Serve assistenza?
02 55 55 5

Costi conto corrente bancario: le principali voci di spesa

18 apr 2019 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

conti expert speaks costi conto corrente bancario

Accreditare lo stipendio o la pensione, fare bonifici, ricevere finanziamenti: sono tanti i motivi per cui oggi nessuno può fare a meno di un conto corrente bancario. Ne esistono molti, ognuno con caratteristiche diverse e costi differenti.

Ecco alcuni consigli per capire qual è il conto corrente migliore per le proprie esigenze e quali sono le principali voci di spesa da affrontare.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Innanzitutto bisogna considerare quelli che sono i principali costi fissi: il canone mensile o annuo, i canoni legati ad eventuali carte di pagamento, le imposte di bollo, le spese per l’invio delle comunicazioni al cliente.

Le spese variabili, invece, cambiano in base al tipo e al numero di operazioni realizzate: ad esempio il numero di bonifici che si effettuano. Questo tipo di costi, dunque, dipende da come il cliente utilizza il conto e dalle scelte commerciali della banca. I principali costi variabili di un conto sono: le spese per la registrazione sul conto di ogni operazione; le commissioni per l’esecuzione dei singoli servizi; le spese di liquidazione periodica ogni volta che la banca calcola gli oneri e gli interessi; gli interessi e altri oneri in caso di scoperto. Vediamoli singolarmente.

Canone del conto corrente

Se il conto è a canone fisso va pagato mensilmente o annualmente; in cambio la banca offre un determinato numero di operazioni incluse nel prezzo oppure, in alcuni casi, azioni illimitate. È un’opzione utile, quindi, se si compiono, normalmente, molte operazioni: in questo modo si sa già quanto verrà a costare la gestione del conto, senza alcuna sorpresa a fine mese. In alternativa, alcuni conti correnti hanno canoni molto bassi se non gratuiti, offrendo un limitato numero di operazioni incluse, le altre vanno pagate singolarmente.

Imposta di bollo del conto

E' dovuta per il solo fatto di aver aperto un conto corrente. Mentre i conti correnti intestati a persone fisiche con un saldo medio annuale che non supera i cinquemila euro non devono pagare questa imposta di bollo conto corrente, agli altri questa costa 34,20 euro. Nel caso di conti correnti intestati a persone giuridiche è pari a 100 euro l’anno.

Commissioni per eseguire le operazioni

Si intendono le spese per effettuare un bonifico, un prelievo con carta di credito o bancomat, la domiciliazione delle bollette, l’emissione di un assegno e così via. Queste variano a seconda della banca scelta, in alcuni casi possono essere gratuite.

Carta bancomat

In alcuni casi le banche chiedono di essere retribuite per la fornitura di questo strumento, anche se in molti casi è concesso gratuitamente.

Estratto conto

Mentre la sua versione digitale può essere consultata sempre gratuitamente attraverso gli strumenti di home banking, la sua versione cartacea ha un costo che varia da banca a banca; può essere recapitato mensilmente, oppure ogni tre o sei mesi, o anche solo una volta all’anno.

Invio cartaceo delle comunicazioni

Come per l’estratto conto, tutte le comunicazioni che la banca invia per posta possono avere un costo ricaricato sul cliente.

Spese di chiusura del conto corrente

La legge oggi le proibisce, ma occorre controllare che non avvenga comunque un addebito da parte della banca.

Massimo scoperto trimestrale

L’interesse che la banca applica se si ricorre al fido (ad esempio in caso di scoperto di conto). Spesso può essere alquanto elevato: solitamente, il pagamento avviene nel trimestre successivo a quello in cui si è andati in rosso.

Spese di chiusura periodica o di liquidazione

Alla fine dell’anno solare o di un determinato periodo intermedio, di solito ogni trimestre, vengono calcolati interessi e spese; queste verranno poi attribuite al cliente.

