02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Denaro sul conto corrente di un solo coniuge: quali sono i diritti dell'altro

Denaro sul conto corrente di un solo coniuge: quali sono i diritti dell'altro

Marito e moglie hanno due conti correnti separati. Un coniuge ha diritto a mettere mano, autonomamente, nel conto dell’altro?

Può pretendere di avere il bancomat per eseguire prelievi? E in caso di divorzio?

Ebbene, le cose cambiano, a seconda che la coppia si sia sposata in regime di comunione dei beni oppure in separazione.

La comunione dei beni fa sì che tutti ciò che ciascun coniuge compra dopo le nozze, anche a titolo personale, divenga di proprietà pure dell’altro. Però nel caso del il conto corrente, se risulta essere il frutto dei redditi da lavoro del solo marito o della sola moglie, l’altro coniuge non ha alcun diritto sulle somme depositate, anche se vige il regime di comunione dei beni; può pretendere la metà se la comunione e il matrimonio si sciolgono legalmente (sempre che l’ormai ex non abbia speso tutto prima).

Non sono inclusi nella comunione solo i beni di uso personale (abiti, gioielli e oggetti per l’esercizio della professione), mentre una casa o un’auto rientrano. La stessa pensione di invalidità è esclusa, una volta depositata sul conto personale. I coniugi in comunione ovviamente potranno fare prelievi e operazioni sul conto dell’altro nel caso siano muniti di deleghe oppure abbiano ricevuto consensualmente il relativo bancomat.

La banca non può evitare prelievi alla moglie o al marito, salvo poi l’eventuale obbligo di restituire le somme prelevate senza permesso. Nel caso di conto corrente cointestato a entrambi i coniugi, quando una coppia si separa i soldi depositati vanno ripartiti in parti uguali. Vale sia quando la coppia è in regime di comunione dei beni sia quando è in quello di separazione. In caso di disaccordo tra i coniugi, la dimostrazione della proprietà esclusiva del denaro presente sul conto corrente deve essere fornita al giudice.

Mentre il conto corrente personale - quando vige la separazione dei beni - resta sempre di proprietà del coniuge che lo ha accesso; però l’altro ovviamente - qualora la coppia si sciolga legalmente - può chiedere, se ne ha diritto, un assegno di mantenimento.

 

Migliori Conti Correnti del mese

Banca:HYPE
Prodotto:Next
  • Carta di debito
  • Internet banking
Costo annuo 34,8€
Banca:ING
Prodotto:Conto Corrente Arancio con Modulo Zero Vincoli
  • Carta di credito
  • Carta di debito
  • Carta prepagata
  • Internet banking
Costo annuo Gratuito con accredito dello stipendio/pensione o entrate di almeno 1.000 euro al mese
Banca:buddybank, powered by UniCredit
Prodotto:Conto corrente buddybank
  • Carta di credito
  • Carta di debito
  • Mobile banking
Costo annuo Gratuito
*Le tabelle riportano a titolo esemplificativo la struttura del sito. Per tutte le offerte poste in comparazione clicca sul tasto vai e ottieni tutte le informazioni necessarie per valutare la proposta adatta alle tue esigenze Scegli il miglior conto corrente

Conti Correnti: trova il più vantaggioso Confronto CONTI
pubblicato da il 27 dicembre 2019

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Ultime notizie Conti

News Conti

Guide ai conti

  • Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

    Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

    Non è raro che i coniugi scelgano di...

  • Conto corrente: che cos’è e come funziona

    Conto corrente: che cos’è e come funziona

    Il conto corrente è uno strumento...

  • Le spese del conto corrente: tutti i costi

    Le spese del conto corrente: tutti i costi

    La scelta del proprio conto corrente, lo...

  • Conto Deposito: i vantaggi

    Conto Deposito: i vantaggi

    Il conto deposito è un conto ideale...

Guide Conti

Banche

Scopri i dettagli, i prodotti e la storia delle banche partner di Facile.it.

Banche e finanziarie