02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Domiciliazione bancaria su conto corrente: arriva lo sconto sulle tasse locali

E chi lo avrebbe mai detto che il fisco poteva "quasi diventare amico" e premiare chi paga subito? Eppure è questa una delle novità contenute nel Decreto Rilancio. Il governo ha infatti previsto una sorta di "sconto", che può arrivare fino al 20 per cento, sulle tasse locali, come ad esempio Imu, Tari e Tasi, per chi decide di pagare con domiciliazione bancaria, cioè l’addebito permanente sul proprio conto corrente.

Decreto rilancio: lo sconto concesso dai comuni

Un piccolo premio, dunque, che permette al contribuente di risparmiare circa un quinto sulle tasse e dall’altra parte garantisce una entrata "sicura" e senza ritardi per l’ente locale. Se poi si pensa che lo sconto sui tributi locali riguarda una platea di 25mila contribuenti si tratta, a ben guardare, di uno ‘sconto’ che può arrivare a valere circa 20,3 miliardi di euro e la fetta più grande riguarda soprattutto quella che è considerata l’imposta "più detestata dopo il bollo auto", e cioè la nuova Imu che incorpora anche la Tasi

Ovviamente l’applicazione di questo sconto dipende dai singoli comuni che devono adottarlo con propria delibera. Trattandosi di tributi locali il Governo ha lasciato, infatti, piena facoltà ai singoli enti di optare o meno per questo taglio e in che misura applicarlo, dunque potrebbe essere anche inferiore al 20%. E’ bene dunque informarsi con l’ufficio tributi del proprio comune, magari consultando il sito online, per vedere da quando e se è applicabile tale emendamento. A ben vedere ragioni per non applicare tale disposizione governativa non ce ne sarebbero se non fosse che si tratta di una ipotesi che potrebbe essere scartata dai sindaci per la mancanza di liquidità delle casse comunali.

Domiciliazione bancaria: cos’è?

Ma vediamo più nello specifico cos’è la domiciliazione bancaria. Si tratta di una operazione bancaria spesso molto utile per il correntista e che non comporta spese aggiuntive sul conto corrente.

Con questa operazione il correntista dà, infatti, mandato alla propria banca di addebitare direttamente sul proprio conto corrente le rate di un finanziamento, le bollette o, per l’appunto, le tasse locali. Si tratta di una operazione semplice, che può essere richiesta direttamente in banca o attivata direttamente dal proprio conto online, indicando gli estremi del beneficiario. Ma è anche una operazione ‘comoda’ perché in questo modo il correntista non dovrà più perdere tempo per pagare i bollettini, eviterà code agli sportelli bancari o postali così come eventuali problemi di ritardo nel pagamento.

Ancora, si tratta di un’operazione senza spese. Spesso l'attivazione del servizio RID (Rapporti Interbancari Diretti), infatti, non comporta commissioni d'incasso o il pagamento di spese aggiuntive. Ma non solo, in questo modo si elimina anche quello che è il costo aggiuntivo dovuto per il pagamento dei bollettini. Il servizio può essere sospeso in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo. Così come nel caso dell’attivazione anche per la sospensione è possibile effettuare una comunicazione alla banca, compilando l'apposito modulo, oppure farla in autonomia dal proprio conto corrente online.

Sconto su tasse locali: le tempistiche

Ritornando allo sconto sulle tasse locali vediamo quali saranno le tempistiche. Lo sconto sarà già attivo dalla prossima scadenza di dicembre, quando i contribuenti virtuosi potranno trovare già applicato lo sconto sulle tasse locali a patto, come detto, che si paghi con la domiciliazione bancaria, ovvero l'addebito con RID direttamente sul conto corrente. Il "premio a chi paga" – è questo il nome dato all'emendamento approvato - può valere anche per le altre entrate tributarie comunali, come la tassa sui rifiuti.

Si tratta evidentemente di una mossa anti-evasione, a discrezione, come detto, dei sindaci ma che si spera possa portare nelle casse degli enti locali maggiori entrate e soprattutto nei tempi fissati.

pubblicato da il 28 agosto 2020

Autore

Foto Autore

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Guide ai conti

Guide Conti