Serve assistenza?
011 04 00 408

Targa prova auto: cos'è e quando si utilizza

facile-sharing-image

Le 3 cose da sapere:

  1. 1

    La targa prova non sostituisce la targa ufficiale

    1

    La targa prova non sostituisce la targa ufficiale

  2. 2

    Si utilizza quando si prova o si effettua il collaudo di un veicolo

    2

    Si utilizza quando si prova o si effettua il collaudo di un veicolo

  3. 3

    Bisogna ottenere un'autorizzazione per utilizzarla e ha validità di un anno

    3

    Bisogna ottenere un'autorizzazione per utilizzarla e ha validità di un anno

Hai mai pensato al noleggio?
Hai mai pensato al noleggio?

La targa di prova dell'automobile è molto importante e deve essere utilizzata in specifiche situazioni. Nonostante ciò, non tutti sanno quando utilizzarla commettendo diversi errori e non riuscendo ad evitare sanzioni ed altro. Ecco tutto quello che devi sapere a riguardo..

Sommario

Targa prova auto: cos'è

Come prima cosa, occorre comprendere nel dettaglio cosa si intende quando si parla di targa prova auto. Ebbene, questa targa viene rilasciata in circostanze speciali, solitamente quando si tratta di effettuare prove tecniche su veicoli di vario genere. Non sostituisce la targa ufficiale e bisogna eliminare quest'elemento nel caso in cui si dovesse utilizzare la vettura in modo ordinario.

Chi non rispetta le regole inerenti alla targa di prova può incorrere in multe molto costose fino a ricevere sanzioni dal punto di vista disciplinare.

Regolamento targa di prova: Normativa 2020

La normativa 2020 della targa di prova non si discosta da quelle che erano le leggi previste in precedenza. Tale regolamentazione asserisce che in nessun modo si può circolare con una targa di prova qualora il veicolo non sia sottoposto ad esigenze speciali. È assolutamente vietato ad esempio, utilizzare un'automobile appena acquistata con una targa di prova.

Per quanto riguarda le specifiche a livello legale della targa di prova, occorre consultare il Decreto del Presidente della Repubblica emesso in data 24 novembre 2001, numero 474. Inoltre, per ulteriori dettagli, anche il codice della strada parla di questo speciale elemento, in particolar modo nell'articolo 98.

Quando si usa la targa di prova

Come detto in precedenza, la targa di prova si utilizza in situazioni specifiche.

Questa targa deve essere utilizzata quando si prova un veicolo oppure si effettua un collaudo per motivi tecnici.

In situazioni del genere, la targa di prova dell'auto è obbligatoria e non può assolutamente mancare. Quest'elemento temporaneo non ha limiti di tempo e può essere utilizzata fino a 24 ore. Inoltre, ci sono altre situazioni durante le quali è possibile utilizzare la targa di prova come trasferimenti oppure dimostrazioni pubbliche.

Chi può circolare con la targa di prova

Al contrario di quello che si possa pensare, non tutti possono circolare con la targa di prova.

Per ottenerla è necessario richiedere un'autorizzazione. Se viene approvata la richiesta, la certificazione della targa di prova ha validità di un anno. Comunque, l'automobile con targa di prova può essere guidata da colui che ha richiesto l'effettiva autorizzazione.

In alternativa, può essere guidata anche ad un collaboratore di quest'ultimo, a patto che possieda una delega ufficiale. Se il conducente possiede tutte le autorizzazioni, anche in caso di controllo non sono soggette complicazioni, a patto che si dimostrino gli usi consentiti del veicolo con targa di prova.

Quanto costa una targa di prova

Si tratta di una spesa che può essere rateizzata nel tempo e può infatti essere versata in tre momenti differenti. Ad ogni modo, il totale da rilasciare risulta essere di circa 60 euro.

Dove viene posizionata la targa di prova?

Qualcuno potrebbe chiedersi dove deve posizionare la targa di prova. Anche in questo caso, la risposta a tale quesito è abbastanza semplice.

La targa di prova deve essere posizionata nella parte posteriore del veicolo che si utilizza. Inoltre, questa targa può essere riconosciuta a causa della presenza della lettera P insieme ad altri simboli alfa-numerici posti su sfondo bianco.

