Serve assistenza?
02 55 55 5

Conto corrente, cos'è l'obbligo di rendiconto

8 apr 2024 | 4 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

felice coppia controlla conto corrente online

Nel contratto di conto corrente bancario vige l’obbligo di rendiconto, vale a dire l’invio periodico degli estratti conto, altrimenti la banca risulta inadempiente. La recente sentenza del 14 febbraio ha ribadito l'obbligo per le istituzioni finanziarie di rendicontare in modo completo il rapporto con i propri clienti, non solo durante il rapporto stesso ma anche al termine, mediante l'invio di un documento dettagliato. Questa pratica si differenzia dai documenti di sintesi come l'estratto conto, includendo anche dettagli riguardanti singole operazioni come copie di assegni, bonifici e prelievi.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Documenti di sintesi

Nell’ambito della trasparenza bancaria il documento di sintesi è sicuramente uno strumento informativo importante. Esso viene consegnato al cliente prima della sottoscrizione di un contratto relativo a un prodotto finanziario, come nel caso del conto corrente o del conto di deposito.

Di solito costituisce il frontespizio del contratto, firmato da entrambe le parti, per un determinato servizio o prodotto. E viene messo a disposizione dei clienti all’interno dell’informativa precontrattuale. Al suo interno saranno presenti tutte le condizioni contrattuali pattuite tra le parti e le clausole che regolano il rapporto finanziario.

Quindi, ad esempio, saranno riepilogati i costi generali del contratto (con il dettaglio delle spese fisse che si hanno all’apertura e alla chiusura del conto e delle commissioni richieste per le varie operazioni) e sezioni specifiche dedicate ai servizi accessori pattuiti dalle parti (come ad esempio le regole per l’utilizzo delle carte di credito e la piattaforma di home banking). Infine, se il contratto prevede opzioni particolari come il deposito di titoli, le condizioni contrattuali ed economiche dell’accordo che verranno riepilogate in una sezione speciale del documento.

L’estratto conto

L’estratto conto riassume i movimenti sul conto corrente, in un certo lasso di tempo, di solito un mese. Al suo interno sono riportate tutte le transazioni in entrata e in uscita di quel determinato periodo. Si tratta di uno strumento importante perché permette ai correntisti di tenere sotto controllo la propria situazione finanziaria e di individuare eventuali pagamenti errati o truffe.

Al suo interno, tra le informazioni principali che si possono trovare ci sono: i dati del titolare del conto corrente (il cognome e il nome, il suo indirizzo di residenza, le coordinate bancarie, la filiale di appartenenza); il saldo iniziale e finale del periodo di riferimento; l’elenco in dettaglio delle transazioni in entrata e in uscita; la giacenza media.

L'estratto conto può essere cartaceo (che può avere un costo) o digitale (gratuito) ed è accessibile online da quasi tutte le app di home banking e i conti correnti online. Se il cliente lo desidera può essere recapitato anche per posta o tramite e-mail. Insomma, dipenderà dalla scelta del cliente.

La sua frequenza d’invio sarà differente a seconda degli istituti di credito: può essere mensile, trimestrale, semestrale o annuale. L’estratto conto della carta di credito, invece, è sempre mensile.

Le regole del rendiconto

E’ lo stesso Testo Unico bancario a dettare le regole di base del rendiconto. Nell’articolo 119, infatti, vengono disciplinate due regole ben distinte: la prima è quella che stabilisce la periodica comunicazione di un prospetto che rappresenti la situazione complessiva del rapporto con il cliente; la seconda, che limita agli ultimi dieci anni il diritto ad ottenere la documentazione delle singole operazioni.

Le sentenze della Cassazione

La Corte di cassazione si è espressa più volte su questo punto.

Prima nel 2016 con la sentenza 1584 con la quale la Corte sottolinea che, “nelle stesse tipologie di contratto, la banca ha l'onere di produrre gli estratti a partire dall'apertura del conto, né può sottrarsi all'assolvimento del compito invocando l'insussistenza del vincolo di conservare le scritture contabili oltre dieci anni, perché l'onere di conservazione della documentazione contabile non può essere confuso con quello di prova del proprio credito”.

