Serve assistenza?
02 55 55 5

Conto corrente cointestato, la Cassazione: per investire servono entrambe le firme

29 apr 2024 | 4 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

coppia che controlla spese conto corrente al pc

La cointestazione del conto corrente è una pratica molto diffusa in Italia. Non mancano però le problematiche e le contestazioni. L’ultima in ordine di tempo riguarda l’acquisto di titoli finanziari in caso di conto corrente cointestato su cui si è espressa la Corte di Cassazione stabilendo un principio ben preciso.

Ma andiamo con ordine. Vediamo prima cos’è un conto corrente cointestato e come funziona per arrivare alla decisione della Suprema corte.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Il conto corrente cointestato

Il conto corrente è un contratto concluso tra le parti (due o più soggetti) e l’istituto di credito. La cointestazione può essere richiesta nel momento dell’apertura del conto corrente.

Entrambe le parti, ad esempio marito e moglie, dovranno sottoscrivere il contratto e, quindi, saranno “proprietari” del conto e della metà delle somme depositate. La cointestazione di solito avviene per una questione di praticità, ma può essere scelta anche per effettuare una donazione indiretta. La cointestazione del conto non è revocabile. L’unica possibilità consiste nel chiudere il conto oppure si può decidere di recedere dal contratto.

Ovviamente la cointestazione non va confusa con la delega sul conto corrente. Si tratta di due cose diverse.

La delega è un atto unilaterale con cui i titolari del conto autorizzano un terzo (ad esempio i genitori che delegano i figli) ad operare sul conto. Ciò, però, non significa che questi ultimi diventano titolari delle somme presenti sul conto corrente, ma sono semplicemente legittimati ad operare sul conto.

A disciplinare la materia della cointestazione del conto è lo stesso Codice civile che all’art. 1854 c.c. prevede quanto segue:

“Nel caso in cui il conto sia intestato a più persone, con facoltà per le medesime di compiere operazioni anche separatamente, gli intestatari sono considerati creditori o debitori in solido dei saldi del conto”.

La decisione della Cassazione

La Suprema corte è intervenuta sulla questione dei conti correnti cointestati, nello specifico per chiarire alcuni aspetti che riguardano l’acquisto di titoli finanziari.

Nel conto corrente cointestato, ha sottolineato la Cassazione, per acquistare titoli finanziari servono entrambe le firme.

Per la Cassazione è, infatti, nullo il contratto quadro di acquisto titoli sottoscritto da uno solo dei due cointestatari del conto. E sono anche nulli tutti gli ordini di acquisto nei confronti di entrambi. Per i giudici di piazzale Clodio non è necessario valutare se la sottoscrizione dell’altro sia stata essenziale perché il contratto non è qualificabile come plurilaterale (articolo 1420 del Codice civile), bensì contratto bilaterale con parte soggettivamente complessa.

La Corte d’Appello, invece, sembrava pensarla in modo differente quando, in una precedente sentenza, i giudici hanno stabilito che si poteva operare singolarmente con piena validità dell’atto per entrambi. La ratio della decisione faceva perno proprio sulla facoltà dei cointestatari di compiere operazioni anche separatamente (articolo 1854 c.c.), il che secondo la banca avrebbe reso le operazioni compiute da uno degli intestatari che aveva sottoscritto il contratto-quadro, valide e vincolanti anche per l’altro cointestatario.

La Cassazione ha, poi, ribaltato tale decisione disciplinando che, invece, il contratto quadro sottoscritto da uno solo dei due investitori è nullo per difetto di forma scritta (articolo 23 Tuf).

Nello specifico, questo importante chiarimento arriva dalla Prima sezione civile della Corte di Cassazione, sentenza n. 9331 depositata l’8 aprile scorso, che ha accolto il ricorso di una coppia di risparmiatori contro Unicredit. I correntisti chiedevano di far dichiarare la nullità degli investimenti fatti, dal momento che la firma sul contratto quadro della donna, cointestataria del conto, risultava apocrifa (cioè falsa o contraffatta). “L’abilitazione di uno degli intestatari ad operare disgiuntamente - spiega la Suprema corte - è limitata alle operazioni di prelievo, ma non si riferisce alle successive operazioni e iniziative negoziali realizzate tramite l’utilizzo delle somme prelevate”.

Un precedente c’era già stato nel 2017 (n. 13764), anche se parzialmente diverso in quanto il contratto quadro era stato firmato da un cointestatario e l’ordine di acquisto era stato dato dall’altro. In questo caso la Cassazione aveva affermato che “la cointestazione del conto che funga da provvista per operazioni di investimento finanziario non esplica nessuna efficacia rispetto all’emissione dei relativi ordini di investimento, che sono governati dal contratto quadro stipulato tra la banca e uno dei cointestatari”.

