Serve assistenza?
011 04 00 408

Quali sono i rischi di guidare con un braccio fuori dal finestrino

Hai mai pensato al noleggio?
Hai mai pensato al noleggio?

Il bel tempo, la gradevole temperatura all’esterno dell’abitacolo e il tepore dei raggi del sole sono molto invitanti per un automobilista. Soprattutto chi possiede una maggiore confidenza con il proprio veicolo e una certa sicurezza alla guida può facilmente cadere vittima della tentazione di assumere una posizione più rilassata per godere del tragitto che sta percorrendo, abbassando il finestrino e sporgendo il braccio fuori, talvolta ostentando una certa disinvoltura. Ciò rappresenta un comportamento tutt’altro che saggio poiché, sebbene non sia espressamente vietato dal Codice della Strada, espone a una serie di rischi che possono tramutarsi in potenziale pericolo. In questo articolo vedremo perché è sconsigliato guidare con il braccio fuori dal finestrino.

Se vuoi evitare di doverti occupare di tutte le pratiche ed i costi di gestione dell'auto, puoi optare per la formula di noleggio a lungo termine.

Sommario

Il vizio del braccio fuori dal finestrino: perché non se ne può fare a meno

Tenere un comportamento prudente e responsabile in ogni momento mentre si guida è fondamentale per la sicurezza propria e quella altrui, e sicuramente una delle regole auree è quella di tenere sempre le mani saldamente sul volante. Tuttavia ci sono certi gesti cui alcuni automobilisti non riescono proprio a rinunciare, come quello di guidare con il braccio fuori dal finestrino.

Ovviamente l’estate è complice di questo desiderio, capace di regalare un senso di libertà e molte sensazioni gradevoli, date dal movimento dell’aria fresca che accarezza la pelle. Ma le motivazioni che inducono ad adottare questo atteggiamento non si esauriscono qui, anzi per alcuni conducenti, specialmente i più giovani, questo si riveste di un preciso significato, e a sua volta attribuisce all’automobilista un particolare fascino. Questo almeno nell’immaginario collettivo, secondo il quale il pilota spavaldo che sfoggia tutta la sua sicurezza e la sua facilità alla guida viene visto come più prestante al volante. In molti casi, quindi, quello del braccio fuori dal finestrino costituisce un fattore estetico che diventa, con il tempo, un’abitudine irrinunciabile per inviare un preciso messaggio e riflettere una determinata immagine di sé. Questi effetti che vengono dirottati sugli altri rappresentano un richiamo a trasgredire le regole e le buone norme di comportamento, anche quando seguire tali dettami può rivelarsi di estrema importanza per la propria incolumità. Infatti, dalle corrette tecniche alla guida conseguono proprio le premesse per un'esperienza sicura, inclusa quella di carattere più vivace e sportivo.

Tenere il braccio fuori dal finestrino: perché non si dovrebbe fare

Alcuni automobilisti non vedono nessun rischio celarsi dietro il semplice gesto di sporgere il braccio fuori dal finestrino, specialmente in determinate situazioni, ad esempio quando si è fermi in mezzo al traffico o si sta marciando su una strada da percorrere a bassa velocità. In effetti è altamente improbabile che si verifichi qualche tipo di incidente per questo motivo, ma è altrettanto vero che nessuno conosce in anticipo le dinamiche che potrebbero innescarsi né sapere con certezza che non si verificherà uno di quei rari casi in cui tenere il braccio dentro l’abitacolo avrebbe fatto la differenza. Ciò perché la strada è frequentata da tantissimi altri utenti, e tra di loro non mancano quelli che non rispettano nemmeno le regole più scontate ed elementari. Basti solo pensare a quanti automobilisti non si preoccupano dei limiti di velocità, azzardano sorpassi in punti vietati e si autoconferiscono il diritto di precedenza solo perché hanno fretta di arrivare a destinazione. Una qualsiasi di queste situazioni può rappresentare un rischio.

Non solo: nel traffico circolano anche altri veicoli oltre alle auto, e una piccola disattenzione unitamente a una manovra troppo spinta possono dare luogo a un incidente in un attimo. Si pensi, ad esempio, a un motorino che effettua un sorpasso passando molto, troppo vicino a una macchina, colpendola all’altezza della fiancata. Ecco allora che un evento che in condizioni normali risulterebbe banale, può avere conseguenze ben peggiori se l’automobilista teneva il braccio fuori dal finestrino.

