Evasione dell'Iva: l'Italia perde oltre 30 miliardi di euro

Evasione dell'Iva: l'Italia perde oltre 30 miliardi di euro

L'Italia ha perso in un anno oltre 30 miliardi di euro in entrate Iva a causa dell'evasione fiscale, secondo lo studio pubblicato dalla Commissione europea sui dati del 2019. Così si è classificata prima nell'UE per la somma complessiva che, sul fronte di quell'imposta, non è entrata nelle casse dello Stato.

Vediamo più nel dettaglio i risultati dell'indagine qui su Facile.it, specialista nel confronto di conti correnti online.

Nell'UE persi 4.000 euro al secondo

Al secondo posto c'è la Germania, che ci rimette "solo" 23,4 miliardi. Nell'intera UE, durante il 2019, i 27 Paesi membri hanno perso 134 miliardi di entrate provenienti dall'imposta sul valore aggiunto. Il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni, ha valutato che si tratta di una perdita superiore a 4.000 euro al secondo.

Gli effetti della pandemia

L'Italia - oltre a essere in testa per l'evasione dell'Iva come somma totale - è arrivata quinta per il maggior divario tra il gettito previsto e quello riscosso, con il 21,3%. Va peggio solo in Romania (34,9%), Grecia (25,8%), Malta (23,5%) e Lituania (21,4%). Nei prossimi mesi sapremo quanto l'emergenza sanitaria abbia influenzato il fenomeno durante il 2020.

La situazione è in evoluzione

Questa voragine tributaria è frutto delle entrate perse a causa della frode e dell'evasione dell'Iva, delle pratiche di elusione e ottimizzazione, dei fallimenti e delle insolvenze finanziarie, di errori di calcolo ed amministrativi. La Commissione si consola considerando che, a seguito dei continui sforzi volti a migliorare la situazione a livello sia dell'Ue che nazionale, la relativa tendenza positiva è proseguita nel 2019, con un calo complessivo del divario dell'Iva negli Stati membri dell'Ue di circa 7 miliardi di euro rispetto all'anno precedente.

E gli onesti pagano più tasse

Paolo Gentiloni, commentando il rapporto della sua Commissione, ha aggiunto che si tratta di perdite inaccettabili per i bilanci nazionali. Perché costringono i cittadini e le imprese a pagare di più altre imposte per finanziare servizi pubblici fondamentali. Ha concluso: "Dobbiamo compiere uno sforzo congiunto per reprimere le frodi in materia di Iva, un reato grave che sottrae denaro dalle tasche dei consumatori, pregiudica il nostro sistema assistenziale e impoverisce le casse degli Stati".

Migliori Conti Correnti del mese

Banca:Banca Widiba
Prodotto:Conto Start Widiba
  • Carta di debito
  • Conto Cointestabile
  • Internet banking
  • Mobile banking
Costo annuo Gratuito Canone Zero per 12 mesi
Banca:ING
Prodotto:Conto Corrente Arancio con Modulo Zero Vincoli
  • Carta di credito
  • Carta di debito
  • Carta prepagata
  • Internet banking
Costo annuo Gratuito con accredito dello stipendio/pensione o entrate di almeno 1.000 euro al mese
Banca:BBVA
Prodotto:Conto Corrente
  • Carta di debito
  • Internet banking
Costo annuo Gratuito
*Le tabelle riportano a titolo esemplificativo la struttura del sito. Per tutte le offerte poste in comparazione clicca sul tasto vai e ottieni tutte le informazioni necessarie per valutare la proposta adatta alle tue esigenze Scegli il miglior conto corrente

Conti Correnti: trova il più vantaggioso Confronta i CONTI
pubblicato da il 3 gennaio 2022

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Ultime notizie Conti

News Conti

Guide ai conti

Guide Conti

Banche

Scopri i dettagli, i prodotti e la storia delle banche partner di Facile.it.

Banche e finanziarie

Che fai lì fuori?

Accedi e confronta le offerte ancora più velocemente: risparmia tempo e denaro!

Accedi

oppure