Questo condivisibile arresto giurisprudenziale, si legge nella decisione, “induce a concludere che il meccanismo di cui all’art. 1854 c.c. non sia utile alla difesa di Unicredit in causa, perché trattasi di norma che disciplina il diverso rapporto di conto corrente verso la banca, nei cui confronti opera la responsabilità solidale dei correntisti per i ‘saldi dei conti’ a condizione che sia valido, anche formalmente, il rapporto relativo all’investimento in strumenti finanziari nei confronti dei due investitori”.

Per la Cassazione, dunque, se il rapporto è retto – come nella specie – da un (unico) contratto quadro sottoscritto solo da uno dei due stipulanti, esso è nullo per difetto di forma scritta, con conseguente travolgimento integrale degli ordini di acquisto per entrambi.

Da qui l’affermazione del seguente principio di diritto: “In tema di intermediazione finanziaria, il contratto quadro sottoscritto da uno solo dei due investitori è nullo per difetto di forma scritta (ai sensi dell’art. 23 Tuf) con conseguente travolgimento degli ordini di acquisto nei confronti di entrambi, senza necessità di valutare se la partecipazione dell’altro (la cui sottoscrizione nella specie è risultata apocrifa) sia stata essenziale, non essendo il contratto in questione qualificabile come plurilaterale (ai sensi dell’art. 1420 c.c.) ma come contratto bilaterale con parte soggettivamente complessa”.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 22 maggio 2024
Conto Corrente Arancio ING a maggio 2024

Conto Corrente Arancio ING a maggio 2024

Cerchi un conto corrente gratuito e ricco di vantaggi? Scopri la promo conto corrente ING su Facile.it! Chi apre Conto Corrente Arancio Più, questo mese risparmia a tutto tondo su canone, bonifici e prelievi.
pubblicato il 21 maggio 2024
Quanto guadagni se apri un conto deposito a maggio 2024

Quanto guadagni se apri un conto deposito a maggio 2024

Hai mai considerato l'apertura di un conto deposito per far crescere i tuoi risparmi? Facile.it ha confrontato i migliori conti deposito e individuato tre prodotti che permettono di ottenere il maggior guadagno nel minor tempo. Te li sveliamo!
pubblicato il 20 maggio 2024
Rendimenti dei conti correnti bancari: il divario tra le regioni italiane

Rendimenti dei conti correnti bancari: il divario tra le regioni italiane

Le banche in Italia offrono rendimenti sui conti correnti molto diversi a seconda della regione. Emerge da un’analisi di FABI, che evidenzia un divario significativo tra le diverse zone del Paese.
pubblicato il 13 maggio 2024
Fisco e accertamenti: ecco come sono cambiate le cose

Fisco e accertamenti: ecco come sono cambiate le cose

Dal 30 aprile 2024 diverse novità riguardano i controlli tributari e l’accertamento fiscale. Oltre al decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che ha da poco individuato gli atti non previsti dal contraddittorio preventivo, entrano in gioco altre opportunità.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 26 febbraio 2020
Come cambiare il conto corrente in 3 passi

Come cambiare il conto corrente in 3 passi

Passare da un conto corrente ad un altro non è una scelta da prendere con leggerezza, ma bisogna sapere come muoversi e come fare per evitare penali per clausole che avevamo dimenticato...
pubblicato il 8 febbraio 2020
Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

La richiesta di accredito della pensione su conto corrente può essere fatta al momento della presentazione presso l’INPS della stessa domanda, ma anche in un successivo momento grazie all’ausilio di uno specifico modulo da compilare. Ecco una guida per sapere tutto sull'accredito della pensione.
pubblicato il 25 novembre 2019
Conto Deposito: i vantaggi

Conto Deposito: i vantaggi

Il conto deposito ti consente di gestire e far crescere i tuoi risparmi in modo veloce e sicuro, direttamente online. Scopri i tanti i vantaggi che puoi ottenere utilizzando questa nuova forma di investimento.
pubblicato il 11 settembre 2019
Bonifico istantaneo: cos'è, come funziona e quanto costa

Bonifico istantaneo: cos'è, come funziona e quanto costa

Il bonifico istantaneo è uno strumento di pagamento che consente di trasferire e ricevere denaro in pochi secondi. I costi dell'operazione variano a seconda della banca e sono di poco superiori a quelli del bonifico tradizionale.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968