Serve assistenza?
02 55 55 5

FTX fallisce: le criptovalute sono in crisi?

17 nov 2022

trading news ftx cos e successo

FTX, la piattaforma di trading per criptovalute, ha annunciato di aver presentato istanza di fallimento.

Pochi giorni prima Sam Bankman-Fried, ceo dell'azienda, aveva tuttavia rassicurato i clienti tramite Twitter.

Cos'è successo?

Ne parliamo qui su Facile.it, leader nel confronto di piattaforme trading online.

Trova la migliore piattaforma per te
Trova la migliore piattaforma per te

Ciò è accaduto a coronamento di una settimana di drammi aziendali che ha sconvolto i mercati delle criptovalute, un settore che sta lottando per guadagnare credibilità mainstream, e scatenato indagini governative che potrebbero portare addirittura ad accuse penali.

Il comunicato

In un comunicato su Twitter, la società ha dichiarato che Bankman-Fried si è dimesso e che John J. Ray III, specialista in ristrutturazioni aziendali, ha assunto la carica di ceo.

Solo pochi giorni fa, lo stesso Bankman-Fried era considerato un leader del settore delle criptovalute, una figura influente a Washington che esercitava pressioni per definire i regolamenti. FTX era considerata una delle società più stabili nel settore.

Debito di 8 miliardi

Il fallimento ha scatenato una corsa tra gli investitori e i clienti per recuperare i fondi da ciò che resta di FTX.

Questa settimana un'ondata di clienti ha cercato di prelevare fondi dalla piattaforma e la società non è riuscita a soddisfare la domanda.

Alcuni articoli hanno citato fonti secondo le quali FTX ha un debito di circa 8 miliardi di dollari.

Inoltre, Bankman-Fried godeva del sostegno di alcuni dei più importanti investitori di venture capital della Silicon Valley, tra cui Sequoia Capital e Lightspeed Venture Partners. Questi hanno dichiarato che i loro investimenti a nove cifre nella borsa di criptovalute sono ora essenzialmente privi di valore.

Un altro colpo per le criptovalute

Questo crollo ha destabilizzato l'industria delle criptovalute, già provata dal crollo della primavera che ha drenato dal mercato 1000 miliardi di dollari.

I prezzi delle principali criptovalute, Bitcoin ed Ether, sono scesi repentinamente. Il prestatore di criptovalute BlockFi, strettamente legato a FTX, ha anche annunciato la sospensione delle operazioni.

Le parole del CEO

La scomparsa dell'azienda ha anche scatenato una riflessione sulle pratiche rischiose che sono diventate pervasive nella criptovaluta.

Bankman-Fried ha dichiarato su Twitter: "Spero che questo possa portare un po' di trasparenza, fiducia e governance".

Le indagini sono in corso

FTX è già oggetto di indagini da parte della Securities and Exchange Commission e del Dipartimento di Giustizia, con gli investigatori concentrati sul fatto che la società abbia usato impropriamente i fondi dei clienti per sostenere Alameda Research, una società di trading fondata sempre da Bankman-Fried.

L'istanza di fallimento comprende FTX, la sua filiale statunitense e Alameda. Secondo una scarna documentazione legale depositata presso il Tribunale fallimentare degli Stati Uniti nel Delaware, FTX ha attività valutate tra i 10 e i 50 miliardi di dollari, con un'entità di passività dello stesso ordine di grandezza. La società ha più di 100.000 creditori, si legge nel documento.

FTX: chi era ai vertici?

L'impero crittografico di Bankman-Fried aveva una struttura elaborata. La dichiarazione di fallimento elenca più di 130 entità aziendali affiliate a FTX e Alameda.

Inusualmente per una grande start-up, nessuno degli investitori di FTX aveva un posto nel consiglio di amministrazione, che invece era composto da Bankman-Fried, un altro dirigente e un avvocato di Antigua e Barbuda.

FTX e Alameda avevano sede alle Bahamas, dove Bankman-Fried e una ristretta cerchia di alti dirigenti decidevano la maggior parte delle operazioni di gestione e vivevano insieme in un resort di lusso. Ufficialmente, Alameda era gestita da Caroline Ellison, un'ex trader della società di hedge fund Jane Street.

Oltre a Bankman-Fried ed Ellison, la cerchia di dirigenti che gestiva FTX comprendeva Nishad Singh e Gary Wang, chief technology officer.

Com'è iniziato tutto?

FTX forniva ai clienti un mercato per acquistare, vendere e conservare un'ampia gamma di valute digitali. La maggior parte delle sue entrate derivava da operazioni rischiose ed illegali negli Stati Uniti in cui gli investitori di criptovalute prendevano in prestito denaro per fare enormi scommesse sui prezzi futuri delle criptovalute.

Bankman-Fried gestiva anche un'affiliata statunitense più piccola che offriva opzioni di trading più semplici.

I problemi di dell'ex enfant prodige sono iniziati nel fine settimana, quando l'amministratore delegato di Binance, la più grande borsa di criptovalute, ha suggerito pubblicamente che FTX potrebbe essere in una situazione finanziaria precaria.

Martedì 8 Novembre, Bankman-Fried aveva dichiarato di aver raggiunto un accordo per vendere FTX a Binance. Tuttavia, Changpeng Zhao, ceo di Binance, si è tirato fuori dall'accordo dopo aver esaminato i documenti finanziari della società.

Negli ultimi giorni Bankman-Fried ha sottolineato che stava lavorando duramente per raccogliere fondi e risolvere la situazione diventata però impossibile da gestire.

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti, delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Banche

Scopri i dettagli, i prodotti e la storia delle banche partner di Facile.it.

© 2023 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968