell’IVASS sulle polizze dormienti

Da qualche anno, infatti, l’Istituto per la Vigilanza sulle Imprese di Assicurazione (IVASS) ha avviato un’importante attività di controllo sulle polizze dormienti per assicurarsi che le somme risparmiate dai sottoscrittori di una o più polizze vita caso morte (o di una polizza infortuni che prevede prestazioni in caso di decesso dell’assicurato conseguente a infortunio) vengano riscosse dai legittimi beneficiari, invece di giacere presso le compagnie assicurative in attesa della prescrizione (10 anni), rispettando in questo modo la volontà di chi ha compiuto un atto previdenziale a tutela dei propri cari.

Polizze dormienti: nel 2020 oltre 300.000 beneficiari da rintracciare

A questo proposito l’IVASS ha portato recentemente a termine l’attività di incrocio dei codici fiscali degli assicurati con polizze vita e infortuni (forniti dalle stesse compagnie) e i dati dell’Anagrafe Tributaria per rilevare eventuali decessi non conosciuti dalle imprese di assicurazione, in modo da permettergli di pagare i beneficiari delle polizze. Il lavoro dell’Istituto di Vigilanza ha interessato le imprese assicurative italiane ed estere operanti in Italia e ha riguardato le polizze in vigore al 31 ottobre 2020 (e quelle non più in vigore). Ebbene, incrociando 22,8 milioni di codici fiscali l’IVASS ha rilevato ben 332.655 decessi, su cui adesso ciascuna compagnia dovrà indagare per rintracciare i potenziali beneficiari delle polizze.

Come evitare il rischio delle polizze dormienti

Ricordiamo che per evitare il rischio delle polizze dormienti (e di perdere una grossa somma) è possibile verificare che un parente defunto abbia stipulato una polizza vita in almeno due modi:

  • utilizzare il servizio Ricerca Polizze Vita dell’ANIA, l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici, all’indirizzo web https://www.ania.it/ricerca-polizze-vita.
  • rivolgersi direttamente all’intermediario assicurativo, alla banca o alla compagnia di assicurazione del familiare o del congiunto deceduto.
Polizza vita: proteggi i tuoi cari Preventivo vita
pubblicato da il 14 aprile 2021

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Ultime notizie Assicurazioni

News Assicurazioni

Guide alle assicurazioni

  • Quanto aumenta l'assicurazione dopo un sinistro

    Quanto aumenta l'assicurazione dopo un sinistro

    Se si verifica un sinistro stradale, il costo...

  • Rottamazione auto: le cose da sapere sulla demolizione auto

    Rottamazione auto: le cose da sapere sulla demolizione auto

    Oggigiorno non tutti sanno cosa si intende con...

  • Incentivi auto: cosa sapere sul bonus per acquisto auto

    Incentivi auto: cosa sapere sul bonus per acquisto auto

    Gli incentivi auto 2020 sono dei bonus erogati...

  • Assicurazione conducente diverso dall'assicurato: funzionamento copertura RC Auto

    Assicurazione conducente diverso dall'assicurato: funzionamento copertura RC Auto

    E' possibile intestare l'assicurazione auto ad...

Guide Assicurazioni

RECUPERO PREVENTIVI

Accedi con la tua email

Riceverai un’email che ti permetterà di fare accesso e di visualizzare i tuoi preventivi.

Accedi