Serve assistenza?
02 55 55 5

Fisco: dopo 5 anni, stralcio automatico delle cartelle non riscosse

2 apr 2024 | 2 min di lettura | Pubblicato da Marco B.

Coppia che guarda preoccupata un avviso

Dopo 5 anni dalla richiesta di riscossione, le cartelle esattoriali saranno stralciate.

Lo stralcio automatico è tra le scelte fatte dal Governo, che ha rimesso mano al sistema della riscossione. Obiettivo: renderlo più "veloce ed efficiente" e snellire la gestione di una valanga di debiti fiscali.

Scopri cosa prevede questa nuova norma su Facile.it, leader nel confronto di conti correnti online.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Il decreto attuativo

Il nuovo decreto attuativo della riforma fiscale, che ha avuto il via libera preliminare dal Consiglio dei ministri, punta al riordino del sistema della riscossione. C’è che ritiene, tra i critici, che sia un sistema che favorirebbe l'evasione fiscale. Però il viceministro all'Economia Maurizio Leo si difende: stiamo aiutando "chi vuole pagare" ma non riesce mentre continuerà a "lottare contro i furbetti".

Allungamento dei tempi

Di cosa tratta nello specifico questa norma? Prima di tutto, di un allungamento dei tempi concessi per saldare i debiti col fisco: si passa da 72 rate mensili a un massimo di 120 (quindi spalmate su un decennio). Oltre i 120.000 euro di debito, il contribuente che può dimostrare un problema temporaneo nella possibilità di pagare potrà diluire il pagamento fino a 120 rate mensili.

La rateizzazione

L’Ansa spiega che “per chi ”documenta" la situazione di difficoltà è previsto un minimo di rate crescente (che aumenta ogni due anni, da 85 a 97 a 109) e un massimo sempre di 120 rate; mentre per il contribuente che semplicemente "dichiara" di trovarsi in situazione di difficoltà l'aumento parte da 84 rate mensili nel 2025-26 aumentando progressivamente fino ad un massimo di 108 rate nel 2029".

La valutazione

A chi spetterà fare una valutazione?

Al Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) competerà valutare - monitorando gli effetti delle nuove norme sui conti pubblici - "se concedere le 120 rate dal 2031. Dal 2025 poi arriva lo stralcio (il "discarico automatico") per le cartelle non riscosse entro 5 anni". Inoltre, dal 2025 le cartelle dovranno essere notificate al creditore entro 9 mesi dall'affidamento del carico, con la possibilità di raggruppare i crediti per un codice fiscale in un'unica cartella contenente tasse e multe.

La speranza

La speranza qual è? Il Governo si augura di riuscire in questo modo a "snellire" la montagna enorme di crediti fiscali non riscossi: ha già superato i 1.200 miliardi di euro.

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 10 aprile 2024
Confronto di conti correnti a zero spese ad aprile 2024

Confronto di conti correnti a zero spese ad aprile 2024

Il conto corrente è uno strumento finanziario che posseggono quasi tutti gli italiani. Però la sua gestione ha un costo, che cambia a seconda del tipo di conto che sottoscriviamo: tradizionale oppure online, il più economico. Ecco quali sono i tre conti a costo zero più convenienti di questo mese.
pubblicato il 4 aprile 2024
Le pensioni INPS aprile 2024: importi più alti grazie alla riforma Irpef

Le pensioni INPS aprile 2024: importi più alti grazie alla riforma Irpef

Le pensioni da aprile 2024 avranno importi più alti, grazie alla riforma dell’Irpef: dall'inizio dell’anno è stata abolita l’aliquota al 25% ed è stata estesa fino a 28.000 euro lordi l’anno quella al 23%. Coinvolti 25.000.000 cittadini. Nessun vantaggio per chi è sotto i 14.000 euro e sopra i 50.000.
pubblicato il 5 aprile 2024
Quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024

Quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024

Desideri aprire un nuovo conto corrente, ma non sai quale scegliere? Ecco quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024.
pubblicato il 22 marzo 2024
Pensioni e tasse: i nuovi importi in base alle aliquote applicate nel 2024

Pensioni e tasse: i nuovi importi in base alle aliquote applicate nel 2024

Dall’1 Marzo 2024 l’INPS sta applicando il ricalcolo dell’IRPEF 2024 sulle pensioni, con l’adeguamento delle tasse applicate agli assegni pensionistici e un conguaglio dell'importo versato in precedenza. Ecco chi otterrà qualche effettivo vantaggio.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968