Serve assistenza?
02 55 55 5

Cashback, ecco come avere fino a tremila euro sul conto corrente

13 nov 2020 | 6 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

conti expert speaks cashback come avere fino a tremila euro

In tempi di coronavirus gli italiani hanno riscoperto l’uso del bancomat a discapito dei contanti.

La pandemia ha, insomma, influenzato il modo in cui i consumatori fanno i propri acquisti. Anche se siamo ancora ben lontani dalle medie di utilizzo degli altri paesi europei sono sempre di più coloro che preferiscono l’uso di strumenti elettronici di pagamento.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Secondo una recente indagine di Facile.it sarebbero "oltre 9 milioni i cittadini italiani che hanno dichiarato che non useranno più monete e banconote per paura che queste possano trasmettere il virus del Covid". Dunque, anche se nel nostro Paese soprattutto gli anziani e i più giovani hanno ancora difficoltà ad abbandonare l’uso del contante, soprattutto rispetto alle piccole spese, grazie anche ad alcuni provvedimenti del governo, primi fra tutti cashback e lotteria degli scontrini, qualcosa potrebbe presto cambiare.

Ma di cosa si tratta?

In questi ultimi mesi si sente sempre più parlare di questo nuovo programma messo a punto dal ministero dell’economia, il cashback appunto, nato per disincentivare l’uso del contante, favorire i pagamenti digitali e, ovviamente, ridurre l’evasione fiscale. Non è una raccolta punti, come credono in tanti, piuttosto si tratta di una particolare modalità di rimborso che consente, ai più fedeli all’uso delle carte, di ottenere fino a 1500 euro ogni sei mesi. In base alla nuova normativa, infatti, tutti gli acquisti effettuati tramite carte, bancomat o app nei negozi fisici (attenzione, non quelli online perchè già per loro natura in questi casi si tratta di acquisti tracciabili perché effettuati con carte di credito) daranno diritto ad un rimborso.

L’operazione è pronta a partire nel giro di poche settimane: l’intenzione del governo è quella di intercettare le spese natalizie e garantire i primi rimborsi già dopo le festività. Lo schema di regolamento ha avuto già il primo via libera del Garante della Privacy e a dicembre partirà la 'fase sperimentale' che durerà per tutto il mese.

Come funziona il cashback del governo?

Lo schema di decreto attuativo è già nero su bianco. Innanzitutto è importante dire che non ci sono limiti al tipo di acquisti e alle categorie merceologiche, l’importante è che gli acquisti siano effettuati come consumatori. Si potrà, dunque, andare dall’acquisto di generi alimentari alle spese mediche, passando per l’abbigliamento o per una cena al ristorante. Il 'periodo sperimentale' sarà la prima tappa di un programma che entrerà a regime a partire dal 2021, attraverso una serie di regole e di possibilità per chi deciderà di partecipare. A dicembre, per ottenere il rimborso, basteranno dieci operazioni con le carte.

Il cashback si applicherà su massimo 1.500 euro totali, quindi il rimborso potrà arrivare fino a 150 euro, che saranno accreditati sul conto corrente dei partecipanti a febbraio 2021. "Il rimborso del 10% sarà, infatti, calcolato su massimo 150 euro a transazione e le spese superiori concorreranno comunque fino a quella soglia". Stesso meccanismo anche per i rimborsi che arriveranno a partire dal 2021: bisognerà effettuare almeno 50 acquisti in un semestre, pagando senza usare il contante, con un rimborso pari al 10% di una spesa fino a 1.500 euro. Si riceverà fino a 150 euro ogni sei mesi, quindi massimo 300 euro in un anno: previste restituzioni a luglio 2021, gennaio 2022 e luglio 2022. Il tetto massimo di spesa, anche qui, è pari a 1500 euro a semestre. E il perché di questa soglia è presto detto: obiettivo del governo non è tanto premiare chi spende più soldi (e quindi chi con poche operazioni, molto costose, riesce ad ottenere il rimborso) ma contrastare l’utilizzo del contante soprattutto nella vita di tutti i giorni.

Prevista anche una misura anti-furbetti, per evitare che si tenti di scalare la classifica dei migliori pagatori con carte con pochi oggetti acquistati ma molto costosi: "Sono vietati - si legge nel documento - i frazionamenti artificiosi dei pagamenti riferibili al medesimo acquisto presso lo stesso esercente".

Come si accede al cashback

Per partecipare al programma cashback bisognerà essere maggiorenni e residenti in Italia e l’adesione sarà volontaria. Ad accreditare le somme sarà la Consap, che verserà direttamente sull’Iban indicato in fase di registrazione con lo SPID o con la carta di identità sulla app 'Io' della pubblica amministrazione (quella già utilizzata per il bonus vacanze, per intenderci) o su eventuali altri sistemi messi a disposizione dagli operatori convenzionati con PagoPa. Bisognerà, poi, dichiarare che" le carte registrate vengono utilizzate solo per acquisti al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arte o professione". I rimborsi arriveranno direttamente sul conto corrente.

