Serve assistenza?
02 55 55 111
assicurazioni guide assicurazione auto detraibile dal 730
Le 3 cose da sapere:
  1. 1

    Si può detrarre dal 730 qualsiasi polizza infortuni, inclusa quella sugli infortuni del conducente

  2. 2

    Chi richiede la detrazione deve essere anche il conducente della vettura

  3. 3

    Dal 2020 esiste un limite di reddito di 120.000€ per richiedere la detrazione

RC Auto: offerte da 131€*
RC Auto: offerte da 131€*

L'assicurazione auto per la responsabilità civile (RCA) è obbligatoria per legge e richiede il pagamento annuale di un premio che viene quantificato in funzione della provincia di residenza del proprietario del veicolo e della classe di merito.

Tuttavia, in alcune situazioni la legge prevede che il titolare della polizza possa portare in detrazione il premio corrisposto in sede di dichiarazione dei redditi. Scopriamo nel dettaglio quando è possibile fruire della detrazione e quali sono i vincoli previsti dalle normative vigenti.

Sommario

Assicurazione auto detraibile: cos’è cambiato dal 2014

Notoriamente il premio annuale per la polizza RCA rappresenta una voce importante del bilancio di una famiglia ma fortunatamente è prevista la possibilità di abbattere questa somma fruendo di agevolazioni fiscali da sfruttare in sede di dichiarazione dei redditi.

Per questa tematica c'è da fare una dovuta precisazione in quanto le normative in fatto di assicurazione auto detraibile sono cambiate a partire dal 2014. Nello specifico, dal 2014 l'automobilista non ha più la possibilità automatica di portare in detrazione l'assicurazione RCA auto. La normativa precedente, infatti, prevedeva che la quota del premio versata al Servizio Sanitario Nazionale fosse detraibile. La regola, a dir la verità, prevedeva che si potesse detrarre la cifra eccedente i 40 euro. Con il decreto legge numero 102 pubblicato nel 2013 questa opportunità è stata cancellata per cui non è possibile più portare in detrazione alcuna parte dei premi per le assicurazioni dei veicoli.

Quali polizze auto sono detraibili?

Questo però non significa che non ci siano delle polizze che permettono in effetti di avere delle agevolazioni sotto questo punto di vista.

In particolare, si ha diritto alla detrazione nel caso in cui si attivi u na polizza infortuni. I relativi costi sono detraibili in termini Irpef nella misura del 19% per le spese effettivamente sostenute per tutelare il rischio di morte o di invalidità permanente non inferiore al 5%. Peraltro, non ci sono ulteriori vincoli per quanto concerne la causa che ha comportato l'invalidità permanente oppure il decesso. L'agevolazione è prevista anche per il conducente e quindi per il premio versato per la stipula di questo genere di tutela (per esempio una polizza infortuni conducente) su un ammontare massimo di 530 euro che rimane tale anche nel caso in cui ci siano più contratti sottoscritti con diverse compagnie e vetture.

Se invece questa forma di tutela viene prevista per persone con disabilità grave e copre anche la morte, la detrazione massima arriva a 750 euro.

Requisiti per la detrazione dell’assicurazione

Come spesso accade per altri ambiti anche per quanto riguarda le detrazioni fiscali previste per le polizze assicurative che coprono da infortuni e morte il conducente e altre persone ci sono dei requisiti da soddisfare.

Innanzitutto i contratti stipulati o rinnovati devono avere come oggetto il rischio di morte o invalidità permanente non inferiore al 5%.

Inoltre è indispensabile che l'intestatario della dichiarazione dei redditi sia anche il conducente della vettura e che questo venga espressamente indicato nel contratto. In alternativa è possibile attivare questa opzione anche se si tratta di un familiare a carico del dichiarante.

Viceversa la garanzia per gli infortuni non è detraibile se tutela chiunque sia alla guida del veicolo. Questo significa che bisogna prevedere una polizza di guida esclusiva a favore del titolare della vettura e che copre anche tutti i familiari che però sono a carico dal punto di vista fiscale.

Limiti di reddito

Un'altra questione molto importante riguardante la detrazione della polizza assicurativa auto è quella dei limiti di reddito.

Infatti le nuove normative oltre a stabilire degli specifici vincoli sulle caratteristiche della polizza hanno anche introdotto dei limiti sul reddito. Questa novità è stata applicata a partire dall'anno solare 2020 e prevede che la detrazione sia a disposizione per intero soltanto di assicurati che hanno un reddito complessivo che arriva fino a un massimo di 120 mila euro in un anno.

Se l'assicurato ha un reddito superiore rispetto a questa soglia, il credito di detrazione fiscale a cui si ha diritto decresce conseguentemente fino ad azzerarsi quando si raggiunge il valore raddoppiato, ossia ai 240 mila euro di reddito.

C'è poi da ricordare che per poter fruire della detrazione è necessario che il pagamento del premio venga effettuato con un sistema tracciabile per cui con bonifico bancario, bonifico postale oppure utilizzando la carta di credito e il bancomat. Quindi non è possibile pagare in contanti il premio altrimenti non si ha diritto alla detrazione.

Infine, per ottenere la detrazione fiscale prevista bisogna presentare al proprio commercialista la ricevuta di pagamento del premio assicurativo e la copia del contratto che ogni compagnia assicurativa rilascia in forma digitale e cartacea al proprio assicurato al momento del rinnovo o della sottoscrizione.

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

RC Auto

Confronta più compagnie

Preventivo AUTO

RC Moto

Confronta più compagnie

Preventivo MOTO

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: scopri su Facile.it in cosa consistono e perché possono essere utili per proteggere il flusso di cassa della tua azienda, e mantenerlo al riparo da imprevisti!
pubblicato il 18 gennaio 2024
Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Le polizze investimento a capitale garantito sono degli strumenti finanziari che permettono di recuperare l'investimento fatto inizialmente. Da un lato, sono prodotti meno rischiosi di altri, dall'altro però offrono un rendimento minore.
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Sempre più over 65 decidono di affidarsi a una polizza sanitaria per coprire le spese mediche e non solo. Qui troverai una breve spiegazione di come funziona questo prodotto assicurativo e di cosa copre.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Cos'è e come funziona la polizza Key Man

Cos'è e come funziona la polizza Key Man

La polizza Key Man è una forma di protezione che le aziende possono adottare per mitigare i rischi derivanti dalla perdita improvvisa di una figura chiave all'interno dell'organizzazione.
pubblicato il 11 gennaio 2024
La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O, chiamata anche "Polizza per la Responsabilità Civile degli organi di Gestione e Controllo della Società", è un'assicurazione essenziale per proteggere il patrimonio personale degli amministratori, dirigenti e sindaci delle società.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Se hai intenzione di aprire un fondo pensione e di avere una pensione integrativa ma non hai ancora le idee chiare su condizioni e vantaggi, ecco una guida per risolvere i tuoi dubbi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Molti genitori sono preoccupati per il futuro dei propri figli e desiderano investire per garantire loro una solida base finanziaria. In questa guida, esploreremo alcune opzioni di investimento per i bambini e forniremo consigli su come pianificare la gestione dei risparmi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

La deduzione fiscale dei fondi pensione consente di risparmiare sulle tasse e allo stesso tempo garantire un futuro finanziario sicuro durante la pensione. Seguendo regole specifiche e massimizzando i contributi deducibili, è possibile ottenere il massimo vantaggio fiscale dai fondi pensione.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968