Serve assistenza?
02 55 55 5

Stipendi in Italia: dove sono diminuiti di più?

6 mar 2023 | 3 min di lettura | Pubblicato da Marco B.

facile.it/images/conti news stipendi in italia dove sono diminuiti di piu

Tra i lavoratori dipendenti italiani gli stipendi sono, a parità di mansioni, sempre uguali?

Non proprio.

Dove si percepiscono gli stipendi più alti? E dove quelli più bassi?

Tra 2019 e 2021 gli stipendi sono diminuiti in 22 province italiane.

Scopri di più su Facile.it, leader nel confronto di conti correnti.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

312 euro in meno

Gli stipendi più alti si prendono a Milano, quelli meno ricchi a Rieti.

Per tanti le buste-paga valgono sempre meno: cresce l'inflazione, in compenso il valore dei salari spesso scende.

Lo rileva una ricerca svolta dal Centrostudi delle Camere di commercio Guglielmo Tagliacarne che si occupa del reddito disponibile a prezzi correnti.

In altre parole, per la valutazione dei beni e servizi prodotti iricercatori hanno fatto ricorso ai prezzi vigenti sul mercato nel periodo in cui si effettua la valutazione.

Nel triennio citato, lo stipendio di un lavoratore dipendente nelle 22 Province svantaggiate ha perso in media 312 euro, mentre c'è stata una crescita nazionale media di circa 301 euro.

Notevoli differenze

Nel comunicato del Centro studi si legge che sono notevoli le differenze a livello territoriale.

Salari più magri di oltre 1.000 euro si registrano a Venezia, Firenze e Prato.

Mentre crescite notevoli si rilevano a Milano (+1.908 euro), Parma (+1.425) e Savona (+1.282).

Se quella milanese è la prima provincia (e area metropolitana) italiana per valore pro-capite dei salari, Savona (+14,3%), Oristano (+11,8%) e Sud Sardegna (+11,2%) presentano i maggiori incrementi delle retribuzioni.

Le risorse a disposizione

A livello pro-capite, il peso del reddito da lavoro dipendente sul totale del reddito disponibile (l'insieme delle risorse a disposizione delle famiglie per soddisfare i bisogni attuali o futuri, per acquistare beni e servizi e per risparmiare) è rimasto stabile intorno al 63%.

In 42 province su 107 (solo 6 nel Sud), è aumentato, passando dal 68,7% nel 2019 al 69,7% nel 2021.

Il caso milanese

Nell'area metropolitana milanese i dipendenti sono anche i meglio pagati d’Italia, con uno stipendio medio di 30.464 euro nel 2021, due volte e mezzo la media nazionale di 12.473 euro e nove volte più alto di quello di Rieti,in coda nella classifica retributiva.

Ma, va detto, che nel capoluogo lombardo il reddito da lavoro dipendente rappresenta oltre il 90% del reddito disponibile contro il 23,9% di Rieti e il 63,1% della media nazionale. Inoltre, il costo della vita però è tra i più elevati a livello nazionale.

Le città metropolitane

Nel complesso, si legge nel report del Centro studi, l’incidenza delle retribuzioni sulle entrate disponibili si rivela più marcata nelle città metropolitane (71,3%), meno nelle province (57,6%).

Ai due estremi di questa forbice, come abbiamo visto, si trovano Rieti con il 23,9% e Milano con il 90,7%. Tanto che, se stilassimo una classifica del reddito disponibile al netto del reddito da lavoro dipendente, il capoluogo lombardo precipiterebbe all’ultimo posto in classifica con appena 3.131 euro a testa.

Oltre Nord e Sud

L'analisi dimostra che la geografia delle retribuzioni è diversificata territorialmente, e sotto vari aspetti non rispetta la tradizionale dicotomia Nord-Sud.

L'ha sostenuto Gaetano Fausto Esposito, direttore generale del Centro studi, che ha aggiunto: Se confrontiamo la graduatoria del Pil pro capite (che misura la produzione della ricchezza) con quella delle retribuzioni, vediamo che nel primo caso praticamente tutte le ultime trenta posizioni sono appannaggio di province meridionali (con la sola eccezione di Rieti), mentre in quella delle retribuzioni pro-capite troviamo ben 10 province del Centro-Nord.

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 10 aprile 2024
Confronto di conti correnti a zero spese ad aprile 2024

Confronto di conti correnti a zero spese ad aprile 2024

Il conto corrente è uno strumento finanziario che posseggono quasi tutti gli italiani. Però la sua gestione ha un costo, che cambia a seconda del tipo di conto che sottoscriviamo: tradizionale oppure online, il più economico. Ecco quali sono i tre conti a costo zero più convenienti di questo mese.
pubblicato il 4 aprile 2024
Le pensioni INPS aprile 2024: importi più alti grazie alla riforma Irpef

Le pensioni INPS aprile 2024: importi più alti grazie alla riforma Irpef

Le pensioni da aprile 2024 avranno importi più alti, grazie alla riforma dell’Irpef: dall'inizio dell’anno è stata abolita l’aliquota al 25% ed è stata estesa fino a 28.000 euro lordi l’anno quella al 23%. Coinvolti 25.000.000 cittadini. Nessun vantaggio per chi è sotto i 14.000 euro e sopra i 50.000.
pubblicato il 5 aprile 2024
Quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024

Quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024

Desideri aprire un nuovo conto corrente, ma non sai quale scegliere? Ecco quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024.
pubblicato il 2 aprile 2024
Fisco: dopo 5 anni, stralcio automatico delle cartelle non riscosse

Fisco: dopo 5 anni, stralcio automatico delle cartelle non riscosse

Dopo 5 anni dalla richiesta di riscossione, le cartelle esattoriali saranno stralciate. Lo stralcio automatico è tra le scelte fatte dal Governo, che ha rimesso mano al sistema della riscossione. Obiettivo: renderlo più "veloce ed efficiente".

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968