Serve assistenza?
011 04 00 408

Pedali della Macchina: 2 o 3?

Hai mai pensato al noleggio?
Hai mai pensato al noleggio?

Acceleratore, freno e frizione sono i tre pedali che tutti i possessori di automobili conoscono, quelli con i quali tutti hanno imparato a guidare e che si sono trovati a dover imparare a gestire durante le lezioni di scuola guida.

Eppure questa magica triade, al giorno d’oggi, sebbene rimanga il sistema di controllo maggiormente diffuso sulle vetture, non rappresenta l’unica alternativa. Da una parte, infatti, la diffusione crescente del cambio automatico ha portato ad una significativa modifica per quanto concerne configurazione e funzione dei pedali che, con l’eliminazione di quello della frizione, sono diventati due. Inoltre, per il futuro si prospettano ulteriori passi avanti, con veicoli che potrebbero presentare addirittura un solo pedale.

In questo articolo, ci concentreremo sul classico equipaggiamento che vede un terzetto di pedali. Parleremo in modo approfondito della funzione di ciascuno, di come lavorano insieme per consentire al conducente di viaggiare mantenendo il pieno controllo della macchina, utilizzare il cambio ed eseguire anche manovre complesse. Vedremo, poi, l’ordine in cui sono disposti cercando di capirne il motivo e come questo sistema si sta sviluppando sull’onda dei progressi tecnologici.

Sommario:

Pedali della macchina: come funzionano

Acceleratore, freno e frizione, insieme, formano la pedaliera, uno strumento che rappresenta la sede centrale dei principali comandi che permettono di mettere in moto la macchina, regolarne la marcia, cambiare i rapporti, ed eseguire molte altre azioni. Su tutte le vetture a cambio manuale, i pedali sono disposti, partendo da sinistra, nel seguente ordine: frizione, freno e acceleratore. Gli ultimi due vengono azionati entrambi dal piede destro, mentre il primo pedale si utilizza con il sinistro e, naturalmente, non è presente a bordo delle macchine dotate di cambio automatico, modificando la configurazione degli altri comandi e consentendo al freno di avere una dimensione maggiore.

Sulle auto equipaggiate con cambio manuale, invece, il conducente deve decidere quando cambiare rapporto, se inserirne uno superiore o scalarlo, e deve effettuare manualmente questo gesto. Per farlo, deve premere la frizione in modo da poter usare la leva del cambio. Questa dispone, solitamente, oltre che della retromarcia per guidare all’indietro, di cinque rapporti impostabili. Le marce dalla prima alla terza sono particolarmente utili per il rallentamento, grazie alla possibilità di sfruttare il freno motore come strategia per affrontare discese di diversi livelli di ripidità. Gli ultimi due rapporti, invece, il quarto e il quinto, servono per accelerare. In particolare, il quinto o il sesto, nelle auto più moderne, sono considerate comunemente la marce di riposo, da inserire quando si viaggia a velocità pressoché costante ed è necessario percorrere delle lunghe distanze, ad esempio, quando ci si trova in autostrada.

Al contrario, nelle auto con cambio automatico, basta regolarsi con la velocità affinché sia il veicolo stesso a selezionare il rapporto più adatto alla propria marcia, perciò il pedale della frizione si rivela superfluo, tanto da sparire dalla pedaliera delle moderne vetture che adottano questa tecnologia. Questi mezzi puntano tutto sulla sicurezza e sul comfort alla guida, tanto che, accanto al cambio automatico, spesso sono installati dei sistemi molto avanzati, i cosiddetti ADAS, che sfruttano impianti elettronici per fornire un valido aiuto all’automobilista.

Per entrambe le tipologie di auto (con il cambio manuale o automatico), ci sono risvolti positivi e negativi.

Nonostante le macchine più tecnologiche garantiscano un alleggerimento del compito del conducente (che, ad esempio, non dovrà pensare a cambiare i rapporti e potrà concentrarsi unicamente su ciò che accade fuori e osservare con maggiore attenzione la strada), risultano anche meno coinvolgenti, proprio per la loro facile gestione, che toglie una parte di entusiasmo all’esperienza del pilota.

Ciascuno può comunque trovare il mezzo che maggiormente rispecchia le sue esigenze, poiché oggi la scelta è davvero ampia, sia tra i modelli che adottano il cambio automatico sia tra quelli che mantengono il manuale. Per farsi un'idea, è sufficiente consultare questo link, al quale si trova un buon campionario di offerte di auto in vendita.

