Serve assistenza?
02 55 55 5

Tornano competitivi i conti deposito: tassi fino al 4%

7 ott 2022 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

conti expert speaks tornano competitivi i conti deposito

I conti deposito, dopo anni, tornano ad essere competitivi. Complici le attuali condizioni economiche che hanno visto una impennata dell’inflazione (non era così alta dagli anni ‘80) insieme ad un rialzo dei tassi, questo strumento finanziario è diventato più appetibile per chi non vuole lasciare i soldi fermi sul conto corrente. I rendimenti iniziano ad essere interessanti e, in questo momento, sembrano essere una delle poche buone soluzioni per chi vuole mantenersi al sicuro dalle oscillazioni dei mercati e avere una remunerazione certa.

Conti Deposito: trova il più vantaggioso

Che cosa è un conto deposito

Prima di entrare nel dettaglio, però, facciamo un passo indietro e vediamo cosa sono i conti deposito e come funzionano. Perché anche se spostare il denaro su un conto deposito risulta più conveniente, bisogna sapere che hanno una operatività limitata rispetto ad un normale conto corrente.

Un conto deposito, o conto di liquidità, non va confuso con il più comune conto corrente. Come suggerisce il nome stesso, infatti, si tratta di un prodotto finanziario dove, appunto, il titolare deposita la propria liquidità a fronte di una remunerazione concordata con l’istituto di credito.

Si tratta, dunque, di un prodotto ad hoc per "parcheggiare" in modo semplice e protetto i propri risparmi senza essere esposti all’andamento dei mercati, come capita investendo, ad esempio, in azioni e obbligazioni. È, inoltre, uno strumento sicuro perché tutelato dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi quindi è assicurato il risarcimento della somma investita fino a un massimo di 100mila euro.

Come funziona

Con un conto di deposito il denaro viene lasciato in custodia per un periodo più o meno lungo presso l’istituto di credito, che in cambio offre interessi che possono variare a seconda della banca, ma che risultano, comunque, essere più alti rispetto a quelli offerti da un semplice conto corrente.

Per aprire un conto deposito bisogna essere intestatari di un conto corrente tradizionale da cui trasferire le somme da depositare con un semplice bonifico, o, in alternativa, attraverso un assegno bancario o servizio RID. Solitamente, per l’apertura di un conto deposito, non è richiesta alcuna garanzia. Per ritirare il denaro depositato basterà, invece, solo trasferirlo sul conto corrente di appoggio.

Le operazioni che è possibile effettuare con un conto di deposito sono, però, limitate: si potrà, infatti, solo trasferire il denaro da e verso il conto corrente di riferimento. Non è possibile effettuare altre operazioni come, ad esempio, pagare le bollette, prelevare dagli sportelli, farsi accreditare lo stipendio o la pensione attraverso questo tipo di conto.

Conto deposito vincolato e non vincolato

Esistono due tipi differenti di conto deposito:

  • vincolato;
  • non vincolato.

Il conto deposito non vincolato, o anche noto come conto deposito libero, consente al correntista di disporre sempre e comunque delle somme depositate, a differenza dei conti deposito vincolati. Ovviamente in questo caso i rendimenti saranno ridotti proprio per la caratteristica della svincolabilità che permette di ritirare le somme depositate in qualsiasi momento, senza incorrere in penali.

I conti deposito vincolati, a loro volta, si suddividono in svincolabili e non svincolabili. I primi prevedono lo svincolo delle somme depositate alla scadenza contrattualmente pattuita con l’istituto di credito, che può variare da 3 a 60 mesi, ma con la possibilità di prelevare il denaro in anticipo ad un tasso più ridotto.

I conti deposito non svincolabili sono invece quelli a rendimento più alto, perché non consentono il prelievo anticipato dell’importo depositato. Il correntista, in pratica, dovrà attendere la fine del periodo di vincolo per rientrare in possesso della somma. Durante questo periodo non potrà disporre del denaro, neanche in caso di emergenza, pena la perdita degli interessi.

