Serve assistenza?
02 55 55 5

Conti deposito, cosa succede dopo il taglio dei tassi da parte della Bce

5 lug 2024 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

Banca Centrale Europea

Lo scorso 6 giugno la Banca centrale europea (Bce) ha tagliato i tassi di riferimento di un quarto di punto percentuale portando il costo del denaro al 3,75%.

Dopo 10 rialzi consecutivi, iniziati nel luglio 2022 e finiti a ottobre dello scorso anno, la stretta monetaria sembra, dunque, allentarsi.

Stretta che ha portato il tasso dei depositi (tasso sul quale si basano le condizioni di mercato) presso la Banca centrale da -0,50% fino al 4%.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Un taglio dei tassi che, ovviamente, porterà a delle conseguenze non solo per i  Titoli di Stato che vedranno muovere al ribasso il rendimento e potrebbero diventare meno appetibili, ma anche per tutti i prodotti che remunerano la liquidità (conti deposito, fondi monetari).

La Bce, comunque, non si è ancora espressa sull’eventuale ulteriore taglio dei tassi nei prossimi mesi, anche se la maggior parte degli analisti già ipotizza altri sei tagli da 25 punti entro il 2025 con manovre trimestrali. Ma quali saranno le conseguenze di tali tagli sui conti deposito?

Conti deposito, i numeri del 2023

Il risparmio è da sempre stato il vero motore dell’Italia e nel 2023 l’inflazione lo ha messo a dura prova erodendo. Secondo la fotografia scattata sulla ricchezza finanziaria della Banca d’Italia, pubblicata nella sua relazione annuale sul 2023, molti portafogli per gran parte dell’anno sono rimasti liquidi, parcheggiati sui conti di deposito, oppure sono stati investiti in titoli di Stato, i grandi protagonisti dell’anno sostenuti dalle tre emissioni del Btp Valore che il governo italiano ha riservato al retail e che hanno raccolto in totale quasi 60 miliardi.

L’analisi di Via Nazionale conferma che «la propensione al risparmio ha continuato a ridursi, arrivando al 6,3% per il complesso delle famiglie consumatrici, toccando il valore minimo almeno dagli anni 60 del secolo scorso e dopo essersi portata su valori particolarmente elevati nel corso della pandemia». Un bilancio che si riflette nello stock e nei flussi della ricchezza finanziaria delle famiglie.

Pur all’interno di un quadro con investimenti in calo, il fenomeno più rilevante, come accennato, riguarda il boom delle obbligazioni: «Le famiglie hanno modificato la composizione del portafoglio finanziario, incrementando l’esposizione in titoli obbligazionari, in primis i Btp, e riducendo i depositi a vista», si legge nella relazione.

I numeri che riporta il documento mostrano questa tendenza: i titoli di Stato italiani hanno attirato nel 2023 flussi per 113,7 miliardi, oltre il doppio rispetto ai 48,2 miliardi del 2022. La parte restante della raccolta sulle obbligazioni è rappresentata dai titoli esteri per 19,5 miliardi (6,2 miliardi nel 2022) e dai bond bancari italiani (14,2 miliardi dopo i flussi negativi per 765 milioni del 2022), mentre le obbligazioni societarie italiane hanno avuto flussi per circa 7 miliardi dopo i deflussi per circa 3 miliardi del 2022. Una parte di questa raccolta arriva dalla liquidità in uscita dai conti correnti: «È proseguita la ricomposizione del portafoglio in favore di attività i cui rendimenti hanno maggiormente seguito il rialzo dei tassi di riferimento: i depositi a vista sono scesi per la prima volta dal 2012 e per un ammontare molto elevato, riflettendo l’incremento del costo opportunità di detenere attività liquide. Sono invece cresciuti gli altri depositi, ovvero quelli a durata prestabilita» come i conti di deposito vincolati, «per 30 miliardi, il valore massimo dal 2013». Gli investimenti in obbligazioni sono triplicati, portando il loro peso al 7,5%; l’aumento è stato forte per i titoli pubblici italiani, la cui incidenza è salita al 4,8%, il massimo dal 2013, anche se inferiore a quella prevalente prima della crisi dei debiti sovrani. Oltre che con l’acquisto diretto, le famiglie investono in titoli pubblici indirettamente tramite il risparmio gestito (fondi comuni, polizze assicurative e fondi pensione).

Futuro dei conti deposito

Fino a qualche mese fa i conti deposito con vincoli a lunga scadenza erano molto premiati dal mercato bancario: basti pensare che c’erano istituti di credito che, per un vincolo di 5 anni, mettevano sul piatto tassi di interesse che superavano anche il 6% lordo annuo.

