Serve assistenza?
02 55 55 5

Salario minimo: il Parlamento ne discute ma non tutti sono d'accordo

17 giu 2022 | 4 min di lettura | Pubblicato da Marco B.

conti news salario minimo a che punto siamo in italia

In Parlamento si parla di salario minimo: per un dipendente non dovrebbe essere inferiore a €9 lordi l'ora, secondo il disegno di legge che porta come prima firma quella dell'ex ministra del Lavoro Nunzia Catalfo (M5S). E nonostante ci sia una direttiva da parte dell'UE, in Italia non tutti sono d'accordo.

Scopri di più su Facile.it, leader nel confronto delle migliori offerte di conto corrente.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Circa 1.000 euro netti al mese

Il risultato per i lavoratori italiani? Un salario minimo netto di poco superiore ai €1.000 mensili.

L'Italia (con Austria, Cipro, Danimarca, Finlandia e Svezia) è uno dei pochi membri dell'Unione europea a 27 che non ha una disciplina in materia e la protezione del salario minimo è fornita esclusivamente dai contratti collettivi.

In altri 21 Stati esistono salari minimi fissati per legge: dai €332 mensili in Bulgaria (il più basso) ai €2.257 in Lussemburgo (il più alto).

Quasi uno su tre prende meno

Secondo il quotidiano la Repubblica, oggi in Italia sono 4,6 milioni (il 30% del totale) i lavoratori che guadagnano meno di quei €9 orari: il 26% di quelli impegnati nel settore privato, il 35% degli operai agricoli, il 90% dei lavoratori domestici.

Soprattutto nel contesto odierno, dove la guerra in Ucraina sta avendo impatti sull'economia di diversi paesi, tra cui l'Italia, dove stiamo già assistendo a un generale aumento dei prezzi, la discussione su un salario minimo sembra che non si possa più rimandare.

La direttiva europea

Nel frattempo anche l'Unione europea sta incoraggiando questa scelta. Il 7 Giugno l'EMPL (commissione del Parlamento europeo per le Politiche sociali e l'occupazione) ha annunciato il raggiungimento di un accordo proprio a proposito di una direttiva UE sul salario minimo.

A livello nazionale

Una direttiva che, come le altre, non obbliga gli Stati ad adeguarsi automaticamente, però fissa un obiettivo che tutti i Paesi dell'UE dovrebbero realizzare attraverso disposizioni, anche diverse, definite a livello nazionale.

L'obiettivo è quello di uniformare il trattamento nell'Unione. Come? Fissando un ammontare che dovrà essere pari ad almeno il 60% del salario medio oppure stabilendo l'importo attraverso la contrattazione collettiva con sindacati e forze sociali.

Potrebbe essere uguale per tutti o variare in base ai singoli settori.

La maggioranza è divisa

In Italia il ddl Catalfo, citato prima, è bloccato in Parlamento e sembra arduo riuscire ad arrivare al varo entro un anno, quando finirà questa legislatura. Con pochissime possibilità di essere approvato in questo lasso di tempo.

La maggioranza che sostiene il Governo è divisa. C'è chi lo ritiene inutile e chi pensa che sia necessario: per offrire più tutela a chi lavora, evitando compensi troppo bassi.

Si rischia più lavoro nero?

Per esempio, il ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta (Forza Italia) ritiene che già la contrattazione collettiva tenda a fissare una retribuzione base per ogni settore, cui ogni azienda deve adeguarsi.

Per qualcuno c'è il rischio che la paga minima fissata a livello centrale sia più bassa di quella stabilita dai singoli accordi collettivi (ben 985 in Italia), oppure che possa incoraggiare il ricorso al lavoro nero irregolare.

Le posizioni favorevoli

Altri sostengono però che, senza salario minimo, alcuni degli accordi collettivi potrebbero fissare retribuzioni più basse di €9 l'ora.

Sono favorevoli all'introduzione della novità il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, e quello del PD, Enrico Letta. Concorda il Ministro del Lavoro, Andrea Orlando (PD).