Ma i motivi che giustificano quanto sia inopportuno guidare con un braccio fuori dal finestrino riguardano anche il punto di vista più prettamente tecnico: questo gesto, infatti, implicherebbe che il volante venga stretto con una sola mano, il che rende molto più probabile una perdita di controllo del mezzo in seguito a una sbandata o a una buca, e risulta anche più difficile reagire rapidamente a un imprevisto. Specialmente se si sta viaggiando a velocità sostenuta, le possibilità che il volante scivoli via dalla presa si fanno più consistenti, portando così alla perdita della traiettoria. Inoltre, tenere il braccio fuori dal finestrino comporta che si usi l’altro per effettuare tutte le manovre necessarie alla guida, quindi al momento di cambiare marcia è necessario lasciare del tutto il volante per alcuni lunghi istanti, a meno che la propria vettura non abbia il cambio automatico. Oggi infatti sono molti i veicoli sui quali è disponibile questa funzione, come si può vedere su questa pagina dedicata alle offerte auto.

Infine, merita di essere considerato anche un ultimo campo sul quale ci possono essere delle ricadute, che riguarda l’ergonomia. Il nostro corpo è esso stesso assimilabile a una macchina, che funziona grazie a delle dinamiche e degli equilibri perfetti, che non devono essere spezzati da posture innaturali. Mantenere entrambe le mani sul volante permette di avere il pieno controllo di tutte le proprie reazioni e di eseguire dei movimenti perfetti. Al contrario, con solamente una mano a disposizione si finirebbe solo per effettuare delle manovre approssimative che in caso di emergenza diventerebbero scomposti tentativi di rimanere in carreggiata. Un ulteriore rischio che si corre in queste situazioni riguarda la possibile insorgenza di infortuni muscolari o tendinei prodotti da movimenti bruschi.

Guida sicura e guida sportiva: come si incastrano con il braccio fuori dal finestrino

Chi pensa che tenere il braccio fuori dal finestrino faccia parte dello stile di chi si definisce guidatore sportivo, cade in un grave errore: la guida, anche intesa come sport, come ogni disciplina è caratterizzata da standard tecnici e regole precisi, che nulla hanno a che fare con gli atteggiamenti di pura ostentazione cui fanno riferimento gesti che possono nascondere delle insidie capaci di compromettere la sicurezza. La guida sicura, dunque, deriva in modo stretto dalla guida sportiva, e per questo motivo non è per niente consigliabile adottare comportamenti come far penzolare il braccio dal finestrino aperto, che implica controllare il veicolo con una sola mano.

Altri rischi derivanti dal tenere il braccio fuori dal finestrino

Come spiegato in precedenza, tenere il braccio fuori dal finestrino può esporre in diversi modi il conducente a una maggiore probabilità di andare incontro a un incidente, ma i problemi che questo gesto apparentemente banale può causare si spingono anche oltre. Altre conseguenze, meno gravi, ma che non devono comunque essere sottovalutate, riguardano la possibile contrazione di dolori articolari, oltre all’insorgenza di altre patologie quali infiammazioni ai tendini e, in certi casi, una predisposizione all’artrosi.

Infine, non dimentichiamo che, sebbene non ci sia un divieto esplicito in materia, come abbiamo accennato all’inizio, il tema non è del tutto privo di una normativa. Infatti, gli articoli 140 e 141 del Codice della Strada prevedono la possibilità di applicare una sanzione amministrativa agli automobilisti distratti che guidano con superficialità e assumendo atteggiamenti e comportamenti inadeguati. Se si viene sottoposti a un controllo, può darsi che venga contestata la guida con un braccio solo, e di conseguenza potrebbe venire applicata una multa variabile tra i 41 e i 168 euro, giustificata dalla supposizione che non si stia controllando in modo sufficientemente sicuro il proprio veicolo.

Offerte confrontate

Confronta le offerte di auto in vendita su Facile.it e risparmia sulla tua auto prossima auto. Bastano 3 minuti!