Assicurazione con targa di prova: come funziona

Ogni veicolo che risulta essere immatricolato e viaggia su strada deve essere coperto da una Rc Auto. Mentre prima questa regola era valida anche per le targhe di prova, una sentenza della Cassazione nel 2020 ha cambiato le carte in tavola: l'unica assicurazione ritenuta valida sarà quella del veicolo e non della targa. Questo perché la targa di prova rappresenta una sorta di deroga in vista dell’immatricolazione e degli altri impedimenti burocratici propedeutici alla messa in circolazione di un veicolo. Ma se il veicolo è pronto a circolare, ossia se risulta già immatricolato e provvisto di carta di circolazione, tale deroga non è più necessaria. Ne consegue che officine e concessionarie, che per prassi consolidata operano usando, per test e dimostrazioni varie, veicoli in riparazione o in conto vendita con la targa prova, dovranno cambiare modalità di lavoro.

Da chi viene rilasciata la targa?

Sono ben 4 gli enti che possono effettuare il rilascio ufficiale della targa di prova:

  • le concessionarie che si sono occupate anche della vendita dell'auto;
  • costruttori di carrozzerie oppure a chi realizza pneumatici;
  • costruttori di dispositivi di equipaggiamento e sistemi possono rilasciare questa speciale targa;
  • Officine di riparazioni oppure trasformazione.

Il rilascio della targa per questi 4 esercenti è fondamentale perché permette di provare o collaudare il veicolo.

Targa di prova smarrita o sottratta: cosa fare?

Cosa fare in caso di targa di prova smarrita oppure sottratta in modo illegale? Non occorre agitarsi, ma è bene effettuare determinate operazioni. Bisogna fare entro 48 ore denuncia alla polizia ed aspettare le azioni intraprese dagli organi competenti.

Solo dopo aver fatto ciò è possibile richiedere una nuova targa di prova, che andrà a sostituire quella smarrita.

Targa di prova auto non idonea: le sanzioni previste

Se la targa di prova auto non è idonea, sono previste alcune sanzioni da non sottovalutare.

Le sanzioni vengono stabilite dall'articolo 98 del Codice della strada e si dividono in diverse categorie. Ad esempio, se l'auto con targa di prova non viene utilizzata per gli scopi previsti legalmente, la sanzione varia da circa 90 euro fino a circa 350 euro. Se a ciò si abbina anche la violazione delle norme del conducente ed un'altra infrazione, allora il valore sale a circa 700 euro.

Hai mai pensato al noleggio?

Offerte confrontate

Confronta le offerte di auto in vendita su Facile.it e risparmia sulla tua auto prossima auto. Bastano 3 minuti!

Guide auto

pubblicato il 30 giugno 2022
Quando cambiare i dischi dei freni all'auto

Quando cambiare i dischi dei freni all'auto

In questo articolo andremo a parlare dei dischi dei freni installati ormai su ogni automobile, capendo quando è necessaria la loro sostituzione per garantire la nostra sicurezza.
pubblicato il 30 giugno 2022
Spie di allarme auto: quali sono e come riconoscerle

Spie di allarme auto: quali sono e come riconoscerle

In questo articolo parleremo delle spie di allarme presenti su un'automobile, comprendendone il significato una per una. In questo modo sarà possibile sapere quale comportamento adottare in ogni situazione.
pubblicato il 29 giugno 2022
Costo della patente B: tutte le spese da considerare

Costo della patente B: tutte le spese da considerare

In questo articolo affronteremo il complesso tema dell'iter necessario al conseguimento della patente B. Vedremo nel dettaglio tutte le spese da sostenere e i numerosi elementi che possono influenzare il costo finale.
pubblicato il 29 giugno 2022
Gomme invernali: utilità, modelli e costi

Gomme invernali: utilità, modelli e costi

Le gomme invernali devo essere installate nel periodo invernale per assicurare la massima stabilità di guida al veicolo e la dovuta sicurezza ai passeggeri della vettura.

Ultime notizie auto

pubblicato il 18 novembre 2022
Auto elettriche e costi ricarica: con le tariffe flat si risparmia

Auto elettriche e costi ricarica: con le tariffe flat si risparmia

C’è molta preoccupazione tra i possessori di auto elettriche e ibride plug-in per l’aumento delle bollette dell’energia che inevitabilmente ricade sui costi delle ricariche, col rischio di pagare cifre un tempo impensabili. Tuttavia l’elettrico è ancora ampiamente conveniente.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968