Lo appoggiano, con varie sfumature, anche i sindacati, purché quel tipo di retribuzione non prenda il posto dei contratti nazionali che prevedono minimi più alti.

Bankitalia: Evitare gli automatismi

Ignazio Visco, governatore di Banca d’Italia, non è sfavorevole, ma sostiene che va architettato bene, evitando gli automatismi, in modo che non disincentivi le assunzioni.

Giancarlo Giorgetti (Lega), ministro per lo Sviluppo economico, non lo esclude comepossibilità, purché non faccia aumentare i costi per le imprese.

Confindustria: No a più costi per noi

L'imprenditore Maurizio Stirpe, vicepresidente di Confindustria, ha detto: Non avremmo nulla in contrario, ma ad alcune condizioni: nel senso che i costi dello stipendio minimo non dovranno pesare sulle aziende.

Uno dei modi fondamentali per raggiungere quest'ultimo obiettivo consiste nel diminuire le tasse sul lavoro, quindi si dovrebbe fare tutto a spese dello Stato.

Migliori Conti Deposito del mese

Guadagno netto
566,80€
Banca:
Crédit Agricole Auto Bank
Prodotto:
Conto Deposito Tempo Svincolabile
Tasso lordo
4.10 %
Spese apertura
€ 0.00
Spese chiusura
€ 0.00
Imposta bollo
0.20 % annuo sul totale
Apertura
Online
Vincolato
Guadagno netto
566,80€
Guadagno netto
566,80€
Banca:
Solution Bank
Prodotto:
Conto Yes
Tasso lordo
4.10 %
Spese apertura
€ 0.00
Spese chiusura
€ 0.00
Imposta bollo
0.20 % annuo sul totale
Apertura
Online
Vincolato
Guadagno netto
566,80€
Guadagno netto
552,00€
Banca:
Trade Republic
Prodotto:
4% di interessi
Tasso lordo
4 %
Spese apertura
€ 0.00
Spese chiusura
€ 0.00
Imposta bollo
0.20 % annuo sul totale
Apertura
Online
Vincolato
No
Guadagno netto
552,00€
Guadagno netto
479,04€
Banca:
Banca Progetto
Prodotto:
Conto Progetto
Tasso lordo
0.74 %
Spese apertura
€ 0.00
Spese chiusura
€ 0.00
Imposta bollo
0.20 % annuo sul totale
Apertura
Online
Vincolato
No
Guadagno netto
479,04€

*Le tabelle riportano a titolo esemplificativo la struttura del sito. Per tutte le offerte poste in comparazione clicca sul tasto vai e ottieni tutte le informazioni necessarie per valutare la proposta adatta alle tue esigenze

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 23 febbraio 2024
Confronto tra conti correnti a febbraio 2024

Confronto tra conti correnti a febbraio 2024

Oggi il mercato offre così tanti conti correnti online che capire qual è il migliore diventa sempre più difficile. Per fortuna c’è Facile.it! Ecco 4 conti correnti online a febbraio 2024 trovati grazie al nostro confronto.
pubblicato il 19 febbraio 2024
Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Vuoi guadagnare da subito con un conto deposito? Facile.it offre un confronto veloce tra conti deposito online e ti aiuta a trovare le offerte più remunerative! Ecco come trovare il miglior conto deposito a febbraio 2024.
pubblicato il 15 febbraio 2024
Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Introdotto un nuovo limite per l'uso dei contanti nei versamenti: occorre avere la possibilità di giustificare quelli dai 5.000 euro in su. È valido anche per le donazioni ai figli.
pubblicato il 6 febbraio 2024
I 3 migliori conti deposito vincolati di febbraio 2024

I 3 migliori conti deposito vincolati di febbraio 2024

Hai dei risparmi da parte? Mettili in un conto deposito e cresceranno nel tempo, consentendoti di guadagnare di più. Cosa aspetti? Facile.it confronta per te i migliori conti deposito e ti assiste nella scelta del più vantaggioso.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968