Conviene ancora l'acquisto di un'auto a metano?

L'attuale periodo storico espone gli automobilisti a pesanti rincari; potranno le auto a metano essere ancora un investimento vantaggioso? Oggi come oggi conviene ancora il metano? Vediamo perchè la risposta potrebbe essere affermativa.

Sommario:

La propulsione a metano

Avviene con lo stesso principio dei motori a benzina e diesel, cioè tramite la combustione interna, e richiede un impiego di tecnologie apposite. La propulsione a metano ha avuto il pregio di costare meno per via del prezzo del combustibile decisamente inferiore, ma richiede una manutenzione dedicata e il rispetto di alcune regole di sicurezza.

Un motore che funziona tramite la combustione del metano ha bisogno di uno o più serbatoi che contengono il gas ad alta pressione (allo stato gassoso e non liquido come accade con il gpl); il primo dispositivo che incontra il metano prima dell'ingresso nel motore consiste in un riduttore di pressione, l'opposto di quanto accade in un motore a benzina che invece sfrutta pompe ad alta pressione per alimentare gli iniettori.
La complessità, per certi versi, di un impianto a metano sembra sconsigliarne la scelta rispetto agli altri combustibili, anche per i costi che potrebbero derivare da un'eventuale manutenzione straordinaria. Quest'ultima è legata peraltro alla revisione periodica che interessa in modo specifico la bombola del gas (o le bombole, a seconda della vettura).

Se poi rapportiamo la propulsione a metano alle nuove tecnologie ibride ed elettriche rischiamo di andare incontro a impietose differenze che sembrano sconsigliare ampiamente una scelta che sembra essere oramai "vetusta". Una cosa è certa: un conto è acquistare un'auto a metano ex novo, quindi una vettura progettata per funzionare esclusivamente in tal modo fin dalla sua uscita dalla fabbrica, un conto è modificare un motore a benzina come alcuni automobilisti hanno fatto tempo addietro. Considerata l'epoca, la seconda soluzione dovrebbe essere oramai scartata, in quanto richiede un investimento aggiuntivo e non sempre garantisce gli effetti sperati, almeno in termini di resa e consumi. Pertanto, possiamo concludere che l'eventuale convenienza nell'acquistare un'auto a metano dovrebbe coinvolgere solo veicoli nuovi di fabbrica preparati esclusivamente per funzionare con tale tecnologia.

Quando preferire il metano

Le auto a metano nacquero come alternativa agli altri combustibili fossili; il prezzo del gas, un tempo molto basso rispetto a quello della benzina e del gasolio, permise agli automobilisti di sfruttare l'automobile spendendo meno; inoltre le auto a metano sono tutt'ora solite percorrere più chilometri anche rispetto ai veicoli diesel.

Considerate le caratteristiche, coloro che usano il veicolo quotidianamente in un tratto prevalentemente pianeggiante e non cercano troppe emozioni dalla guida possono ancora trovare nel metano più di una soluzione ai propri problemi. La motorizzazione potrebbe essere comoda anche per chi percorre molti chilometri in autostrada, sempre se è disposto ad accettare la carenza dei punti vendita, specialmente nel sud della penisola dove tali servizi scarseggiano maggiormente.

Il metano conviene ancora?

Cerchiamo ora di rispondere a questa domanda tenendo presente la destinazione d'uso di questi veicoli la cui scelta è specifica e vuole quindi essere diversa da quella di un'automobilista che preferisce la benzina o l'elettrico.

È particolarmente importante rispondere a questa domanda se si stanno confrontando diverse offerte di auto, quindi quando si è intenzionati all'acquisto di una macchina nuova o di una vettura km 0; e soprattutto se si stanno spulciando le offerte di auto usate in vendita, per capire se il costo del metano possa portare vantaggi effettivi nel lungo periodo.

