Serve assistenza?
02 55 55 111

Assicurazione: bollo auto, quando scatta la prescrizione?

4 apr 2023 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

prescrizione bollo auto.jpeg

Quando si parla di assicurazione auto tra le tante tasse che pesano sugli italiani sicuramente tra le più odiate c’è quella del bollo auto, meglio conosciuto come tassa automobilistica.

Si tratta di una imposta che viene richiesta dalle Regioni a tutti i proprietari dei veicoli a motore, dunque sia auto che moto, immatricolati in Italia.

RC Auto: offerte da 131€*

Non c’è una data di scadenza univoca per tutti gli automobilisti, ovviamente, perchè dipenderà dalla data di immatricolazione del mezzo e dal tipo di vettura posseduta. Il pagamento deve essere effettuato, comunque, entro l’ultimo giorno del mese successivo alla data di scadenza indicata sul tagliando. Ma è bene sapere che l’importo sarà dovuto anche se il veicolo è fermo in garage. E questo perché si tratta di una tassa dovuta per il semplice possesso del mezzo.

Non tutti lo sanno ma esistono dei tempi di prescrizione ben definiti al decorrere dei quali non sarà più possibile per gli enti regionali richiedere il pagamento della tassa automobilistica. Sarà, dunque, importante calcolare bene i tempi di prescrizione per i possessori di veicoli che sono in ritardo con il pagamento del bollo, in modo da evitare di dover pagare cifre che in realtà non sono più da corrispondere per legge.

Vediamo allora come si calcolano queste tempistiche.

Calcolo prescrizione bollo auto

Come appena detto i bolli auto non pagati possono andare in prescrizione. Questo significa che superato il tempo limite stabilito dalla legge, la Regione o l’Agenzia delle Entrate non potranno più pretendere il pagamento dei bolli arretrati. Questo tempo equivale a tre anni. Attenzione però: Non si tratta di tre anni precisi di calendario, bensì dovranno essere calcolati attraverso una procedura ben precisa. Vediamo quale.

Innanzitutto bisogna tenere presente che i tre anni decorrono a partire dal primo gennaio dell’anno successivo a quello del bollo auto non pagato e terminano il 31 dicembre del terzo anno.

In pratica ciò significa che a partire dal 1° gennaio del quarto anno qualsiasi richiesta di pagamento di un bollo auto arretrato sarà illegittima, poiché caduta in prescrizione.

Facciamo un esempio pratico: supponiamo di non aver pagato il bollo auto del 2020; la decorrenza per calcolare la prescrizione del bollo auto sarà il 1° gennaio 2021; a partire dal 1° gennaio 2024, la richiesta di pagamento del bollo del 2020 non sarà più legittima.

Bisogna però fare attenzione ad alcune eccezioni: se, infatti, nell’arco di questi tre anni si riceve un avviso di accertamento o una cartella esattoriale, il calcolo dei tre anni sarà posticipato, ripartirà, cioè, dal giorno successivo a quello in cui è stata ricevuta la lettera o la cartella. In pratica il conteggio dei tre anni ripartirà da zero. Sarà comunque possibile contestare la ricezione di un avviso bonario o di una cartella esattoriale fuori tempo massimo. Vediamo come.

Ricorso prescrizione bollo auto

Sarà possibile presentare un ricorso, davanti alla Commissione Tributaria Provinciale, entro 60 giorni dal ricevimento dell’ avviso bonario o della cartella esattoriale con la quale si viene inviatati a pagare il bollo arretrato. E questo quando si è certi che il bollo auto non pagato sia caduto in prescrizione o gli avvisi siano stati inviati oltre il tempo massimo.

Attenzione però: sarà importante effettuare la contestazione, anche nell’eventualità in cui siano trascorsi già tre anni, altrimenti l’atto fiscale si conferma: a questo punto si dovrà necessariamente pagare il bollo auto.

Un’alternativa può essere il ricorso al Giudice, attraverso quello che prende il nome di ricorso in autotutela, che deve essere indirizzato alla Regione.

Se non si riesce a rispettare tale termine di 60 giorni per impugnare la cartella al giudice: bisognerà aspettare la mossa successiva da parte dell’Agenzia delle Entrate o della Regione; nell’ipotesi in cui si dovesse ricevere la notifica per un preavviso di fermo auto o di pignoramento, si potrà impugnare tale notifica per avvenuta prescrizione del bollo auto non pagato.

La prescrizione di tre anni, come già detto, è applicata anche nel caso di notifica di una cartella esattoriale relativa al mancato pagamento del bollo auto. La conferma arriva proprio dalla Cassazione che ha stabilito che visto che la Legge non specifica quali sono i termini di prescrizione delle cartelle di pagamento, vengono applicate le stesse regole delle imposte alle quali si riferiscono, quindi nel caso della cartella esattoriale per il bollo auto, la prescrizione è di 3 anni.

Come si paga un bollo auto scaduto

Verificare la propria posizione con i pagamenti del bollo auto è molto semplice e veloce. Si può fare direttamente online tramite: il sito della Regione di residenza; il sito dell’Agenzia delle Entrate; il sito dell’ACI. Basterà inserire il tipo e la targa del veicolo da verificare.

