02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Il risarcimento diretto: cos'è e come funziona

Il risarcimento diretto: cos'è e come funziona
Le 3 cose da sapere:
  • Come funziona: è la propria compagnia a risarcire i danni subiti
  • Modalità: la richiesta va inviata assieme alla denuncia e al CID
  • Compagnia: non tutte le compagnie offrono il Risarcimento Diretto

In seguito al Decreto Bersani, a partire dal 1° febbraio 2007 è stata introdotta un’importante innovazione in tema di assicurazioni auto online e "fisiche", nota come indennizzo o risarcimento diretto. Tale norma prevede che, se la compagnia aderisce alla Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto (Convenzione C.A.R.D.) e in determinati casi di sinistro senza colpa, sia possibile richiedere il risarcimento del danno direttamente alla propria compagnia. Fuori dai casi di applicabilità, nonché in caso di compagnia non aderente alla C.A.R.D. (“RC senza Risarcimento Diretto”), sarà invece necessario rivolgersi alla compagnia della controparte.

Se in una polizza RCA viene aggiunta la clausola risarcimento in forma specifica, l'assicurato danneggiato, oltre al risarcimento del danno pecuniario, può chiedere alla compagnia di assicurazione di procedere al ripristino della corretta funzionalità del veicolo e quindi alla eliminazione del danno.

Sommario

Risarcimento Diretto: cos'è

Il risarcimento diretto prevede che in caso di sinistro sia possibile ottenere il risarcimento del danno direttamente dalla propria compagnia di assicurazione che poi potrà rivalersi nei confronti della compagnia del soggetto che ha causato il sinistro o ha contribuito a causarlo. Affinché sia possibile accedere a questa modalità è necessario che le compagnie di assicurazione dei veicoli coinvolti abbiano aderito alla CARD (Convenzione CARD tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto); in caso contrario il risarcimento dovrà essere richiesto con la procedura ordinaria e cioè alla compagnia del soggetto che ha causato il sinistro.

Risarcimento Diretto: quando si applca

Il codice delle assicurazioni stabilisce nel dettaglio tutte le condizioni di applicabilità dell'indennizzo diretto, ovvero tutte quelle casisiche per le quali l'assicurato si può avvalere di tale procedura. Nello specifico affinché si possa ottenere il risarcimento diretto è necessario che si verifichino le seguenti condizioni:

  • il sinistro deve verificarsi tra veicoli a motore, con copertura assicurativa, immatricolati in Italia, Repubblica di San Marino o Città del Vaticano;
  • la collisione deve avvenire esclusivamente tra due veicoli, quindi nel caso in cui siano coinvolti più di due veicoli non potrà procedersi al risarcimento diretto, ma al risarcimento ordinario;
  • il sinistro deve avvenire in Italia, Repubblica di San Marino o Città del Vaticano; 
  • entrambe le compagnie di assicurazione (danneggiato e danneggiante) devono aver aderito alla CARD.

Risarcimento Diretto: quando non si applica

Nel Codice delle assicurazioni sono fornite indicazioni anche di quando non si applica il risarcimento diretto. Nello specifico non si potrà procedere all'indennizzo diretto nel caso in cui:

  • siano coinvolte macchine agricole, ad esempio trattori, natanti, oppure motocicli con vecchia targa a 5 caratteri;
  • assenza di collisione tra veicoli, ad esempio se uno solo dei veicoli è danneggiato non può esservi risarcimento diretto
  • coinvolgimento di più di due veicoli responsabili
  • sinistri avvenuti fuori da Italia, San Marino o Vaticano

I danni risarcibili sono quelli a carico del veicolo, cose trasportate e persone (conducente e trasportato) deve però essere sottolineato che per ottenere il risarcimento diretto il danno alle persone deve essere di lieve entità e quindi con invalidità biologica permanente pari o inferiore al 9%. In caso di danni di maggiore entità si dovrà procedere con il risarcimento ordinario.

Vantaggi del Risarcimento Diretto

I vantaggi del risarcimento diretto si possono sintetizzare in due punti:

  • tempi e modalità di liquidazione del sinistro molto più snelli e veloci
  • possibilità di richiedere il risarcimento del danno subito direttamente alla propria assicurazione

Il primo e più importante vantaggio del risarcimento diretto, come sottolineato, sta nel fatto che la procedura per ottenere la liquidazione in caso di sinistro è più veloce rispetto al procedimento ordinario: inoltre il rimborso che si ottiene viene valutato utilizzando gli stessi parametri utilizzati per il risarcimento ordinario e quindi per l'assicurato non vi sono "perdite". Si farà dunque riferimento alla perizia inerenti i danni al veicolo e certificati medici per quanto riguarda i danni alle persone. Inoltre, se si ritiene che il risarcimento proposto non sia congruo è comunque possibile avviare una procedura di conciliazione, negoziazione assistita oppure una procedura giudiziaria e quindi non viene meno una tutela effettiva e piena.