Un kg di metano costa attualmente oltre 2 euro, una cifra davvero spaventosa rispetto a quanto accadde negli anni migliori per questa soluzione, mentre la benzina rimane abbastanza stabile, attestandosi a un prezzo compreso fra 1 euro e 60 e 1 euro e 80 centesimi al litro; il gasolio costa invece circa 20 centesimi in meno della benzina. La tendenza sembra essere quella dell'aumento dei prezzi su tutti i fronti, ma il metano ha dalla sua una resa in chilometri superiore a quella del gasolio, a sua volta "migliore" in tal senso della benzina; a parità di potenza erogata dal propulsore (120-150 cv), il tutto può essere riassunto come segue:

  • un'auto a benzina è la scelta più onerosa al distributore. La benzina costa circa 1 euro e 70 centesimi e permette mediamente una percorrenza di 15 chilometri con un litro;
  • un'auto ibrida, nello specifico una full-hybrid, percorre mediamente 20 km con un litro;
  • un'auto diesel percorre gli stessi km di una full hybrid a un costo inferiore, quello del gasolio pari a circa 1 euro e 50 centesimi;
  • un'auto a gpl consuma come un veicolo a benzina (15 km con un litro), ma il "propano liquido" costa alla fonte meno di un euro;
  • un'auto elettrica percorre 6 km con 1 kW, ma il costo di quest'ultimo è di soli 20 centesimi.

L'auto a metano deve ora fare i conti con il costo del gas che ha superato i 2 euro al kg, una cifra che abbinata alla migliore percorrenza in assoluto e pari a circa 25 km con un kg, pone il metano subito dopo la benzina. Un grande peggiormento per un combustibile che era anni addietro un diretto concorrente del gpl. In pratica, è davvero difficile parlare di convenienza del metano, almeno fino a quando i prezzi al kg non torneranno a livelli migliori; infatti, le moderne soluzioni ibride, salvo sorprese, convengono anche a livello di costi, mentre è davvero impossibile fare un parallelo con le prestazioni, decisamente migliori in un'auto ibrida.

A proposito: conosci le differenze tra Plug In Hybrid, Full Hybrid e Mild Hybrid? Abbiamo realizzato un articolo proprio per illustrartele!

Quali sono i punti di forza di un'auto a metano

Il metano non ha molti punti di forzail suo vero vantaggio era il costo alla fonte, mentre l'approvigionamento stesso richiede impegno a causa della scarsità dei distributori; inoltre la revisione della bombola è senza dubbio un costo aggiuntivo, senza contare che alcuni veicoli perdono diverso spazio a disposizione per via dell'ingombro del serbatoio. Infine, le prestazioni di un'auto a metano sono inferiori a quelle di tutte le altre vetture.
Ma allora perchè comprare un'auto a metano? Il principale vantaggio all'acquisto consiste nell'aspetto green del combustibile, una caratteristica che equipara il gas naturale all'ibrido e all'elettrico; in sintesi, non si paga il bollo per 5 anni e si contribuisce a inquinare meno, un fatto che apre le porte alle ZTL e offre ai possessori corsie preferenziali in periodi di targhe alterne e traffico limitato.
La lunga percorrenza in km che garantisce il metano potrebbe tuttavia comportare un vantaggio futuro, in special modo se i prezzi dovessero tornare ai livelli a cui gli automobilisti erano abituati.
Riassumendo, siamo in un momento storico in cui il metano sta attraversando una sorta di crisi che lo pone comunque come ancora vantaggioso rispetto alla benzina; se questo fatto sottolinea da un lato la convenienza attuale nello scegliere la tecnologia ibrida (comoda anche perchè utilizza prevalentemente proprio la benzina, a differenza dell'elettrico plug-in che richiede l'installazione in casa di una pila da 7,2 kW), dall'altro indica che in prospettiva futura il metano potrebbe tornare a essere perfetto per coloro che puntano al risparmio assoluto.
In definitiva, il metano ora conviene poco, ma varrebbe la pena continuare a scommettervi.

Auto in pronta consegna Risparmia fino al 40%

Offerte confrontate

Confronta le offerte di noleggio auto a lungo termine su Facile.it e risparmia sulla tua auto a noleggio. Bastano 3 minuti!

Guide al noleggio auto

Guide auto

Che fai lì fuori?

Accedi e confronta le offerte ancora più velocemente: risparmia tempo e denaro!

Accedi

oppure