Di recente la Corte di Cassazione, con sentenza n. 4064 del 14 febbraio 2024, ha, poi, puntualizzato che il correntista ha diritto di chiedere alla Banca di fornire la documentazione relativa al rapporto di conto corrente anche in corso di causa, e a mezzo di qualunque modo che risulti idoneo allo scopo.

Questo il principio di diritto espresso:

Il titolare di un rapporto di conto corrente ha sempre diritto di ottenere dalla banca il rendiconto, ai sensi dell’art. 119 del d.lgs. n. 385 del 1993, anche in sede giudiziaria, fornendo la sola prova dell’esistenza del rapporto contrattuale, non potendosi ritenere corretta una diversa soluzione sul fondamento del disposto di cui all’art. 210 c.p.c., perché non può convertirsi un istituto di protezione del cliente in uno strumento di penalizzazione del medesimo, trasformando la sua richiesta di documentazione da libera facoltà ad onere vincolante. Lo stesso diritto spetta, inoltre, al fideiussore il quale, in ragione dell’accessorietà del rapporto di fideiussione rispetto al contratto di conto corrente, può definirsi, in senso lato, un cliente della banca, non diversamente dal correntista debitore principale”.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 22 maggio 2024
Conto Corrente Arancio ING a maggio 2024

Conto Corrente Arancio ING a maggio 2024

Cerchi un conto corrente gratuito e ricco di vantaggi? Scopri la promo conto corrente ING su Facile.it! Chi apre Conto Corrente Arancio Più, questo mese risparmia a tutto tondo su canone, bonifici e prelievi.
pubblicato il 21 maggio 2024
Quanto guadagni se apri un conto deposito a maggio 2024

Quanto guadagni se apri un conto deposito a maggio 2024

Hai mai considerato l'apertura di un conto deposito per far crescere i tuoi risparmi? Facile.it ha confrontato i migliori conti deposito e individuato tre prodotti che permettono di ottenere il maggior guadagno nel minor tempo. Te li sveliamo!
pubblicato il 20 maggio 2024
Rendimenti dei conti correnti bancari: il divario tra le regioni italiane

Rendimenti dei conti correnti bancari: il divario tra le regioni italiane

Le banche in Italia offrono rendimenti sui conti correnti molto diversi a seconda della regione. Emerge da un’analisi di FABI, che evidenzia un divario significativo tra le diverse zone del Paese.
pubblicato il 13 maggio 2024
Fisco e accertamenti: ecco come sono cambiate le cose

Fisco e accertamenti: ecco come sono cambiate le cose

Dal 30 aprile 2024 diverse novità riguardano i controlli tributari e l’accertamento fiscale. Oltre al decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che ha da poco individuato gli atti non previsti dal contraddittorio preventivo, entrano in gioco altre opportunità.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 26 febbraio 2020
Come cambiare il conto corrente in 3 passi

Come cambiare il conto corrente in 3 passi

Passare da un conto corrente ad un altro non è una scelta da prendere con leggerezza, ma bisogna sapere come muoversi e come fare per evitare penali per clausole che avevamo dimenticato...
pubblicato il 8 febbraio 2020
Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

La richiesta di accredito della pensione su conto corrente può essere fatta al momento della presentazione presso l’INPS della stessa domanda, ma anche in un successivo momento grazie all’ausilio di uno specifico modulo da compilare. Ecco una guida per sapere tutto sull'accredito della pensione.
pubblicato il 25 novembre 2019
Conto Deposito: i vantaggi

Conto Deposito: i vantaggi

Il conto deposito ti consente di gestire e far crescere i tuoi risparmi in modo veloce e sicuro, direttamente online. Scopri i tanti i vantaggi che puoi ottenere utilizzando questa nuova forma di investimento.
pubblicato il 11 settembre 2019
Bonifico istantaneo: cos'è, come funziona e quanto costa

Bonifico istantaneo: cos'è, come funziona e quanto costa

Il bonifico istantaneo è uno strumento di pagamento che consente di trasferire e ricevere denaro in pochi secondi. I costi dell'operazione variano a seconda della banca e sono di poco superiori a quelli del bonifico tradizionale.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968