Serve assistenza?
02 55 55 5

Blocco conto corrente: tutto quello che devi sapere

conti_guide_tutto_su_blocco_del_conto_corrente
Le 3 cose da sapere:
  1. 1

    Cos'è: quando la banca impedisce all'intestatario di accedere al credito

  2. 2

    Quando avviene: per scoperto, debiti, antiriciclaggio o decesso

  3. 3

    Chi può bloccarlo: la banca, dopo aver ricevuto notifica dall'Autorità giudiziaria

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Sommario

Può succedere che la banca blocchi un conto corrente online o tradizionale, impedendo all’intestatario di accedere al credito. Le ragioni per le quali ciò avviene sono diverse e il blocco si può configurare sia come un’azione preventiva da parte dell’istituto di credito per evitare che particolari situazioni debitorie possano degenerare, e per prevenire quindi la possibile insolvenza del correntista, sia per ottemperare alle norme antiriciclaggio, sia su richiesta di eventuali creditori: privati, imprese, enti pubblici. Il blocco del conto corrente può infine avere luogo in caso di decesso dell’intestatario.

Quando avviene il blocco conto corrente

Blocco per ‘scoperto’ – Quando il conto è ‘in rosso’ e l’intestatario utilizza fondi che non ha oppure quando non paga le rate di un finanziamento, è possibile che quest’ultima blocchi il conto, impedendo al correntista di utilizzare i normali strumenti di pagamento quali, ad esempio, carta di credito, bancomat, assegni. La banca in questo modo si vuole tutelare dal rischio di insolvenza ed evitare che si aggravi la situazione di indebitamento del correntista. Normalmente, una volta ripianato il debito, la banca sblocca il conto e si può ricominciare ad accedere al credito.

Blocco per legge antiriciclaggio – Con l’entrata in vigore delle direttive antiriciclaggio, a partire dal 1° gennaio 2014, i correntisti hanno l’obbligo di presentarsi in filiale per firmare un questionario sui propri dati sensibili, oltre che con un documento d’identità non scaduto. Nel caso in cui il correntista non ottemperi a questo obbligo entro 60 giorni dalla notifica da parte della banca, rischia il blocco del conto corrente. Dal canto suo, se la banca non effettua le procedure di verifica, può essere passibile di una sanzione pecuniaria che oscilla tra 2.600 e 13mila euro per ogni omesso controllo.

Blocco per debiti – In caso di situazioni debitorie nei confronti di privati o di imprese, i creditori possono ottenere dall’Autorità giudiziaria un’ordinanza che dà il via al cosiddetto pignoramento presso terzi del conto bancario o postale.

Una volta ricevuta la notifica, la banca vincola i fondi sul conto corrente per una somma pari al debito più la metà, fino a quando il dovuto non viene saldato totalmente e non termina tutta la procedura esecutiva. Il pignoramento presso terzi prevede diversi casi e, talvolta, alcuni limiti all’entità dell’esproprio.

Se sul conto corrente confluiscono lo stipendio, la pensione o altri redditi assimilabili, e i fondi presenti sul conto derivano esclusivamente da queste fonti di reddito, sono stati imposti dei limiti al pignoramento anche in funzione della tempista dei versamenti. Più precisamente, alla data della notifica, se sul conto sono già presenti dei fondi, è possibile pignorare solo la parte eccedente il triplo dell’assegno sociale che è pari a 1345,53. Ad esempio, se al momento della notifica sul conto corrente ci sono 2mila euro, si possono pignorare solo 654,47 euro (2.000 – 1345,53). Quanto versato sul conto dopo la notifica, può essere invece pignorato nella misura di un quinto sino ad estinzione del debito.

Se sul conto confluiscono somme derivanti da redditi diversi da stipendi, pensione e assimilabili, è possibile pignorare il 100% di quanto depositato sul conto. Se però il conto è cointestato con un'altra persona il pignoramento agisce sul 50% delle somme depositate.

Nel caso, infine, di situazioni debitorie con il Fisco, il pignoramento avviene direttamente, senza l’ordinanza dell’Autorità giudiziaria perché la cartella esattoriale è già configurabile come atto esecutivo. Una volta ricevuta la cartella, se non si estingue il debito nel giro di 60 giorni, può essere pignorato il 100% di quanto depositato sul conto. L’ente di riscossione, dal 1° luglio 2017, è l’Agenzia delle Entrate-Riscossione che da quella data subentra a Equitalia.

Blocco per decesso – Quando il titolare muore, il conto viene temporaneamente bloccato dalla banca fino a quando non termina la procedura di successione.

Chi può bloccare il conto corrente

Il blocco del conto corrente viene attivato dalla banca quando quest’ultima si vuole tutelale dai rischi di insolvenza o dopo che ha ricevuto una notifica dell’Autorità giudiziaria su richiesta del creditore.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 26 febbraio 2020
Come cambiare il conto corrente in 3 passi

Come cambiare il conto corrente in 3 passi

Passare da un conto corrente ad un altro non è una scelta da prendere con leggerezza, ma bisogna sapere come muoversi e come fare per evitare penali per clausole che avevamo dimenticato...
pubblicato il 8 febbraio 2020
Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

La richiesta di accredito della pensione su conto corrente può essere fatta al momento della presentazione presso l’INPS della stessa domanda, ma anche in un successivo momento grazie all’ausilio di uno specifico modulo da compilare. Ecco una guida per sapere tutto sull'accredito della pensione.
pubblicato il 25 novembre 2019
Conto Deposito: i vantaggi

Conto Deposito: i vantaggi

Il conto deposito ti consente di gestire e far crescere i tuoi risparmi in modo veloce e sicuro, direttamente online. Scopri i tanti i vantaggi che puoi ottenere utilizzando questa nuova forma di investimento.
pubblicato il 11 settembre 2019
Bonifico istantaneo: cos'è, come funziona e quanto costa

Bonifico istantaneo: cos'è, come funziona e quanto costa

Il bonifico istantaneo è uno strumento di pagamento che consente di trasferire e ricevere denaro in pochi secondi. I costi dell'operazione variano a seconda della banca e sono di poco superiori a quelli del bonifico tradizionale.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968