Alcuni anni fa, poi, il cambio automatico era meno performante. Se quindi si stanno valutando delle offerte di auto usate in vendita, può essere importante verificare la qualità del cambio, mentre se si considerano le auto nuove o le auto km0, ecco che il problema è stato risolto dagli avanzamenti tecnologici.

Facciamo un esempio: poniamo che si sia interessati alle offerte sulle Jeep Compass KM 0. Ecco che in questo caso il cambio automatico non è un problema; mentre potrebbe essere opportuno controllare la versione dell'auto se si stanno valutando offerte di Jeep Compass usate.

La posizione dei pedali

La posizione dei pedali, e più precisamente l’ordine con il quale sono disposti all’interno della pedaliera, costituisce un elemento cruciale per la sicurezza del conducente e di chiunque si trovi con lui all’interno dell’abitacolo. Infatti, la configurazione della pedaliera è rimasta sempre la stessa fin dalle prime vetture fabbricate, che annoveravano sempre gli stessi pedali disposti invariabilmente nell’ordine in cui ancora oggi li troviamo. In questo modo, non si rischia di confondersi, poiché qualsiasi vettura si guidi, saranno sempre gli stessi comandi a compiere le stesse funzioni, da generazioni di automobilisti, riducendo così drasticamente la possibilità di errore.

La rivoluzione del cambio automatico sulla pedaliera
Come si diceva in precedenza, poiché il cambio automatico inserisce le marce corrette senza l’intervento né del conducente né della frizione, questo pedale viene rimosso dalla pedaliera, che rimane quindi composta da freno e acceleratore. Tale processo in favore della maggiore automazione rappresenta anche un passo in avanti verso una maggiore sicurezza durante la marcia e le manovre, poiché il cambio automatico permette di servirsi di sistemi come i sensori di frenata automatica e di emergenza, oltre che ottimizzare l’efficienza dei computer di bordo.

Un altro effetto collaterale di questo cambiamento concerne la leva del cambio, collocata nei pressi del volante o sul lato destro del conducente. Al posto dei classici numeri che indicano il corrispondente rapporto, più la R dedicata alla retro, questa reca delle lettere che simboleggiano ciascuna una specifica funzione:

  • la lettera D sta per drive, ovvero in moto, e serve per effettuare la partenza e mettersi in marcia. Una volta che il veicolo inizia a spostarsi, i rapporti successivi al primo verranno inseriti in modo automatico dal sistema;
  • la R (reverse) indica, invece, la retromarcia, e questo comando serve solo per eseguire tale funzione;
  • posizionando il cambio su N, invece, si passa in folle (neutral), una scelta opportuna in tutte le situazioni in cui ci si trova fermi durante la marcia, ad esempio mentre si attende che un semaforo rosso diventi verde o si rimane imbottigliati nel traffico. In una macchina con cambio manuale, la N corrisponde alla marcia folle accompagnata dalla leva del freno a mano tirata per mantenerla ferma;
  • quando si arresta il veicolo, poi, occorre inserire la lettera P (parking), che corrisponde alla posizione di parcheggio, blocca tutti gli altri rapporti e, di conseguenza, anche l’automobile. Prima di scendere e anche di ripartire, sarà bene assicurarsi che il cambio si trovi proprio sulla P.

Per selezionare queste opzioni e attivare le relative funzioni, sarà sufficiente tirare il comando verso di sé e poi abbassarlo, in caso il dispositivo del cambio automatico si trovi installato in corrispondenza del volante. Altre volte, invece, la leva si trova nella posizione standard, come avviene per le vetture a cambio manuale, quindi accanto al sedile. In tal caso, la leva dovrà essere sbloccata per poter essere utilizzata e posizionata come occorre.

Sviluppi futuri della pedaliera

Se i tempi moderni ci hanno portato dalla pedaliera con acceleratore, freno e frizione, a un impianto con solo due pedali, il futuro potrebbe riservare ulteriori sorprese, grazie allo sviluppo di tecnologie all’avanguardia che consentiranno di adottare un unico pedale che riesca a compiere tutte le azioni necessarie alla guida. Ad esempio, potrebbe essere sufficiente regolare la pressione che si imprime al pedale per gestire la velocità con cui si muove il veicolo. Basterebbe quindi sollevare completamente il piede, in modo graduale, per frenare e arrestarsi completamente, a seconda delle necessità. Ne beneficerebbe il sistema frenante, che sarebbe in questo modo molto meno soggetto a usura, ma sarebbe l’esperienza di guida a trarne maggiore vantaggio. Questa modalità, infatti, consentirebbe al conducente di godere di una certa facilitazione, che lo lascerà libero di pensare ad altri aspetti che meritano maggiore attenzione, come la presenza di ostacoli

Offerte confrontate

Confronta le offerte di auto in vendita su Facile.it e risparmia sulla tua auto prossima auto. Bastano 3 minuti!

