Serve assistenza?
02 55 55 5

10 gen 2022 | 4 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

facile.it/images/conti expert speaks fido bancario come si restituisce

Un prestito che non è un prestito: parliamo del fido bancario. Spesso ritenuti simili o anche confusi, in realtà tra queste due forme di finanziamento ci sono notevoli differenze. Unico elemento in comune, ovviamente, è il denaro che viene versato dalla banca sul conto corrente del cliente (privato o impresa) che dovrà poi essere rimborsato con gli interessi maturati. Vediamo quali sono le caratteristiche del fido bancario e, soprattutto, come va restituito.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Come funziona

Il fido, come detto, è un finanziamento concesso dalla banca ai propri correntisti. Si tratta di una somma che, dietro le dovute garanzie, l’istituto di credito mette a disposizione oltre il saldo disponibile, dunque anche in caso di saldo negativo. In altre parole, il correntista, se finisce i soldi sul proprio conto corrente, può comunque continuare a prelevare fino al limite concordato con l’istituto di credito.

E questo è proprio il vantaggio maggiore di un fido bancario: avere una copertura per effettuare spese, anche urgenti, nonostante un conto in passivo.

Le tipologie di fido sono:

  • Semplice, che permette di usufruire della somma una sola volta e/o con prelievi parziali;
  • In conto corrente, che prevede l’utilizzo della somma con diverse soluzioni.

La somma messa a disposizione, dunque, potrà essere utilizzata per intero o anche in parte, non importa, l’istituto terrà conto dell’importo effettivamente prestato e su quella calcolerà gli interessi che il cliente dovrà rimborsare entro la data di scadenza fissata.

Interessi che uniti alle spese, alle commissioni, alle penali e tassi extra in caso di scoperti prolungati rendono il fido tra le forme di finanziamento più care nel breve periodo. Si tratta, quindi, di una formula che, proprio per questo motivo, di solito viene utilizzata per gestire solo le spese ordinarie. Per somme più elevate o, comunque, per investimenti di medio/lungo periodo, sarà preferibile richiedere un prestito da restituire a rate (di solito mensili) perché prevede dei tassi di interesse comunque più bassi rispetto a quelli del fido.

Ma cosa succede se il saldo è negativo?

Il fido bancario rende comunque possibile prelevare denaro dal proprio conto, ovviamente entro i limiti della somma pattuita con la propria banca. Non appena si ritornerà in attivo, il correntista sarà tenuto a rimborsare l’importo prelevato. Ovviamente, oltre alla cifra erogata, l’istituto di credito terrà conto anche degli interessi passivi definendo, eventualmente, un piano di rientro a rate e le tempistiche riferite al saldo del debito.

Nel definire il piano di spese, dunque, è bene tenere presente sempre che il tasso d’interesse è variabile.

Come richiederlo

La domanda di fido va presentata presso la propria filiale, compilando un modulo apposito. I criteri di valutazione che l’istituto di credito applicherà sono simili a quelli dei prestiti tradizionali: la banca verifica l’affidabilità creditizia, cioè se il richiedente possiede tutti i requisiti economici per quello che riguarda le entrate, le uscite e il bilancio mensile. Inclusi prestiti e mutui.

Per questo è importante, nel momento in cui si richiede un fido, verificare di non avere pendenze di pagamento in corso, per evitare slittamenti nella procedura.

Tempi di erogazione

Chiedere un fido bancario non comporta tempi lunghi, anzi, si tratta di una procedura molto veloce con tempi brevi, l’importante è rispettare i requisiti definiti dalla banca. L’istituto, infatti, effettua tutti i controlli del caso, per valutare se la persona potrà, di volta in volta, restituire la somma di denaro che ha chiesto. In generale, l’esito della concessione di un fido si avrà già dopo qualche giorno fino ad arrivare a un mese al massimo dalla presentazione della domanda (di solito, se si supera tale tempistica significa che il fido non è stato concesso).