Adesso che il vento è cambiato anche le banche hanno cambiato prospettiva. In attesa delle prossime decisioni dell’Eurotower (di abbassare i tassi) gli istituti di credito di casa nostra hanno cominciato a giocare d’anticipo, ritoccando all’ingiù i rendimenti sul lungo periodo e valorizzando invece quelli sul breve periodo per non impegnarsi troppo con i piccoli risparmiatori in vista delle  decisioni che prenderà la Banca centrale.

Ancora non è possibile stabilire quale sarà il reale effetto sui conti di deposito del taglio dei tassi di 25 punti base deciso il 6 giugno dalla Bce. Si può, tuttavia, fare qualche previsione analizzando l’evoluzione dei rendimenti dei depositi con scadenze lunghe, che avevano anticipato la manovra della Bce. Mettendo a confronto i tassi del vincolo di 60 mesi a maggio 2023, con quelli di maggio 2024, c’è una riduzione media di 36 punti base. Dunque, i risparmiatori che hanno scelto i vincoli più lunghi si sono assicurati fino a scadenza un tasso medio di oltre il 3% lordo annuo che, in alcuni casi, arriva fino al 4,50%. Dal rendimento occorre detrarre l’imposta del 26% e la «patrimonialina» dello 0,20% sulla giacenza.

Nell’attuale scenario ad essere competitivo con i conti di deposito è il Btp Valore. L’emissione di maggio, durata di sei anni, ha offerto un rendimento lordo annuo crescente nel tempo: 3,35% per i primi tre anni e 3,90% per i successivi tre, più il premio dello 0,8% a scadenza.

E proprio il Btp valore, insieme ai conti di deposito, in questo momento, per difendere la liquidità, i restano due delle migliori opzioni. In entrambi i casi l’importante è riuscire a mantenere l’investimento fino a scadenza. Ovviamente i conti di deposito offrono qualche vantaggio in più: si può scegliere la scadenza del vincolo (l’offerta di solito va dai tre ai sessanta mesi), può essere aperto in qualsiasi momento, mentre per il titolo di Stato occorre attendere le aste. Inoltre, alcuni istituti di credito offrono l’opzione del conto svincolabile con una riduzione del rendimento in caso di disinvestimento prima della scadenza stabilita.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 5 luglio 2024
Confronto tra conti correnti gratis per l'estate 2024

Confronto tra conti correnti gratis per l'estate 2024

Vuoi conoscere i conti correnti zero spese? Su Facile.it confronti le offerte di conto corrente zero spese di decine di banche solide e affidabili. Grazie al confronto conti correnti di oggi abbiamo individuato i 3 migliori conti correnti zero spese di luglio 2024. Scoprili ora!
pubblicato il 4 luglio 2024
Modello 730: i tempi per ottenere il rimborso dell'IRPEF

Modello 730: i tempi per ottenere il rimborso dell'IRPEF

Il Modello 730 è la dichiarazione dei redditi che lavoratori dipendenti e pensionati devono presentare annualmente all'Agenzia delle Entrate. Se emerge un credito a favore del contribuente, questo ha diritto al rimborso dell'IRPEF versato in eccesso.

Guide ai conti

pubblicato il 15 giugno 2024
Conto Deposito: cos’è e come funziona

Conto Deposito: cos’è e come funziona

Il conto deposito è uno strumento di investimento, che si appoggia a un conto corrente tradizionale e che ti consente di ottenere, sulle somme depositate in Banca e una rendita elevata. Leggi tutto quello che devi sapere.
pubblicato il 17 maggio 2024
Certificati di deposito: cosa sono e come funzionano

Certificati di deposito: cosa sono e come funzionano

I certificati di deposito sono strumenti finanziari che offrono agli investitori la possibilità di depositare una somma di denaro presso una banca per un periodo di tempo prestabilito. Questi strumenti sono considerati sicuri e garantiscono rendimenti stabili.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 26 febbraio 2020
Guida completa su come cambiare il conto corrente

Guida completa su come cambiare il conto corrente

Passare da un conto corrente ad un altro non è una scelta da prendere con leggerezza, ma bisogna sapere come muoversi e come fare per evitare penali per clausole che avevamo dimenticato...
pubblicato il 8 febbraio 2020
Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

La richiesta di accredito della pensione su conto corrente può essere fatta al momento della presentazione presso l’INPS della stessa domanda, ma anche in un successivo momento grazie all’ausilio di uno specifico modulo da compilare. Ecco una guida per sapere tutto sull'accredito della pensione.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968