Se si verifica effettivamente di non aver pagato il bollo, magari per una dimenticanza, sarà possibile procedere con il cosiddetto ravvedimento operoso. Si tratta di uno strumento fornito dal Fisco per rientrare in regola di propria iniziativa, quando la violazione non è stata ancora contestata, ottenendo una sorta di mini condono sull’importo della sanzione. Bisognerà ovviamente comunque pagare le sanzioni e gli interessi di mora. È possibile pagare un bollo scaduto: online, tramite l’App Io, in banca, all’ufficio postale, in una tabaccheria del circuito Lottomatica, in una ricevitorie Sisal, in un’agenzia di pratiche auto.

Le sanzioni che saranno applicate variano a seconda del ritardo con il quale avviene il pagamento. Entro i 14 giorni dalla data di scadenza si applicherà una sanzione pari allo 0,1%  mentre aumenterà al 30% dell’importo iniziale, più una mora, se il pagamento avviene dopo un anno dalla scadenza.

Per quanti anni c’è l’obbligo di conservazione del bollo auto pagato?

Le ricevute del bollo auto già pagate vanno conservate perché sarà necessario esibirle nel caso in cui malauguratamente il pagamento dovesse non risultare all’Aci ed evitare così di dover effettuare un secondo pagamento. Il termine previsto di conservazione ovviamente va di pari passo al termine della prescrizione. Dunque, il termine per la conservazione del bollo è di oltre 3 anni. Ad ogni modo, si consiglia di conservare sempre le ricevute di pagamento anche per un periodo più lungo, almeno di quattro/cinque anni. L’onere della prova, infatti, è sempre a carico del proprietario del veicolo.

Entro trenta giorni dall’accertamento del mancato pagamento del bollo per tre anni consecutivi, il PRA cancellerà il veicolo dal registro automobilistico e la Direzione Generale della Motorizzazione Civile ritirerà la targa e la carta di circolazione per mezzo delle Forze dell’Ordine. Affinché il veicolo possa tornare a circolare deve essere iscritto per la seconda volta al PRA e devono essere pagati tutti i bolli e le relative sanzioni. Questo è un caso estremo che è sempre bene evitare. Ricordiamo, infine, che non è obbligatorio esporlo.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Assicurazioni

pubblicato il 21 febbraio 2024
Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Gli autovelox sono l’incubo di tutti gli automobilisti. Bastano anche pochi km orari in più rispetto ai limiti previsti su strade e autostrade per ricevere una contravvenzione e spesso per perdere punti sulla patente.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

L’assicurazione auto sta diventando quasi un lusso a causa dell’aumento delle polizze che non accenna a fermarsi. Una recente indagine ha registrato addirittura un incremento dei prezzi Rc Auto di oltre il 27% in un anno.
pubblicato il 14 febbraio 2024
Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Il bollettino statistico dell’Ivass ha calcolato in 302 euro la media dei prezzi Rc Auto nel primo semestre 2023 al netto di tasse e spese, in aumento di 9 euro sull’anno precedente. Tuttavia, considerando il prezzo pieno l’importo schizza a quasi 400 euro.
pubblicato il 9 febbraio 2024
Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Scopri tutte le novità nella nuova pianificazione degli incentivi per moto e scooter 2024, e come cambiano rispetto all'anno appena concluso.

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: scopri su Facile.it in cosa consistono e perché possono essere utili per proteggere il flusso di cassa della tua azienda, e mantenerlo al riparo da imprevisti!
pubblicato il 18 gennaio 2024
Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Le polizze investimento a capitale garantito sono degli strumenti finanziari che permettono di recuperare l'investimento fatto inizialmente. Da un lato, sono prodotti meno rischiosi di altri, dall'altro però offrono un rendimento minore.
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Sempre più over 65 decidono di affidarsi a una polizza sanitaria per coprire le spese mediche e non solo. Qui troverai una breve spiegazione di come funziona questo prodotto assicurativo e di cosa copre.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Cos'è e come funziona la polizza Key Man

Cos'è e come funziona la polizza Key Man

La polizza Key Man è una forma di protezione che le aziende possono adottare per mitigare i rischi derivanti dalla perdita improvvisa di una figura chiave all'interno dell'organizzazione.
pubblicato il 11 gennaio 2024
La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O, chiamata anche "Polizza per la Responsabilità Civile degli organi di Gestione e Controllo della Società", è un'assicurazione essenziale per proteggere il patrimonio personale degli amministratori, dirigenti e sindaci delle società.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Se hai intenzione di aprire un fondo pensione e di avere una pensione integrativa ma non hai ancora le idee chiare su condizioni e vantaggi, ecco una guida per risolvere i tuoi dubbi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Molti genitori sono preoccupati per il futuro dei propri figli e desiderano investire per garantire loro una solida base finanziaria. In questa guida, esploreremo alcune opzioni di investimento per i bambini e forniremo consigli su come pianificare la gestione dei risparmi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

La deduzione fiscale dei fondi pensione consente di risparmiare sulle tasse e allo stesso tempo garantire un futuro finanziario sicuro durante la pensione. Seguendo regole specifiche e massimizzando i contributi deducibili, è possibile ottenere il massimo vantaggio fiscale dai fondi pensione.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968