Ovviamente questa è solo una delle tante e diverse modalità di richiesta di denaro per il fido bancario; interessi e tempi per la restituzione possono, infatti, variare in base agli accordi che il correntista prende con l’istituto di credito che concede il fido.

Fido bancario: rientro

Il fido bancario a tempo determinato ha una sua scadenza oppure revoca, mentre quello a tempo indeterminato ha clausole diverse ma con l’opzione di revoca. In ogni caso, all’istituto di credito andrà restituita l’intera somma con tutti gli interessi passivi maturati.

Nel caso in cui il correntista, anche se momentaneamente, si trovi in difficoltà nel restituire la somma, la banca opterà per un piano di restituzione agevolato.

Superato il periodo di tempo concordato, l’istituto di credito richiederà il rientro del fido bancario concesso. È bene, comunque, quando si parla di fido bancario avere sempre ben presente un particolare molto importante, cioè i costi. Quanto più lunghi saranno i tempi per la restituzione del fido, tanto maggiori saranno i tassi di interesse applicati dalla banca.

È bene dunque scegliere, in base al proprio profilo, qual è il tipo di piano di rientro agevolato migliore a cui poter accedere. L’istituto di solito propone un pagamento in maniera progressiva sino a quando l’intera somma non sarà restituita. Ovviamente l’intento è quello di non incorrere in questioni giudiziarie, ma arrivare a saldare il debito a rate.

Autore
facile.it/publishers/giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 17 aprile 2024
Come trovare il miglior conto deposito ad aprile 2024

Come trovare il miglior conto deposito ad aprile 2024

I conti deposito incontrano il favore dei risparmiatori, perché è semplice sottoscriverli (sia in filiale sia online), sono molto sicuri e offrono interessi fino al 5,00% lordo.
pubblicato il 16 aprile 2024
I conti correnti che offrono rendimenti ad aprile 2024

I conti correnti che offrono rendimenti ad aprile 2024

Molte banche hanno deciso di offrire ai nuovi clienti dei rendimenti sulle somme depositate sul loro conto corrente: ecco quali sono. Trova il conto corrente più conveniente su Facile.it.
pubblicato il 10 aprile 2024
Confronto di conti correnti a zero spese ad aprile 2024

Confronto di conti correnti a zero spese ad aprile 2024

Il conto corrente è uno strumento finanziario che posseggono quasi tutti gli italiani. Però la sua gestione ha un costo, che cambia a seconda del tipo di conto che sottoscriviamo: tradizionale oppure online, il più economico. Ecco quali sono i tre conti a costo zero più convenienti di questo mese.
pubblicato il 5 aprile 2024
Quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024

Quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024

Desideri aprire un nuovo conto corrente, ma non sai quale scegliere? Ecco quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 26 febbraio 2020
Come cambiare il conto corrente in 3 passi

Come cambiare il conto corrente in 3 passi

Passare da un conto corrente ad un altro non è una scelta da prendere con leggerezza, ma bisogna sapere come muoversi e come fare per evitare penali per clausole che avevamo dimenticato...
pubblicato il 8 febbraio 2020
Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

La richiesta di accredito della pensione su conto corrente può essere fatta al momento della presentazione presso l’INPS della stessa domanda, ma anche in un successivo momento grazie all’ausilio di uno specifico modulo da compilare. Ecco una guida per sapere tutto sull'accredito della pensione.
pubblicato il 25 novembre 2019
Conto Deposito: i vantaggi

Conto Deposito: i vantaggi

Il conto deposito ti consente di gestire e far crescere i tuoi risparmi in modo veloce e sicuro, direttamente online. Scopri i tanti i vantaggi che puoi ottenere utilizzando questa nuova forma di investimento.
pubblicato il 11 settembre 2019
Bonifico istantaneo: cos'è, come funziona e quanto costa

Bonifico istantaneo: cos'è, come funziona e quanto costa

Il bonifico istantaneo è uno strumento di pagamento che consente di trasferire e ricevere denaro in pochi secondi. I costi dell'operazione variano a seconda della banca e sono di poco superiori a quelli del bonifico tradizionale.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968