Serve assistenza?
02 55 55 111

Quando l'assicurazione auto non risarcisce i danni?

assicurazioni_guide_quando_l_assicurazione_auto_non_risarcisce_i_danni

Le 3 cose da sapere:

  1. 1

    Il Decreto 209 impone di risarcire i danni entro due mesi dall'incidente

    1

    Il Decreto 209 impone di risarcire i danni entro due mesi dall'incidente

  2. 2

    I documenti relativi all'incidente solitamente sono custoditi dalla Polizia

    2

    I documenti relativi all'incidente solitamente sono custoditi dalla Polizia

  3. 3

    Possono causarsi disguidi di natura burocratica che bloccano il risarcimento

    3

    Possono causarsi disguidi di natura burocratica che bloccano il risarcimento

RC Auto: offerte da 131€*
RC Auto: offerte da 131€*

Tutti gli automobilisti sono obbligati a sottoscrivere un'assicurazione sulla propria vettura; è condizione indispensabile per poter circolare su strade e autostrade italiane. L'assicurazione civile sull'automobile è anche conosciuta come RC Auto, e riguarda la responsabilità civile dell'automobilista.

Solitamente le compagnie risarciscono il proprio assicurato, che è stato protagonista di un incidente stradale, specialmente nel caso in cui lo stesso non abbia alcuna colpa. Un discorso a parte è quello che riguarda il risarcimento danni assicurazione conducente diverso dal proprietario.

Esistono casi in cui l'assicurazione non risarcisce l'assicurato. Non si parla delle ovvie circostanze in cui il cliente sia in torto o il caso in cui l'assicurazione auto sia scaduta già da quindici giorni e l'incidente capiti nel corso del sedicesimo giorno a partire dalla scadenza. Esistono situazioni particolari, che verranno analizzati in questo articolo, in cui l'assicurato dovrà pagare in prima persona per i danni causati.

Sommario:

Rivalsa ed esclusione: cosa sono

Ci sono casi in cui la compagnia assicurativa, dopo aver rimborsato il danno provocato dall'incidente stradale in cui è coinvolto il suo cliente, può rivalersi contro il suo stesso assicurato: si parla dunque di rivalsa, e le circostanze possono essere disciplinate diversamente a seconda della compagnia assicurativa interessata. Ci sono diverse situazioni che rientrano in questa fattispecie; per esempio se il cliente non era abilitato alla guida del veicolo, se trasportava un carico che non era conforme a quanto previsto dal libretto di circolazione, se il conducente era al volante in condizioni inadatte alla guida di un veicolo, in quanto sotto l'effetto di sostanze proibite oppure perché non aveva provveduto a effettuare la revisione dell'automobile. Si ricorda che il conducente non abilitato alla guida è un soggetto a cui il codice stradale vieta di condurre un'automobile perché:

  • privo di patente di guida;
  • con la patente ritirata o sospesa;
  • con una patente che non è stata ancora rinnovata.

Non tutte le compagnie esercitano la rivalsa nei confronti dei propri clienti, se si presenta uno dei casi elencati; ce ne sono alcune che rinunciano a questo diritto ma chiedono come contropartita un premio più alto.

I contratti assicurativi prevedono anche delle limitazioni o esclusioni, anche se non costituiscono una vera violazione del codice della strada.

Parliamo di polizze assicurative che prevedono un numero limitato di persone che possono guidare la vettura, come quelle con guida esperta, o addirittura una sola persona come nel caso della guida esclusiva. Tutte le persone che non sono elencate espressamente non saranno soggette a copertura assicurativa.

La guida libera invece è un'opzione che non pone alcuna limitazione al numero di guidatori potenziali, ma il premio da pagare è più alto.

Ovviamente prima di sottoscrivere un contratto simile è bene pensarci attentamente; nel caso in cui il titolare della polizza, mentre si trova alla guida del veicolo avesse un malore, nessuno dei passeggeri potrebbe sostituirlo per accompagnarlo in ospedale; la conseguenza è che se il passeggero provocasse un incidente la compagnia si rivarrebbe nei confronti dell'assicurato, chiedendogli un rimborso.

Perché l'assicurazione non risarcisce i danni

Il decreto legislativo 209 del 2005 impone alle compagnie assicurative di risarcire i danni entro due mesi dall'incidente.

Se poi le persone coinvolte nel sinistro sono state virtuose e hanno provveduto a compilare il CID, possono sperare di ottenere il risarcimento in un mese. Nel caso in cui un sinistro abbia provocato lesioni alle persone, danni per i quali è previsto un rimorso, la compagnia assicurativa dovrà provvedere a liquidare i soggetti aventi diritto entro tre mesi.

Se i tempi non vengono rispettati il titolare del contratto potrebbe rivolgersi a un legale, ma deve anche considerare che potrebbero esserci delle motivazioni per cui la compagnia non eroga il rimborso.

Ci sono infatti diverse motivazioni per cui una compagnia assicurativa potrebbe rifiutarsi di risarcire un danno oppure ritardare il rimborso in caso di incidente; certamente la più diffusa è l'ipotesi in cui la compagnia debba produrre una relazione, inerente il sinistro, da inviare a polizia e carabinieri.

Il documento deve essere redatto e compilato dalle autorità di pubblica sicurezza, dopo l'incidente in cui si siano verificati danni alle persone oppure alle cose.