Se si decide di uscire dal programma però i punti accumulati per il rimborso verranno persi. Una volta iscritti sulla piattaforma i pagamenti con carte e sistemi digitali saranno registrati per il calcolo del rimborso e per partecipare al premio speciale per chi usa di più le carte. Ma la privacy sarà tutelata. Al riguardo, infatti, è già intervenuto il Garante della Privacy per sottolineare che i dati trasmessi verranno utilizzati solo per il rimborso previsto dal governo e non per altre finalità (es. dati trasmessi all’Agenzia delle Entrate). I dati, inoltre, dopo essere stati utilizzati saranno cancellati.

Da gennaio, inoltre, scatterà anche la lotteria degli scontrini, con premi che, per chi paga con le carte, arriveranno fino a 5 milioni. Per partecipare in questo caso bisognerà registrarsi nell'apposito sito e mostrare all'esercente il Codice lotteria, come si fa ora con il codice fiscale per le spese sanitarie. Ci saranno 7 estrazioni settimanali da 5mila euro, tre premi da 30mila euro ogni mese e 1 premio l'anno da 1 milione. A queste estrazioni ordinarie si aggiungeranno quelle 'zeroscontrini', che premiano sia il consumatore sia i negozianti. In questo caso ci saranno 15 premi da 25mila euro (5mila euro per gli esercenti) alla settimana, 10 estrazioni al mese da 100mila euro (20mila per gli esercenti), e, appunto, una estrazione l'anno da 5 milioni, con un premio da 1 milione che andrà all'esercente. Al cashback si aggiungono poi anche due super premi da 1500 euro per i primi 100mila aderenti che totalizzeranno il maggior numero di transazioni digitali. Anche per questo super cashback il "rimborso speciale" non sarà valido per gli acquisti online.

Insomma un piano, questo voluto dal governo Conte bis che, soprattutto in questo periodo, sembra andare nella giusta direzione grazie anche alla spinta data ai pagamenti cashless dovuta alla pandemia. "Il piano Italia cashless partirà già da dicembre per un sistema più digitale e trasparente con vantaggi sia per i consumatori che per i commercianti", ha spiegato lo stesso presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi per illustrare i contenuti dell'ultima manovra varata. Il piano Italia cashless "consentirà a tutti gli acquirenti che acquistano con carte e app rimborsi sino al 10%, con un super cashback fino a 3mila euro per chi userà la carta e con la lotteria degli scontrini", il tutto "senza svantaggiare chi, per ragioni personali, resta legato all'uso del contante".

Per lanciare l'iniziativa partirà, probabilmente già da novembre, una grande campagna di comunicazione tradizionale e social, per intercettare e convincere anche i più giovani, tra i più affezionati ai contanti. Intanto l'esecutivo ha predisposto, dopo numerosi incontri con gli operatori del settore, un protocollo per garantire ai commercianti zero commissioni sui micro-pagamenti con le carte fino a 5 euro. Il tema dell'azzeramento delle commissioni per i pagamenti fino a 10 o fino a 25 euro - auspicato dai negozianti - sarebbe invece lasciato alla libera iniziativa degli operatori, che in diversi casi già prevedono questa possibilità all'interno di specifiche offerte commerciali.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 19 febbraio 2024
Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Vuoi guadagnare da subito con un conto deposito? Facile.it offre un confronto veloce tra conti deposito online e ti aiuta a trovare le offerte più remunerative! Ecco come trovare il miglior conto deposito a febbraio 2024.
pubblicato il 15 febbraio 2024
Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Introdotto un nuovo limite per l'uso dei contanti nei versamenti: occorre avere la possibilità di giustificare quelli dai 5.000 euro in su. È valido anche per le donazioni ai figli.
pubblicato il 6 febbraio 2024
I 3 migliori conti deposito vincolati di febbraio 2024

I 3 migliori conti deposito vincolati di febbraio 2024

Hai dei risparmi da parte? Mettili in un conto deposito e cresceranno nel tempo, consentendoti di guadagnare di più. Cosa aspetti? Facile.it confronta per te i migliori conti deposito e ti assiste nella scelta del più vantaggioso.
pubblicato il 5 febbraio 2024
Conti bancari: da 7 anni il loro costo aumenta, ma non per quelli online

Conti bancari: da 7 anni il loro costo aumenta, ma non per quelli online

Nel corso del 2022 le spese medie sostenute da un italiano per gestire un conto corrente "tradizionale" sono aumentate di 9,3 euro rispetto al 2021, passando da 94,7 euro l’anno a 104. I conti che funzionano solo online costano un terzo: in media 33,7 euro.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968