Negli ultimi sei mesi i costi di gestione dei conti correnti delle principali banche italiane sono lievitati. L'incremento più rilevante riguarda il costo annuale di un conto in una banca online (+38,3%). Più lievi i rincari invece per chi sceglie di accantonare i propri risparmi in un istituto di credito tradizionale. Anche in questo caso chi svolge molte operazioni di internet banking spende di più (+6,4%). Nel complesso, comunque, il conto online resta comunque la soluzione più conveniente di deposito bancario: in un anno costa in media 45 euro a fronte di 100 euro di spesa con un conto corrente classico.

Ma quali sono le operazioni che hanno inciso di più nell'aumento complessivo dei costi bancari? Esaminandole nel dettaglio, sono soprattutto tre: il costo del singolo assegno si è triplicato, schizzando da 0,03 a 0,09 euro (pari al 214,81% in più), il canone annuo della carta di debito è invece raddoppiato, lievitando da 2 a 4,22 euro (pari al 111,11% in più). Per un bonifico online prima bastavano 0,11 euro di commissione che ora sono diventati 0,22. A seguire, tra le voci che hanno risentito di più degli incrementi, anche i versamenti contanti e gli assegni (più 50,88%), i prelievi ATM da altre banche (più 49,67%).

Ma non tutto è più caro, anzi, alcune voci di spesa sono addirittura diminuite. Si risparmia moltissimo, ad esempio, con i bonifici disposti allo sportello (-7,11 %), che a settembre scorso costavano 4,34 euro e ora 4,03 euro. Si spende lievemente meno anche per prelevare contante in filiale (-0,24 %). Mentre invece è lievitato moltissimo il canone annuo (+ 32,98%), passando da 28,80 euro di settembre ai 38,30 euro attuali.

La sintesi dei costi (Isc)

Poi c’è l’Isc. L’Isc di un conto corrente è l’indicatore finalizzato a evidenziare il costo complessivo di tale strumento e dovrebbe facilitare la vita dei correntisti sul versante spese. L’indicatore sintetico dei costi deve essere comunicato dalla banca prima dell’apertura del conto ed è stato introdotto da Banca d’Italia al fine di aumentare la trasparenza delle comunicazioni ai consumatori (è riportato all’interno del foglio informativo).

L’Isc fornisce dunque un’idea del costo complessivo del conto corrente in base alle spese e alle commissioni che possono essere addebitate al cliente nel corso dell’anno, senza considerare gli oneri fiscali e gli interessi. L’indicatore viene calcolato per uno o più “profili di operatività tipo” (famiglie e pensionati) individuati dalla Banca d’Italia.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 19 febbraio 2024
Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Vuoi guadagnare da subito con un conto deposito? Facile.it offre un confronto veloce tra conti deposito online e ti aiuta a trovare le offerte più remunerative! Ecco come trovare il miglior conto deposito a febbraio 2024.
pubblicato il 15 febbraio 2024
Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Introdotto un nuovo limite per l'uso dei contanti nei versamenti: occorre avere la possibilità di giustificare quelli dai 5.000 euro in su. È valido anche per le donazioni ai figli.
pubblicato il 6 febbraio 2024
I 3 migliori conti deposito vincolati di febbraio 2024

I 3 migliori conti deposito vincolati di febbraio 2024

Hai dei risparmi da parte? Mettili in un conto deposito e cresceranno nel tempo, consentendoti di guadagnare di più. Cosa aspetti? Facile.it confronta per te i migliori conti deposito e ti assiste nella scelta del più vantaggioso.
pubblicato il 5 febbraio 2024
Conti bancari: da 7 anni il loro costo aumenta, ma non per quelli online

Conti bancari: da 7 anni il loro costo aumenta, ma non per quelli online

Nel corso del 2022 le spese medie sostenute da un italiano per gestire un conto corrente "tradizionale" sono aumentate di 9,3 euro rispetto al 2021, passando da 94,7 euro l’anno a 104. I conti che funzionano solo online costano un terzo: in media 33,7 euro.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968