02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Tagliando elettronico di assicurazione: cosa devi sapere

Tagliando elettronico di assicurazione: cosa devi sapere

Tutti gli automobilisti italiani conoscono bene il contrassegno assicurativo, il tagliando quadrato che era esposto sul parabrezza delle vetture per attestare l’esistenza della copertura RC auto. Grazie alle norme in vigore dal 18 ottobre 2015, non esiste più l’obbligo di esporre il talloncino cartaceo: a bordo della propria macchina è sufficiente avere il certificato di assicurazione.

 

1 Cos’è il contrassegno assicurativo

Il contrassegno assicurativo è il tagliando quadrato, generalmente di colore giallo, che si espone sul parabrezza della vettura assicurata per accertare l’esistenza della copertura RC auto e per identificare, in caso di incidente, il nome dell’impresa di assicurazione. Sul talloncino cartaceo sono visibili la targa del veicolo e la data di scadenza della polizza.

Il tagliando non deve essere confuso con il certificato di assicurazione, di forma rettangolare, che si separa dal contrassegno. Il certificato di assicurazione è il documento che attesta l’assolvimento dell’obbligo di assicurazione e che deve essere tenuto tassativamente a bordo del veicolo.

Tieni sempre a bordo il certificato di assicurazione. Se non lo fai puoi incappare in una multa.
 

2 Tagliando elettronico: cosa cambia dal 18 ottobre

Per gli assicurati, nei fatti, il cambiamento è minimo: l’unica novità è che dal 18 ottobre 2015 gli automobilisti non devono esporre sul parabrezza del proprio veicolo il tradizionale tagliando cartaceo, che certifica la corretta copertura assicurativa per la responsabilità civile, in quanto i controlli sulla RC auto sono divenuti elettronici.

Paghi e sei a posto: con il tagliando elettronico non devi fare altro.
 

3 Perché passare ai controlli elettronici

I controlli elettronici rendono più difficili le frodi assicurative. A differenza del talloncino cartaceo, infatti, il tagliando elettronico non può essere falsificato. Ciò garantisce a tutti una maggiore sicurezza sulle strade e, se tutti pagano l’assicurazione in maniera regolare, il premio assicurativo può diminuire. Chi fa un incidente con un’auto non assicurata, infatti, viene risarcito dal Fondo di garanzia per le vittime della strada, finanziato con i contributi delle compagnie assicuratrici attive in Italia. Si tratta di un fondo che, quindi, è finanziato solamente dagli automobilisti che pagano regolarmente l’assicurazione. Maggiori controlli permettono di identificare chi non paga l’assicurazione e limitare la necessità di ricorrere al fondo, con minori costi per tutti.

In Italia nel 2014 quasi 4 milioni di veicoli hanno circolato senza assicurazione.
 

4 Come avvengono i nuovi controlli

I nuovi controlli avvengono attraverso la lettura elettronica della targa. La lettura può essere effettuata di persona dalle Forze dell’Ordine nel corso di un posto di blocco, oppure su segnalazione dei dispositivi elettronici di rilevazione a distanza come Autovelox, Telepass, Tutor e telecamere per le zone Ztl.

Le informazioni raccolte sulla targa permettono di verificare in pochi secondi se essa è presente nella banca dati della Motorizzazione civile, dove sono inseriti tutti i dati relativi ai veicoli assicurati. Ogni volta che viene rinnovata o stipulata una nuova polizza, l’impresa di assicurazione trasmette i dati alla banca dati, denominata Sita, creata dall’ANIA per raccogliere tutte le informazioni relative alle coperture assicurative. Incrociando i dati contenuti nelle due banche dati, è possibile avere un quadro completo della situazione assicurativa del veicolo e verificare la regolarità della copertura.

 

5 Cosa fare con il tagliando cartaceo dal 18 ottobre

Ho ricevuto il tagliando cartaceo dopo il 18 ottobre 2015: come devo comportarmi? Il classico tagliando di carta viene comunque consegnato agli assicurati in una prima fase di transizione e serve soltanto come promemoria personale.

Fin dalla fase di transizione non si possono ricevere multe per la mancata esposizione del tagliando.
 

6 Cosa succede se si circola senza RC auto

L’assicurazione RC auto è obbligatoria per legge. Chi circola sulle strade italiane senza aver stipulato l’apposita polizza, va incontro a una pesantissima multa da 841 a 3.366 euro, ma non solo. Se viene accertata la violazione, infatti, viene disposto anche il sequestro del veicolo e il suo trasferimento in un luogo non soggetto a pubblico passaggio.

 

7 Come comportarsi in caso di incidente

In caso di incidente per identificare la compagnia degli altri veicoli coinvolti è sufficiente chiedere all’altro conducente il certificato di assicurazione che attesta l’esistenza della copertura RC auto, oppure la polizza o la quietanza di pagamento, due documenti che, però, non devono essere obbligatoriamente a bordo del veicolo.

Il certificato di assicurazione deve sempre essere a bordo dell’auto.
 

8 Cosa fare quando si guida all’estero

A seconda del Paese in cui si circola, i documenti da avere obbligatoriamente a bordo cambiano:

  • Nei paesi UE, più Andorra, Svizzera e Serbia, basta avere il certificato di assicurazione, che prova l’avvenuta sottoscrizione di un regolare contratto RC auto.
  • Nei paesi extra UE è obbligatoria la Carta Verde.

Risparmia fino a 500€ sulla RC auto Preventivo Auto »
Vota la guida:

Valutazione media: 4,4 su 5 (basata su 106 voti)

Offerte confrontate

Compara le polizze delle compagnie e trova l'assicurazione online al miglior prezzo su Facile.it. Risparmia fino a 500€ sull'assicurazione auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni