02 55 55 5 Lun-Sab 9.00-21.00

Candele auto: cosa sono, come funzionano e quando sostituirle

Candele auto: cosa sono, come funzionano e quando sostituirle
Le 3 cose da sapere:
  • Le candele auto innescano la scintilla necessaria per l'avviamento del motore.
  • La durata di questi dispositivi dipende dal tipo di veicolo e dall'intensità di utilizzo.
  • Nell'acquisto, considera che in genere il costo della singola candela è in media di 10 euro.

Ogni parte del motore ha una sua importanza e richiede massima attenzione. Le candele di accensione, in particolare, influiscono direttamente sul corretto funzionamento del mezzo e per questo vanno sostituite quando necessario. Presenti nelle macchine a benzina, GPL e metano, questi dispositivi elettrici permettono di innescare la scintilla, necessaria per l'avviamento del motore. Diversamente, nelle auto alimentate a diesel o con accensione spontanea, le candele servono solo a riscaldare il combustibile. Come funzionano e quando sostituirle? Bisogna considerare che si rivela fondamentale anche la regolare pulizia e la manutenzione, perché altrimenti l'autovettura potrebbe riportare danni e generare tutta una serie di malfunzionamenti.

Sommario

Cosa sono le candele auto

Le candele sono indispensabili per poter innescare la scintilla fra il combustibile e l'aria, processo che avviene all'interno della camera di combustione presente nella vettura a benzina, GPL o metano. Nello specifico, la miscela composta da aria e combustibile giunge all'interno del cilindro tramite le valvole di aspirazione per poi essere sottoposta alla compressione dal pistone.

Questo vuol dire che ad ogni ciclo termodinamico è necessario l'innesco, tramite un dispositivo specifico, ovvero grazie alla candela di accensione. Nei motori a diesel, invece, l'accensione si verifica per compressione, quindi tramite il movimento dello stantuffo.

Come sono fatte le candele dell'auto?

La funzione della candela è quella di tramutare l'energia elettrica in scintilla e per questo vanta una struttura abbastanza semplice composta da un connettore metallico e dall'elettrodo di massa posto all'estremità opposta. La candela è inoltre rivestita dall'isolatore e dalla guarnizione anulare, l'interno invece racchiude l'elettrodo centrale.

Dove si trovano le candele auto

Le candele vengono collocate nel vano motore dell'auto e per questo si consiglia di consultate il manuale d'uso e di manutenzione. Quando viene aperto il cofano si nota un insieme di cavi che porta a diversi scomparti. Le candele si trovano proprio alla fine di questi cavi, montate in fila e protette da una guaina. Esistono macchine provviste di un carter motor che bisogna smontare per poter avere accesso a questi dispositivi elettrici.

Come funzionano le candele auto?

In linea generale la candela funge da accumulatore, in quanto riceve la corrente dalla batteria dell'auto da 12 Volt. Una tensione così bassa non è in grado di generare la scintilla fra gli elettrodi, per questo è necessaria la presenza della bobina, tecnicamente denominata autotrasformatore, che riesce ad incrementare la tensione fino a 1000 volte rispetto a quella che viene generata dalla batteria. Una volta raggiunti i 12 Volt si riesce ad innescare l'arco elettrico, quindi la scintilla che potrà avviare la combustione. Si precisa che nei motori di ultima generazione la tensione può anche sfiorare 3000o Volt. La scintilla, in gergo chiamata "fronte di fiamma" si propaga fino a raggiungere la parti periferiche del cilindro.

Tipologie di candele auto

Come spiegato la candela è composta da un corpo in ceramica con con un isolatore termico, oltre che da una parte metallica, che serve a consentire il fissaggio alla testa motore. Il terminale presenta due elettrodi, di cui uno centrale per generare la scintilla e uno di massa. Si precisa che il materiale dell'elettrodo può essere non solo acciaio e nichel, ma anche platino, lega che sopporta meglio le alte temperatura e usata specialmente per le auto sportive. In questo caso siamo di fronte a candele che assicurano elevate prestazioni, in quanto aumentano la capacità di scintilla e migliorano al contempo la combustione.

Negli ultimi tempi, a causa dell'aumento del costo della benzina, molti automobilisti hanno preferito acquistare auto alimentate a metano o GPL, in modo da ottenere un maggior risparmio sui consumi. Queste autovetture richiedono candele di accensione apposite per poter assicurare migliori prestazioni, pur continuando a marciare regolarmente con i tradizionali dispositivi elettrici pensati per le macchine a benzina.

Quando vanno sostituite le candele dell'auto?

Controllare le candele è molto importante per poter viaggiare in tutta sicurezza, senza provocare malfunzionamenti o danni al motore. La durata di questi dispositivi dipende dal tipo di veicolo e dall'intensità di utilizzo. In genere nelle auto più vecchie bisogna cambiare le candele ogni 20.000 chilometri. Nei mezzi di nuova produzione la sostituzione deve invece avvenire ogni 60.000 chilometri circa.

In tutti i casi si consiglia di eseguire un controllo accurato ogni 10.000 chilometri di percorrenza, in modo da potere procedere con l'eventuale pulizia. Alcuni sintomi potrebbero indicare quando occorre effettuare la manutenzione. L'auto che sobbalza, che perde colpi o fatica ad avviarsi sono solo alcuni esempi. Quando le candele sono oramai usurate è facile anche avvertire delle vibrazioni pure il motore resta al minimo, oltre che problemi di accelerazione e un maggiore aumento dei consumi.

In presenza di questi campanelli d'allarme è bene recarsi senza esitazione dal proprio meccanico di fiducia o presso l'autofficina autorizzata per valutare non solo la pulizia, ma anche la necessaria sostituzione delle candele. L'importante è usare ricambi originali o di qualità equivalente che non compromettono le buone prestazioni del mezzo.

Costo delle candele

La sostituzione integrale delle candele è la migliore soluzione. In genere il costo della singola candela è in media di 10 euro, ma importi superiori vengono richiesti per l'acquisto di quelle candele adatte per auto sportive e che assicurano elevate prestazioni. Per poter funzionare in modo corretto le candele devono essere uguali o compatibili con quelle di primo impianto, quindi avere medesima dimensione, angolo d'elica, filettatura e caratteristiche generali. Consultando il manuale d'uso si può verificare quale tipologia di candela viene raccomandata per il proprio mezzo. Le aziende produttrici mettono a disposizione degli automobilisti delle apposite tabelle per verificare facilmente la candela più adatta alle specifiche esigenze.

Solitamente le candele realizzate in ferro, cromo e nichel sono quelle più vendute e diffuse. Chi cerca prodotti che assicurano lunga durevolezza nel tempo, dovrà concentrare la scelta sui modelli in platino o iridio.

Sconti fino al 40% Trova la tua Auto

Offerte confrontate

Confronta le offerte di noleggio auto a lungo termine su Facile.it e risparmia sulla tua auto a noleggio. Bastano 3 minuti!

Guide al noleggio auto

  • Ricambi auto usati: quando convengono e dove trovarli

    Ricambi auto usati: quando convengono e dove trovarli

    Acquistare un'auto non è solo un sogno che si...

  • Calcolo svalutazione auto: come avviene

    Calcolo svalutazione auto: come avviene

    Al giorno d'oggi, molti non sanno come avviene il...

  • iPatente, il portale dell'automobilista: cos'è e a cosa serve

    iPatente, il portale dell'automobilista: cos'è e a cosa serve

    Il Portale dell’Automobilista è un sito web...

Guide auto

RECUPERO PREVENTIVI

Accedi con la tua email

Riceverai un’email che ti permetterà di fare accesso e di visualizzare i tuoi preventivi.

Accedi