Come richiedere il Risarcimento Diretto

Per avere un risarcimento diretto in seguito al sinistro è necessario identificare il veicolo con il quale si è avuto il sinistro: come detto in precedenza in questo caso è importante ricordare che deve essere immatricolato in Italia, Repubblica di San Marino o Città del Vaticano e che, se l'altro veicolo non è stato identificato, oppure ha una targa straniera, non è possibile procedere. La procedura di indennizzo diretto può essere utilizzata anche nel caso in cui le parti abbiano convenuto sulla dinamica del sinistro e quindi sia stato firmato il modulo di constatazione amichevole.

Dopo aver effettuato l'identificazione, è necessario chiedere alla propria compagnia il risarcimento. Nella richiesta devono essere indicati i nomi degli assicurati, le targhe dei veicoli e le compagnie di assicurazione. È essenziale delineare le circostanze e le modalità in cui è avvenuto il sinistro. Se vi sono testimoni devono essere indicate le loro generalità, inoltre deve essere dichiarato se sul luogo del sinistro è intervenuta l'autorità, luogo, giorno e ora in cui sarà eseguita la perizia per la valutazione del danno.

Nel caso in cui si siano verificati anche danni alle persone devono essere indicate le generalità delle persone che hanno subito danni, codice fiscale delle stesse, età, attività e reddito della persona danneggiata. Devono inoltre essere indicate l'entità delle lesioni subite e il certificato l'avvenuta guarigione senza lesioni permanenti. Il danneggiato deve indicare se ha diritto a prestazioni INAIL, deve essere allegata l'eventuale consulenza medico legale e fatturazione della prestazione professionale.

Una volta inoltrata la domanda, la compagnia di assicurazione provvederà a identificare la compagnia di assicurazione dell'altro veicolo coinvolto e quindi a verificare che abbia aderito alla CARD. A questo punto se entrambi i conducenti hanno compilato il modulo CAI (il modulo per la constatazione amichevole), entro 30 giorni la compagnia di assicurazione del danneggiato inoltrerà un'offerta al suo cliente. Se invece il modulo non è stato compilato, l'offerta sarà inoltrata nel termine di 60 giorni. Infine, se vi sono anche danni alle persone il termine per l'offerta è di 90 giorni. L'offerta deve essere motivata. Se l'assicurato accetta l'offerta, la compagnia è obbligata a versare gli importi entro 15 giorni dall'accettazione.

Cosa fare in caso di disaccordo

Se l'offerta proposta dalla compagnia di assicurazione per il risarcimento diretto non appare congrua rispetto al danno che si ritiene di aver patito, è possibile aprire una procedura di conciliazione: questa strada può essere percorsa se l'ammontare del danno è inferiore a 15.000 e non prevede costi per il consumatore. In alternativa è possibile procedere con una negoziazione assistita: questa fase prevede la presenza di un legale e mira ad un accordo con la compagnia, naturalmente cercando di dimostrare il maggiore danno subito rispetto a quello che la compagnia vorrebbe liquidare. Infine, nel caso in cui la negoziazione assistita non abbia successo, vi è la possibilità di esperire un rito ordinario civile in cui far valere le proprie ragioni. La negoziazione assistita può essere avviata anche nel caso in cui nei termini previsti dalla legge la compagnia non provveda a inoltrare un'offerta al cliente.

Differenze Risarcimento Diretto e ordinario

La tabella di seguito riassume i presupposti applicativi e le principali differenze tra le modalità di risarcimento, nonché le principali differenze nel processo di liquidazione.

  Risarcimento Diretto Risarcimento Ordinario
NATURA Il danneggiato (proprietario o conducente) che si ritiene non responsabile in tutto o in parte, richiede il risarcimento del danno direttamente dalla propria Compagnia Assicurativa (con le modalità previste da ciascuna Compagnia e indicate nel Set Informativo). Il danneggiato (proprietario o conducente) che si ritiene non responsabile in tutto o in parte, rivolge la domanda di risarcimento alla compagnia della controparte responsabile (anche parziale) del sinistro.
PRESUPPOSTI APPLICATIVI Si applica quando si verificano tutte le seguenti condizioni:
  • Veicoli a motore
  • Veicoli identificati e assicurati per la RCA, immatricolati in Italia, Repubblica di San Marino e Città del Vaticano;
  • Collisione tra due veicoli senza coinvolgimento di altri veicoli responsabili;
  • Sinistri avvenuti in Italia, Repubblica di San Marino e Città del Vaticano;
  • La compagnia assicurativa è aderente alla C.A.R.D. (vedi sezione “quali compagnie?”)