All'interno della relazione il cliente può trovare le informazioni che gli consentiranno di avere il rimborso: sarà descritta la dinamica del sinistro, verranno elencate le persone coinvolte e ci sarà l'indicazione delle compagnie assicurative interessate. Questi documenti solitamente sono custoditi dalla Polizia.

Un'altra motivazione possibile è che i dati dichiarati nel documento di richiesta non coincidano con il mezzo da assicurare. In questo caso potrebbero verificarsi lungaggini o si potrebbe anche avere un rifiuto dalla compagnia in caso di richiesta di rimborso.

Quanto tempo ci vuole prima che venga emessa la relazione delle autorità?

La normativa in materia prescrive un tempo massimo di 120 giorni, a partire dalla data del sinistro; tutti i soggetti coinvolti hanno il diritto di consultare il documento dopo aver pagato un'imposta di bollo. La relazione può essere consultata o ritirata in formato cartaceo, secondo quanto prevede ogni singolo comando di polizia.

Anche l'incidente stradale, che coinvolga parenti dell'assicurato, può essere un motivo per cui la compagnia assicurativa si rifiuti di risarcire i danni. Il caso è quello delle parentele fino al terzo grado; nella fattispecie la polizza non copre i danni al veicolo ma solo quelli ai soggetti danneggiati. C'è un'ulteriore specificazione da fare: i parenti coinvolti devono essere conviventi oppure a carico del titolare del contratto.

E infine c'è il classico esempio del cliente che guida senza aver allacciato le cinture di sicurezza e causa un sinistro che procura danni a cose o persone. Le compagnie assicurative non tollerano mancanze che possono provocare gravi danni alla salute e all'incolumità delle persone. Nella fattispecie della guida senza cinture non verrà erogato alcun rimborso, oppure potrà essere previsto in misura ridotta, anche se il guidatore non è stato responsabile del sinistro; solitamente la compagnia incarica un perito di accertare se l'uso delle misure di sicurezza, da parte di tutti i passeggeri, avrebbe potuto evitare i danni occorsi. Qualora l'esperto, dopo aver effettuato la perizia, riscontrasse che il danno poteva essere evitato, se tutti i soggetti presenti nella vettura avessero usato le cinture, la compagnia non rimborserà l'assicurato.

Mancato risarcimento per disguidi burocratici

L'emissione del documento, da parte della pubblica autorità, non è l'unico caso in cui si possono riscontrare ritardi nel risarcimento. A incidere possono esserci anche problemi o disguidi di natura burocratica. Non è raro che una pratica, infatti, vada smarrita oppure che il liquidatore sia temporaneamente assente. Il consiglio è quello di sollecitare la compagnia assicurativa ad accelerare le pratiche affinché il risarcimento, qualora previsto, venga erogato nel termini previsti. Poiché si tratta di un'ipotesi piuttosto frequente, diverse compagnie assicurative cercano di favorire il cliente accontentandolo il più possibile nella fase della trattativa.

Cosa fare se la compagnia non risarcisce?

Nel caso di mancato risarcimento da parte della compagnia assicuratrice è possibile contestare il reclamo o il mancato pagamento inviando una lettera raccomandata alla compagnia con la documentazione necessaria, redatta da un legale o un'azienda esperta come un'infortunistica.

Cosa fare se l'assicurazione paga meno del preventivo?

Perché una compagnia può pagare meno del preventivo per le riparazioni? Occorre sempre ricordare che le compagnie assicurative valutano il valore di mercato di un'auto prima del sinistro per quantificare il risarcimento.

Una prima soluzione può essere quella del chiedere il risarcimento in forma specifica. La Cassazione ha recentemente stabilito con l'ordinanza numero 10686 del 20/04/2023 che si ha sempre diritto alla riparazione del veicolo, anche se il costo è maggiore del suo valore, dunque questa potrebbe essere un modo per ottenere un giusto indennizzo.

In caso di rifiuto, è sempre possibile accettare la cifra offerta anziché pagare l'intero danno di tasca propria.

Come ultima risorsa, si può trattare con il liquidatore dell'assicurazione per ottenere un'offerta migliore o citare in giudizio la compagnia assicuratrice, fornendo documentazione come preventivi e fatture per supportare la sua richiesta di un risarcimento maggiore.

RC Auto: offerte da 131€*

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line per te su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

RC Auto

Confronta più compagnie

Preventivo AUTO

RC Moto

Confronta più compagnie

Preventivo MOTO

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 11 maggio 2024
Viaggiare sicuri a Zanzibar

Viaggiare sicuri a Zanzibar

Zanzibar è un luogo affascinante e ricco di bellezze naturali, ma come per qualsiasi destinazione di viaggio, è importante prendere alcune precauzioni per garantire un viaggio sicuro e piacevole.
pubblicato il 11 maggio 2024
Visitare Zanzibar: consigli di viaggio

Visitare Zanzibar: consigli di viaggio

Zanzibar è un arcipelago incantevole situato al largo delle coste della Tanzania, nell'Oceano Indiano. Con le sue spiagge mozzafiato, le acque cristalline e una cultura ricca di storia, l'isola ha attirato viaggiatori in cerca di relax e avventura tropicale.
pubblicato il 8 maggio 2024
Assicurazione casa alluvione: cosa copre

Assicurazione casa alluvione: cosa copre

Con degli eventi estremi sempre più frequenti è bene essere pronti a qualsiasi evenienza, per questo stipulare un'assicurazione casa contro le alluvioni può essere utile in caso di danni ingenti a propri beni.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968