Guide auto

pubblicato il 30 giugno 2022
Cos'è e come funziona la valvola termostatica auto

Cos'è e come funziona la valvola termostatica auto

La valvola termostatica dell'auto è un pezzo essenziale per far funzionare al meglio il motore di ogni vettura. Ecco cos'è e come funziona a lungo termine.
pubblicato il 30 giugno 2022
Quando cambiare i dischi dei freni all'auto

Quando cambiare i dischi dei freni all'auto

In questo articolo andremo a parlare dei dischi dei freni installati ormai su ogni automobile, capendo quando è necessaria la loro sostituzione per garantire la nostra sicurezza.
pubblicato il 30 giugno 2022
Tipologie di antifurto: come scegliere la più adatta in base alle proprie esigenze

Tipologie di antifurto: come scegliere la più adatta in base alle proprie esigenze

In questo articolo parleremo degli antifurto per auto, dei dispositivi che hanno subito una modernizzazione in seguito agli ultimi sviluppi tecnologici. Ne descriveremo diverse tipologie per capire quale sia la migliore.
pubblicato il 30 giugno 2022
Spie di allarme auto: quali sono e come riconoscerle

Spie di allarme auto: quali sono e come riconoscerle

In questo articolo parleremo delle spie di allarme presenti su un'automobile, comprendendone il significato una per una. In questo modo sarà possibile sapere quale comportamento adottare in ogni situazione.
pubblicato il 29 giugno 2022
Come togliere l'odore di fumo dall'auto: alcuni consigli utili

Come togliere l'odore di fumo dall'auto: alcuni consigli utili

Vediamo come fare per rimuovere dagli interni dell'auto quel fastidioso odore di fumo che tende a impregnarsi nei tessuti e sulle superfici in modo efficace e sicuro.
pubblicato il 29 giugno 2022
Costo della patente B: tutte le spese da considerare

Costo della patente B: tutte le spese da considerare

In questo articolo affronteremo il complesso tema dell'iter necessario al conseguimento della patente B. Vedremo nel dettaglio tutte le spese da sostenere e i numerosi elementi che possono influenzare il costo finale.
pubblicato il 29 giugno 2022
Come guidare in sicurezza grazie al grip control

Come guidare in sicurezza grazie al grip control

Il grip control è un sistema che consente di tenere sotto controllo l'aderenza di ogni vettura, a seconda del fondo stradale sul quale si sta circolando.
pubblicato il 29 giugno 2022
Gomme invernali: utilità, modelli e costi

Gomme invernali: utilità, modelli e costi

Le gomme invernali devo essere installate nel periodo invernale per assicurare la massima stabilità di guida al veicolo e la dovuta sicurezza ai passeggeri della vettura.

Ultime notizie auto

pubblicato il 6 dicembre 2022
Aumentano del 20% le vendite delle auto a batteria in Europa

Aumentano del 20% le vendite delle auto a batteria in Europa

Risultati positivi in Europa sulle vendite delle auto elettriche 100% a batteria, che fanno registrare un aumento del 20% rispetto all'anno precedente. Calano invece le vendite in Italia e Danimarca.
pubblicato il 30 novembre 2022
Allerta smog: preoccupa la qualità dell'aria nelle città italiane nel 2022

Allerta smog: preoccupa la qualità dell'aria nelle città italiane nel 2022

Situazione allarmante sulla qualità dell'aria nelle città italiane. Dal dossier "Mal'aria 2022 edizione autunnale" realizzato da Legambiente nell’ambito della campagna Clean Cities, 13 città italiane monitorate non rispettano i valori suggeriti dall'OMS.
pubblicato il 29 novembre 2022
Offerte auto: le promozioni sulle city car a Novembre 2022

Offerte auto: le promozioni sulle city car a Novembre 2022

Se sei alla ricerca di city car a prezzi vantaggiosi, vai su Facile.it e scopri tra la vasta scelta di offerte quali sono le city car più economiche in vendita a Novembre 2022.
pubblicato il 18 novembre 2022
Auto elettriche e costi ricarica: con le tariffe flat si risparmia

Auto elettriche e costi ricarica: con le tariffe flat si risparmia

C’è molta preoccupazione tra i possessori di auto elettriche e ibride plug-in per l’aumento delle bollette dell’energia che inevitabilmente ricade sui costi delle ricariche, col rischio di pagare cifre un tempo impensabili. Tuttavia l’elettrico è ancora ampiamente conveniente.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968