Quando NON si applica:
  • Macchine agricole e natanti
  • Assenza di collisione tra i veicoli (non c’è stato per uno dei due un danno effettivamente constatabile);
  • Coinvolgimento di più di due veicoli responsabili incluso quello del danneggiato;
  • Sinistri non avvenuti in Italia, Repubblica di San Marino e Città del Vaticano;
  • Veicoli non identificati o non assicurati per la RCA, non immatricolati in Italia, Repubblica di San Marino e Città del Vaticano;
  • Coinvolgimento di un ciclomotore munito della vecchia targa a 5 caratteri;
  • La compagnia assicurativa del danneggiato non aderisce alla C.A.R.D. (“RC senza Risarcimento Diretto”)
  • Per esclusione, si applica in tutti gli altri casi in cui non si può applicare la CARD.
Si applica a tutti i tipi di sinistro, anche quelli per cui si potrebbe utilizzare la procedura di risarcimento diretto.
DANNI RISARCIBILI
  • Danni al veicolo;
  • Danni alle cose trasportate di proprietà dell’assicurato o del conducente;
  • Lesioni personali al conducente inferiori o pari al9% di invalidità biologica permanente.
  • Tutti
A CHI RIVOLGO LA RICHIESTA? La richiesta di Risarcimento deve essere presentata alla propria Compagnia Assicurativa La richiesta di Risarcimento deve essere presentata alla Compagnia Assicurativa del responsabile (anche parziale) del sinistro
CONTENUTI DELLA RICHIESTA
Le previsioni non variano in base alla modalità di Risarcimento
La richiesta deve contenere:
  • nomi degli assicurati;
  • targhe dei due veicoli coinvolti;
  • denominazione delle rispettive Compagnie;
  • descrizione di circostanze e modalità del sinistro;
  • generalità di eventuali testimoni;
  • indicazione dell’eventuale intervento delle autorità
  • luogo, giorni e ore per la perizia sulle cose danneggiate.

e inoltre, in caso di lesioni personali:
  • codice fiscale
  • età, attività e reddito del danneggiato;
  • entità delle lesioni subite;
  • dichiarazione di aver diritto a prestazioni gestite da assicurazioni sociali obbligatorie (INAIL);
  • attestazione medica comprovante l’avvenuta guarigione, con o senza postumi permanenti.
  • eventuale consulenza medico-legale di parte, corredata dall'indicazione del compenso spettante al professionista
TEMPISTICHE
Le previsioni non variano in base alla modalità di Risarcimento
La Compagnia farà congrua e motivata offerta per i danni al veicolo o alle cose:
  • entro 60 giorni;
  • entro 30 giorni (se il Modulo di constatazione amichevole CAI è sottoscritto da entrambi i conducenti)

Per lesioni personali
  • entro 90 giorni.
IMPORTO LIQUIDATO
Le previsioni non variano in base alla modalità di Risarcimento
L’importo liquidato dipende dalla richiesta di risarcimento e dall’offerta della compagnia assicurativa. Tale importo non dipende in alcun modo dalla modalità di Risarcimento (Diretto o Ordinario).
SE NON SEI SODDISFATTO
Le previsioni non variano in base alla modalità di Risarcimento
  • Procedura di conciliazione, come via alternativa a quella giudiziaria, per risolvere controversie nate a seguito di sinistri RC Auto con danni fino a 15.000 euro. La procedura non comporta oneri per il consumatore salvo eventuale iscrizione all’Associazione dei Consumatori.
  • Procedura di negoziazione assistita e successivamente giudizio civile ordinario
QUALI COMPAGNIE? Nell’ambito dei presupposti applicativi sopra elencati, il Risarcimento Diretto è possibile solamente con compagnie aderenti alla Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto (C.A.R.D.). Le imprese italiane ammesse ad operare nella RCA aderiscono tutte alla C.A.R.D. Non tutte le imprese estere, invece, aderiscono a tale convenzione. Sul sito IVASS è disponibile sia l’elenco delle imprese italiane (clicca qui) che quello delle imprese estere autorizzate, con evidenza dell’eventuale adesione alla C.A.R.D. (clicca qui). Il Risarcimento Ordinario è una procedura perseguibile in ogni caso, indipendentemente dalla tua compagnia assicurativa e dalla tipologia di sinistro.
RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO
Vota la guida:
Valutazione media: 4,5 su 5 (basata su 89 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 24/02/2021

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Offerte confrontate

Compara le polizze delle compagnie e trova l'assicurazione online al miglior prezzo su Facile.it. Risparmia fino a 500€ sull'assicurazione auto. Bastano 3 minuti!

Guide alle assicurazioni

  • Quanto aumenta l'assicurazione dopo un sinistro

    Quanto aumenta l'assicurazione dopo un sinistro

    Quando si verifica un incidente stradale,...

  • Rottamazione auto: le cose da sapere sulla demolizione auto

    Rottamazione auto: le cose da sapere sulla demolizione auto

    Al giorno d'oggi, non tutti sanno cosa si...

  • Incentivi auto: cosa sapere sul bonus per acquisto auto

    Incentivi auto: cosa sapere sul bonus per acquisto auto

    Gli incentivi auto 2020 sono dei bonus che...

  • Targa prova auto: cos'è e quando si utilizza

    Targa prova auto: cos'è e quando si utilizza

    La targa di prova dell'automobile...

Guide Assicurazioni