Con i conti deposito non svincolabili, quindi, si potrà prelevare il capitale soltanto in base alle condizioni stabilite da contratto: dopo tre, sei, dodici, fino a sessanta mesi. In questi mesi matureranno tassi di rendimento stabiliti con l’istituto di credito che saranno, comunque, più alti e vantaggiosi rispetto a quelli riconosciuti con la sottoscrizione di un conto deposito non vincolato o svincolabile. I tassi di rendimento crescono proporzionalmente alla durata del vincolo, al termine del quale il sottoscrittore riceve gli interessi stabiliti oltre al capitale parcheggiato.

La cosa importante da tenere presente è che la convenienza di un conto deposito dipende soprattutto da motivazioni soggettive e dal tempo in cui si può lasciare il denaro parcheggiato prima di averne bisogno.

Certo è che rendimenti così alti come non si vedevano da anni tra i conti deposito delle banche italiane, anche oltre il 3%, sono possibili solo perchè il rialzo dei tassi da parte della Banca Centrale Europea (BCE) è destinato a proseguire per contrastare la crescita dell’inflazione.

Per il risparmiatore che punta a far fruttare i risparmi evitando che l’inflazione possa travolgere il suo potere d’acquisto, l’apertura del conto deposito, con questi rendimenti, diventa una strada da prendere in considerazione, seppur con consapevolezza.

C'è da chiedersi, infatti, se questa forma di investimento possa essere una scelta giusta per proteggere i propri risparmi: basterà da sola? È davvero così conveniente?

"Con l'aumento dei tassi di interesse da parte delle Banche Centrali, rimasti per anni a zero in area Euro (e non solo), vanno lentamente ad aumentare anche i tassi di riferimento per i clienti finali. Questo si ripercuote in interessi passivi più elevati, quando si va a stipulare un mutuo o un prestito. Ma anche in interessi attivi più sostanziosi quando si vanno a depositare dei soldi, ad esempio sui conti deposito – spiega Luca Lixi, consulente finanziario indipendente – Da questo punto di vista, il consiglio finanziario è quello di valutare l'abbinamento di questo tipo di soluzioni di breve termine ai propri obiettivi finanziari di lungo termine".

I conti deposito consentono infatti di puntare sulla sicurezza nel breve termine, grazie alla garanzia del capitale sino a 100mila euro operata dal Fondo Interbancario Tutela Depositi, ma bisogna valutare bene se possano essere strumenti adeguati per finanziare i propri obiettivi di lungo termine, come il risparmio pensionistico o la creazione di un capitale per i figli. Certo è che con rendimenti tendenzialmente in rialzo, i conti deposito stanno tornando ad essere paragonabili e competitivi anche con alcuni portafogli azionari e obbligazionari.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 19 febbraio 2024
Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Conti deposito oltre il 4% a metà febbraio 2024

Vuoi guadagnare da subito con un conto deposito? Facile.it offre un confronto veloce tra conti deposito online e ti aiuta a trovare le offerte più remunerative! Ecco come trovare il miglior conto deposito a febbraio 2024.
pubblicato il 15 febbraio 2024
Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Donazioni ai figli: ecco come non violare i limiti nei versamenti in contanti

Introdotto un nuovo limite per l'uso dei contanti nei versamenti: occorre avere la possibilità di giustificare quelli dai 5.000 euro in su. È valido anche per le donazioni ai figli.
pubblicato il 6 febbraio 2024
I 3 migliori conti deposito vincolati di febbraio 2024

I 3 migliori conti deposito vincolati di febbraio 2024

Hai dei risparmi da parte? Mettili in un conto deposito e cresceranno nel tempo, consentendoti di guadagnare di più. Cosa aspetti? Facile.it confronta per te i migliori conti deposito e ti assiste nella scelta del più vantaggioso.
pubblicato il 5 febbraio 2024
Conti bancari: da 7 anni il loro costo aumenta, ma non per quelli online

Conti bancari: da 7 anni il loro costo aumenta, ma non per quelli online

Nel corso del 2022 le spese medie sostenute da un italiano per gestire un conto corrente "tradizionale" sono aumentate di 9,3 euro rispetto al 2021, passando da 94,7 euro l’anno a 104. I conti che funzionano solo online costano un terzo: in media 33,7 euro.

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968