Guide auto

pubblicato il 30 giugno 2022
Spie di allarme auto: quali sono e come riconoscerle

Spie di allarme auto: quali sono e come riconoscerle

In questo articolo parleremo delle spie di allarme presenti su un'automobile, comprendendone il significato una per una. In questo modo sarà possibile sapere quale comportamento adottare in ogni situazione.
pubblicato il 30 giugno 2022
Quando cambiare i dischi dei freni all'auto

Quando cambiare i dischi dei freni all'auto

In questo articolo andremo a parlare dei dischi dei freni installati ormai su ogni automobile, capendo quando è necessaria la loro sostituzione per garantire la nostra sicurezza.
pubblicato il 30 giugno 2022
Cos'è e come funziona la valvola termostatica auto

Cos'è e come funziona la valvola termostatica auto

La valvola termostatica dell'auto è un pezzo essenziale per far funzionare al meglio il motore di ogni vettura. Ecco cos'è e come funziona a lungo termine.
pubblicato il 30 giugno 2022
Tipologie di antifurto: come scegliere la più adatta in base alle proprie esigenze

Tipologie di antifurto: come scegliere la più adatta in base alle proprie esigenze

In questo articolo parleremo degli antifurto per auto, dei dispositivi che hanno subito una modernizzazione in seguito agli ultimi sviluppi tecnologici. Ne descriveremo diverse tipologie per capire quale sia la migliore.
pubblicato il 29 giugno 2022
Come togliere l'odore di fumo dall'auto: alcuni consigli utili

Come togliere l'odore di fumo dall'auto: alcuni consigli utili

Vediamo come fare per rimuovere dagli interni dell'auto quel fastidioso odore di fumo che tende a impregnarsi nei tessuti e sulle superfici in modo efficace e sicuro.
pubblicato il 29 giugno 2022
Costo della patente B: tutte le spese da considerare

Costo della patente B: tutte le spese da considerare

In questo articolo affronteremo il complesso tema dell'iter necessario al conseguimento della patente B. Vedremo nel dettaglio tutte le spese da sostenere e i numerosi elementi che possono influenzare il costo finale.
pubblicato il 29 giugno 2022
Gomme invernali: utilità, modelli e costi

Gomme invernali: utilità, modelli e costi

Le gomme invernali devo essere installate nel periodo invernale per assicurare la massima stabilità di guida al veicolo e la dovuta sicurezza ai passeggeri della vettura.
pubblicato il 29 giugno 2022
Come guidare in sicurezza grazie al grip control

Come guidare in sicurezza grazie al grip control

Il grip control è un sistema che consente di tenere sotto controllo l'aderenza di ogni vettura, a seconda del fondo stradale sul quale si sta circolando.

Ultime notizie auto

pubblicato il 6 dicembre 2022
Aumentano del 20% le vendite delle auto a batteria in Europa

Aumentano del 20% le vendite delle auto a batteria in Europa

Risultati positivi in Europa sulle vendite delle auto elettriche 100% a batteria, che fanno registrare un aumento del 20% rispetto all'anno precedente. Calano invece le vendite in Italia e Danimarca.
pubblicato il 30 novembre 2022
Allerta smog: preoccupa la qualità dell'aria nelle città italiane nel 2022

Allerta smog: preoccupa la qualità dell'aria nelle città italiane nel 2022

Situazione allarmante sulla qualità dell'aria nelle città italiane. Dal dossier "Mal'aria 2022 edizione autunnale" realizzato da Legambiente nell’ambito della campagna Clean Cities, 13 città italiane monitorate non rispettano i valori suggeriti dall'OMS.
pubblicato il 29 novembre 2022
Offerte auto: le promozioni sulle city car a Novembre 2022

Offerte auto: le promozioni sulle city car a Novembre 2022

Se sei alla ricerca di city car a prezzi vantaggiosi, vai su Facile.it e scopri tra la vasta scelta di offerte quali sono le city car più economiche in vendita a Novembre 2022.
pubblicato il 18 novembre 2022
Auto elettriche e costi ricarica: con le tariffe flat si risparmia

Auto elettriche e costi ricarica: con le tariffe flat si risparmia

C’è molta preoccupazione tra i possessori di auto elettriche e ibride plug-in per l’aumento delle bollette dell’energia che inevitabilmente ricade sui costi delle ricariche, col rischio di pagare cifre un tempo impensabili. Tuttavia l’elettrico è ancora ampiamente conveniente.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968