Serve assistenza?
02 55 55 5

Conti: pagamenti con il bancomat, quali sono i limiti?

11 lug 2022 | 4 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

conti expert speaks pagamenti con bancomat quali sono i limiti

Ormai è noto a tutti i correntisti che per la legge antiriciclaggio anche se non esiste alcun limite al prelievo di contantiè bene non superare una certa soglia (pari a 10mila euro in un mese, anche se frazionata) pena il rischio di incorrere nei controlli da parte dell’istituto di credito.

Non tutti ancora sanno, invece, che esiste un limite ai pagamenti bancomat e ancora ci stupiamo quando questo viene bloccato per eccesso di operazioni. Dunque, vediamo come funziona e se è possibile modificare tale limite.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Il bancomat è sicuramente oggi uno dei metodi di pagamento più diffusi in Italia, soprattutto dopo la spinta voluta dal Governo Draghi per il tracciamento del denaro onde evitare l’evasione fiscale e il riciclaggio di denaro sporco.

Tra l’altro, proprio dallo scorso 30 giugno sono cambiate le regole per i pagamenti elettronici, per cui dalle sigarette al caffè passando per la corsa in taxi possiamo ora tranquillamente utilizzare sempre il nostro bancomat per pagare. Nel caso in cui l’esercente non accetti il pagamento elettronico sarà passibile di sanzione.

Un utilizzo, dunque, questo del bancomat che è diventato sempre più capillare e che però ha portato molti solo ora a scoprire che esiste un limite sia ai pagamenti bancomat che ai prelievi giornalieri e mensili. Anche perché a differenza della carta di credito le spese effettuate sono immediatamente addebitate sul conto corrente collegato alla carta stessa. Di solito, per il bancomat, non ci sono costi fissi di mantenimento perché sono, appunto, inclusi, nei costi del conto corrente stesso.

Bancomat, ecco i limiti giornalieri e mensili

In linea di massima possiamo dire che il bancomat consente di spendere circa 600 euro al giorno, limite questo che può essere più elevato e può arrivare anche a 1000 euro. Il limite mensile varia tra i 2mila e i 5mila euro. Ovviamente si tratta di indicazioni relative perché ogni banca può decidere il limite preciso della carta di debito emessa così come ogni singolo correntista può scegliere di far alzare o abbassare la soglia del proprio bancomat. In linea generale possiamo dire che sono stati fissati comunque da tutte le banche dei limiti di utilizzo per motivi di sicurezza.

Bisogna poi distinguere dal limite di pagamento con il bancomat quello relativo al prelievo. Generalmente si va dai 250 ai mille euro al giorno e dai 2mila ai 3mila euro mensili, salvo accordi diversi tra il cliente e la banca. Allo sportello automatico, invece, si potrà prelevare fino a 250 euro al giorno. Anche in questo caso, se è stata concordata una cifra differente con la banca per il prelievo giornaliero, il correntista potrà effettuare, ad esempio, due operazioni per prelevare 500 euro (250 euro+250 euro), tre operazioni per prelevarne di più, etc.

In tutti questi casi, comunque, quando verrà raggiunta la soglia giornaliera stabilita, sia in caso di prelievo che in caso di pagamenti, il bancomat non sarà utilizzabile fino al giorno successivo, quindi fino alla mezzanotte.

Lo stesso accade quando si supera la soglia mensile. Il bancomat fino al mese successivo non si potrà più usare.

Limiti di spesa, come modificarli

Per quasi tutte le banche è possibile alzare o ridurre i limiti di spesa del proprio bancomat. Il metodo più pratico e più veloce è sicuramente quello online, accedendo alla propria banca via internet da pc o app da telefono cellulare. Basterà cliccare nella sezione della gestione carta e scegliere i limiti e i massimali consentiti.

Oltre a questi limiti è bene tenere conto di altri tetti da osservare. Tra questi c’è la soglia stabilita per l’uso del bancomat contactless. Ci riferiamo alla necessità di dover inserire nel Pos, al momento del pagamento, il proprio codice Pin. Fino alla fine del 2020 questa soglia era fissata a 25 euro. Dall’anno successivo è stata aumentata a 50 euro. Ciò significa che per pagare fino a 49,99 euro oggi non dobbiamo inserire il Pin.

Il doppio circuito

Fatta la legge, si suol dire, trovato l’inganno. Esiste, infatti, un modo per aggirare il limite stabilito dalla banca per pagare con il bancomat. Stiamo parlando del doppio circuito.

Di cosa si tratta?

Partiamo con il ricordare che la carta di debito di solito aderisce a due circuiti: quello nazionale (PagoBancomat o bancomat) e quello internazionale come Visa, Mastercard o Maestro.

Tra i due circuiti non ci sono particolari differenze e sono entrambi particolarmente diffusi. Il loro utilizzo, insomma, è prettamente alternativo: possiamo utilizzare l’uno o l’altro indifferentemente, sempre considerando il supporto da parte dell’esercente.

Entrambi i circuiti hanno le proprie soglie di pagamento, i massimali sono insomma, separati. Così utilizzando entrambi si può arrivare a cifre più alte, aumentando i limiti di utilizzo mensile della carta di debito. L’importante sarà scegliere, di volta in volta, il circuito di pagamento più adatto per sfruttare al ‘massimo’, appunto, i massimali. Questo ‘trucco’ è particolarmente utile quando ci troviamo all’estero dove i limiti di utilizzo del circuito PagoBancomat (utilizzato in prevalenza in Italia) potrebbero essere sensibilmente differenti da quello Maestro più diffuso all’estero.

E’ consigliabile, dunque, prima di partire per un Paese straniero informarsi sui limiti oltre che sulle commissioni della propria carta per prelievi e pagamenti.

In generale, comunque, è sempre bene per il titolare del bancomat richiedere in anticipo, alla banca, tutti i dettagli relativi a questi elementi che possono andare a limitare l’utilizzo della carta stessa.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 27 febbraio 2024
Inflazione: la classifica dei prodotti che hanno subito un aumento di prezzo

Inflazione: la classifica dei prodotti che hanno subito un aumento di prezzo

Negli ultimi due anni - tra 2022 e 2023 - l'inflazione molto alta è costata in media 4.000 euro a famiglia ogni anno. Con contraccolpi molto forti, ovviamente, sulle fasce più deboli. Tantissimi prodotti hanno subito rincari elevatissimi.
pubblicato il 23 febbraio 2024
Confronto tra conti correnti a febbraio 2024

Confronto tra conti correnti a febbraio 2024

Oggi il mercato offre così tanti conti correnti online che capire qual è il migliore diventa sempre più difficile. Per fortuna c’è Facile.it! Ecco 4 conti correnti online a febbraio 2024 trovati grazie al nostro confronto.
pubblicato il 19 febbraio 2024
Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Vuoi guadagnare da subito con un conto deposito? Facile.it offre un confronto veloce tra conti deposito online e ti aiuta a trovare le offerte più remunerative! Ecco come trovare il miglior conto deposito a febbraio 2024.
pubblicato il 15 febbraio 2024
Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Introdotto un nuovo limite per l'uso dei contanti nei versamenti: occorre avere la possibilità di giustificare quelli dai 5.000 euro in su. È valido anche per le donazioni ai figli.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968