02 55 55 5 Lun-Sab 9.00-21.00

Qualità dell'aria: migliora in Europa ma troppo poco

Qualità dell'aria: migliora in Europa ma troppo poco

La qualità dell’aria in Europa e in Italia sta migliorando ma non abbastanza, nonostante le misure introdotte per contrastare il fenomeno dell’inquinamento atmosferico.

Dal 2013 al 2018, infatti, le emissioni di sostanze inquinanti sono diminuite solo del 12% nei Paesi europei aderenti all’OCSE: significa che il nostro continente continua a produrre e a immettere nell’aria milioni di tonnellate di sostanze nocive.

Qualità dell’aria: i numeri dell'inquinamento atmosferico in Europa

Nello specifico, secondo i dati Eurostat (gli ultimi attualmente disponibili), nel 2018 in Europa sono stati prodotti 6,40 milioni di tonnellate di ossidi di azoto, 6,20 milioni di tonnellate di composti organici non metanici, 3,60 milioni di tonnellate di ammoniaca, 1,90 milioni di tonnellate di ossidi di zolfo, 1,80 milioni di tonnellate di Pm10 e 1,10 milioni di tonnellate di Pm2,5. Gli ossidi di azoto provengono principalmente dai gas di scarico dei veicoli, ed è questo uno dei motivi per cui si vogliono mettere al bando le auto con motore termico dal 2035).

Italia colpevolmente leader nella produzione di Pm

I più subdoli sono però i Pm (polveri sottili), che per le loro dimensioni estremamente ridotte riescono a penetrare in profondità nel sistema respiratorio, e hanno inoltre la capacità di resistere a lungo nell'atmosfera. Come qualità dell’aria l’Italia sta purtroppo migliorando ancor più lentamente di altri Paesi e i numeri peggiori si riscontrano proprio nella produzione di Pm, che per quanto riguarda i Pm10 ci vede al quinto posto in Europa su 27 nazioni, mentre a livello di Pm2.5 siamo ingloriosamente primi.

Qualità dell’aria: pericolo Pm2,5

Un 'primato' di cui c’è poco da vantarsi perché il Pm2.5 è una delle sostanze inquinanti più pericolose per l’uomo a causa del suo diametro minuscolo (meno di 2,5 millimetri, da cui il nome) che gli permette di raggiungere agevolmente i polmoni con tutte le conseguenze che possiamo immaginare. L’Italia ne produce una quantità superiore alla media europea soprattutto per via dell’altissimo numero di veicoli inquinanti, per la vasta zona industriale presente nella pianura Padana (che ha pochi eguali in Europa) e per le antiquate modalità di riscaldamento domestico. Il risultato? Quasi il 7% delle morti annuali in Italia (circa 30.000 persone) sono dovute all’esposizione al Pm2.5.

Pm2,5 in Italia: luce in fondo al tunnel?

C’è però una notizia incoraggiante: nonostante il primato europeo e nonostante molte città italiane, su tutte Milano, Torino e Brescia, si ostinino a eccedere i limiti raccomandati dall’OCSE, negli ultimi anni la concentrazione di Pm2,5 nell’aria dei centri urbani italiani è segnalata in diminuzione. Ma c’è ancora molto da fare.

Risparmia fino al 40% Trova la tua Auto
pubblicato da il 30 settembre 2021

Offerte confrontate

Confronta le offerte di noleggio auto a lungo termine su Facile.it e risparmia sulla tua auto a noleggio. Bastano 3 minuti!

Guide auto

  • Revisione auto: tutto quello che c'è da sapere

    Revisione auto: tutto quello che c'è da sapere

    La revisione auto e il collaudo sono due elementi...

  • Bollino blu auto e moto: cos'è, costo e scadenze

    Bollino blu auto e moto: cos'è, costo e scadenze

    Il bollino auto è obbligatorio per tutti i...

  • Ricambi auto usati: quando convengono e dove trovarli

    Ricambi auto usati: quando convengono e dove trovarli

    Acquistare un'auto non è solo un sogno che si...

  • Calcolo svalutazione auto: come avviene

    Calcolo svalutazione auto: come avviene

    Al giorno d'oggi, molti non sanno come avviene il...

Guide auto

Che fai lì fuori?

Accedi e confronta le offerte ancora più velocemente: risparmia tempo e denaro!

Accedi

oppure