Lavaggio Vetri dell'Auto: Come Fare?

Pulire i vetri di un’automobile potrebbe sembrare, in apparenza, un’operazione piuttosto semplice. Tuttavia, i cristalli di un’auto sono fondamentali per la sicurezza alla guida, proprio perché rappresentano le finestre attraverso le quali possiamo tenere d’occhio la strada e tutto ciò che accade al di fuori dell’abitacolo. Se questi non si trovano in un’ottimale condizione di pulizia, la loro funzione viene parzialmente inficiata o, nei casi più gravi, addirittura compromessa in modo tale da far calare drasticamente anche la tranquillità di una guida confortevole.

I lavaggi frequenti spesso non sono sufficienti, poiché quando si parla dei vetri di un’auto, un lavoro ben fatto parte proprio dalla scelta dei prodotti più adatti. Ad esempio, applicando un detergente eccessivamente grasso, rischiamo solamente di non riuscire a risciacquare accuratamente i cristalli, andando a produrre macchie e righe opache che, oltre a essere sgradevoli alla vista, possono influire su una guida sicura. Di notte i rischi sono ancora maggiori, perché le luci delle macchine che si incrociano, sommate all’illuminazione cittadina, possono facilmente riflettersi sulla sporcizia depositata sul parabrezza, impedendoci di vedere la strada in modo chiaro.

In ogni caso, in alcune situazioni sarà difficile prevenire adeguatamente questa problematica, poiché la pulizia dei vetri può facilmente diventare un’esperienza poco gradevole e fastidiosa, proprio perché possono andarsi a formare aloni e macchie che arrecheranno un certo disturbo durante una sessione di guida. In questo articolo vi forniremo una serie di consigli utili per procedere nel modo migliore al lavaggio dei vetri della vostra vettura. Inoltre daremo indicazioni su quali siano i prodotti più adatti a tale pratica e su come eseguirla correttamente per ottenere un risultato finale che ricordi una nuova auto splendente.

Sommario:

Vetri auto: quando pulirli?

Innanzitutto, la prima cosa che ci dobbiamo chiedere è quando devono essere lavati i vetri e con quale frequenza bisogna farlo. Chiaramente non c’è una risposta univoca a questa domanda, poiché dipende tutto dall’uso che si fa dell’automobile e da quando e quanto i vetri vanno a sporcarsi, in particolar modo il parabrezza. Il miglior riferimento da tenere sarà infatti la nostra visibilità: se in alcune aree del cristallo si saranno formate zone d’ombra, dovute a residui di sporco, e il nostro campo visivo sarà in qualche modo ridotto, allora sarà il momento di procedere alla pulizia, ripristinando la corretta e ottimale visuale sull’esterno.
Per cui, non appena si nota una visibilità ridotta, sarà un’ottima cosa astenersi dal guidare l’auto correndo un rischio per la nostra incolumità e per evitare una sanzione. Quindi dedichiamo la giusta attenzione alla pulizia del parabrezza, del lunotto posteriore e dei finestrini.

Come si lava la parte interna dei vetri di un’automobile

Il passaggio successivo sarà quello di cominciare a lavare i vetri della vettura, cominciando dalla parte interna. Innanzitutto si può procedere abbassando i finestrini di una misura corrispondente a 4 dita circa: così facendo sarà più semplice procedere con la pulizia della parte più alta di questi cristalli.

Dopodiché bisognerà procurarsi i giusti strumenti, rappresentati da un panno morbido e un detergente sgrassante delicato. Utilizziamoli poi per la pulizia accurata e minuziosa delle guarnizioni dei finestrini, sia all’interno che all’esterno. Fatto ciò non ci dovremo più preoccupare di nulla quando procederemo al vero lavaggio dei vetri, poiché non sarà necessario rimuovere residui di sporcizia qui accumulati, con il rischio di andare a sporcare il vetro una seconda volta.

Finita questa fase di preparazione possiamo iniziare il lavaggio dei cristalli, iniziando, come già accennato, dalla parte interna. Sarà bene tenere presente che questa porzione di vetro sarà interessata da un tipo di sporcizia diversa rispetto a quella che intacca le superfici esterne. In più alcune zone saranno difficili da raggiungere, dato che saranno presenti gli equipaggiamenti del veicolo che potrebbero intralciare il passaggio delle nostre mani. Teniamo inoltre presente che alcune automobili adottano vetri di diverse colorazioni, per questo motivo è necessario utilizzare un prodotto adatto, poco aggressivo e privo di ammoniaca.
 

Pulizia interna dei vetri: alcuni consigli

Ora possiamo vedere dettagliatamente e concretamente come si effettua il lavaggio relativo alla parte interna dei vetri di un’automobile.

Innanzitutto, nonostante l’idea di approfittare di una giornata soleggiata possa sembrare buona, soprattutto per garantire una veloce asciugatura delle superfici, questa è in realtà una pratica sconsigliata, perché lasciare la macchina al sole aumenterà la formazione di quei fastidiosi aloni da evitare. Per cui, il primo consiglio è quello di posizionare la vettura in una zona ombreggiata e procedere con la pulizia dei cristalli quando questi saranno freschi.

Per fare ciò bisognerà scegliere un panno morbido, preferibilmente in microfibra, e spruzzarlo con una piccola quantità di detergente per cristalli. Dopodiché possiamo continuare applicando una pressione leggera sui vetri da lavare, avendo cura di mantenere il panno senza pieghe e perfettamente disteso. Per finire procuriamoci un ulteriore panno, dello stesso materiale, perfettamente asciutto per andare a rimuovere gli aloni che eventualmente si saranno comunque formati. 

Per aiutarti, dai un'occhiata ad alcune auto usate certificate.

Come lavare la parte esterna dei vetri auto

Le problematiche che riguardano la parte esterna dei finestrini, del parabrezza e del lunotto sono molto diverse da quelle degli interni appena descritti. Questi cristalli, infatti, saranno esposti agli agenti atmosferici in ogni momento, per cui potranno crearsi anche molti strati di sporcizia. Inoltre questa è la causa principale della ridotta visibilità dovuta allo sporco, quindi è davvero molto importante procedere a lavaggi regolari.

Il procedimento è del tutto simile a quello descritto per quanto riguarda la pulizia della parte interna dei vetri. L’unica differenza è rappresentata dalla finitura: quando andiamo a passare lo straccio pulito e asciutto, è bene seguire una direzione diversa rispetto a quella utilizzata all’interno. Così facendo risulterà più facile capire dove si trovano gli aloni.

Svolgere tutte queste operazioni ci darà modo di prenderci cura nel modo adeguato dei vetri della nostra automobile, così da godere di una perfetta visibilità in ogni situazione. Inoltre ogni esperienza di guida, in questo modo, risulterà più piacevole e sicura. Una volta terminato l’intero processo di pulizia dei vetri, i cristalli splenderanno come quelli di un'auto nuova.

Offerte confrontate

Confronta le offerte di noleggio auto a lungo termine su Facile.it e risparmia sulla tua auto a noleggio. Bastano 3 minuti!

Guide al noleggio auto

Guide auto

Che fai lì fuori?

Accedi e confronta le offerte ancora più velocemente: risparmia tempo e denaro!

Accedi

oppure