Serve assistenza?
011 04 00 408

Multe: come fare ricorso

facile-sharing-image
Le 3 cose da sapere:
  1. 1

    Le sanzioni al Codice della Strada possono essere sempre contestate

  2. 2

    La contestazione può essere inoltrata presso l’istituto o l’ente che l'ha emessa

  3. 3

    Il ricorso può essere effettuato anche davanti al Giudice di pace

Hai mai pensato al noleggio?
Hai mai pensato al noleggio?

Ricevere una multa non è mai un evento gradito, specialmente se si ritiene di aver subito un torto, oppure se la notifica non è stata realizzata secondo quanto previsto dalla normativa di legge. Le sanzioni al Codice della Strada possono essere sempre contestate, laddove ovviamente esista un errore procedurale, oppure qualora il pagamento della somma fosse ritenuto ingiusto. Vediamo come procedere per fare ricorso contro una multa.

Contestazione multe: come fare ricorso

Per fare ricorso contro una multa, ricevuta in seguito al rilevamento di un’infrazione al Codice della Strada, è possibile procedere in tre diversi modi rivolgendosi a:

  • Giudice di pace;
  • Prefetto;
  • ente di rilevamento.

La contestazione può essere inoltrata direttamente presso l’istituto o l’ente che ha notificato l’infrazione. In questo caso si tratta di un ricorso in regime di autotutela, una procedura percorribile qualora dovesse essere stato commesso un errore grossolano, oppure nel caso di multe palesemente illegittime. Le società possono cancellare la multa ad esempio per uno scambio di persona, per la consegna della sanzione al vecchio proprietario del veicolo, per un errore nel rilevamento della targa oppure in caso di secondo invio per la stessa infrazione.

Il ricorso può essere effettuato anche davanti al Giudice di pace, che può annullare o confermare sia le multe per le infrazioni al Codice della Strada che le sanzioni relative alle cartelle esattoriali.

La contestazione deve avvenire entro 30 giorni dal ricevimento della multa, presentando la domanda negli uffici territoriali oppure inviandola a mezzo raccomandata.

La documentazione richiesta riguarda il modulo della sanzione, con relative 4 copie dell’originale, una copia del proprio documento d’identità, una ricevuta di pagamento per il contributo unificato da 43€ e una marca da bollo da 27€, valori validi per le multe di importo inferiore a 1.100€. Dopo la sentenza del Giudice di pace è necessario regolarizzare la propria posizione entro 30 giorni, sia nel caso di una sentenza di rifiuto che di una riduzione della sanzione.

Infine è possibile fare ricorso contro una multa davanti al Prefetto, entro 60 giorni dalla data di notifica della sanzione. In questo caso non è previsto nessun pagamento, infatti la procedura è completamente gratuita. La contestazione deve essere scritta a mano oppure digitalmente e firmata, per poi essere consegnata di persona negli uffici territoriali della Prefettura oppure inviata a mezzo raccomandata.

All’interno è necessario inserire i propri dati personali, anagrafici e domiciliari, i riferimenti al verbale oggetto del ricorso e il motivo della contestazione, allegando ovviamente una copia del proprio documento d’identità. Il Prefetto può impiegare fino a 120 giorni per rispondere alla richiesta di annullamento, con una sentenza positiva, negativa oppure indicando una riduzione della sanzione pecuniaria. Nel caso si ricevesse un’ingiunzione di pagamento, è comunque possibile impugnare tale sentenza entro 30 giorni davanti a un Giudice di pace.

Quando è possibile contestare una multa

Per poter effettuare un ricorso e contestare una multa la sanzione deve risultare viziata, ovvero deve esistere un errore procedurale che consenta d’impugnare la notifica davanti all’autorità competente. Le situazioni più ricorrenti che permettono di contestare una multa sono:

  • errori nelle generalità;
  • dati incompleti per la data e l’ora;
  • errori o dati incompleti riguardo la targa e il veicolo;
  • verbale incompleto;
  • notifica successiva a 90 giorni;
  • doppia notifica per la stessa infrazione;
  • multa relativa al precedente proprietario;
  • errori nella rilevazione;
  • strumenti di verifica non a norma;
  • mancata identificazione dell’autorità competente.

Ovviamente i vizi di forma possono riguardare molti altri casi, tuttavia quelli appena riportati rappresentano la maggioranza delle situazioni che danno diritto a inoltrare un ricorso per un multa. Ciò è possibile ad esempio se nel verbale sono stati commessi errori in merito ai propri dati personali, a quelli del veicolo o al numero della targa.

Lo stesso vale per dati errati o incompleti relativi alla data e all’ora dell’infrazione, oppure per la mancanza di un verbale esaustivo circa il fatto colpito da sanzione pecuniaria.

È possibile procedere con la contestazione della multa anche in altri casi, quando non fosse identificata la persona che ha rilevato il mancato rispetto delle norme del Codice della Strada, qualora la multa fosse da recapitare al vecchio proprietario del veicolo, situazione provata dalla data presente sul passaggio di proprietà, oppure in seguito alla scoperta che gli strumenti di rilevazione non erano stati regolarmente revisionati.

Non è invece possibile fare ricorso, in nessun caso, per contestare la sola decurtazione dei punti dalla patente di guida. Inoltre, benché sia possibile procedere in tutte queste casistiche, se l’errore è marginale e non compromette l’identificazione del conducente e del veicolo, difficilmente si riuscirà a incontrare una sentenza di annullamento della multa, come avvenuto spesso per la mancanza del numero civico o di un errore nella scrittura del proprio cognome.

Errori da non commettere in caso di ricorso

Quando si riceve una multa non bisogna mai commettere alcuni errori, altrimenti anche una sanzione potenzialmente annullabile potrebbe essere confermata per una procedura di contestazione presentata nel modo sbagliato. Ad esempio per le piccole somme potrebbe essere più conveniente pagare entro i primi 5 giorni, ricevendo uno sconto fino al 30% sull’importo della multa, evitando di pagare i costi relativi al Giudice del pace.

Un altro errore consiste nell’effettuare la segnalazione sul guidatore per la decurtazione dei punti della patente, prima della sentenza del ricorso.

In caso di accettazione della contestazione sarà estremamente difficile richiedere anche il ripristino dei punti patenti, perciò è consigliabile attendere l’esito del ricorso.

Non bisogna neanche farsi tentare dalle false speranze, procedendo con la contestazione anche se risulta lampante il rifiuto. In questi casi è meglio evitare di sprecare tempo e soldi, pagando la multa e rassegnandosi alla sanzione. Infine bisogna controllare di non aver commesso errori nella presentazione del ricorso, altrimenti anche una procedura valida potrebbe essere rifiutata per un vizio di forma o per la mancanza di un documento necessario.

Hai mai pensato al noleggio?

Offerte confrontate

Confronta le offerte di auto in vendita su Facile.it e risparmia sulla tua auto prossima auto. Bastano 3 minuti!

Guide auto

pubblicato il 30 giugno 2022
Cos'è e come funziona la valvola termostatica auto

Cos'è e come funziona la valvola termostatica auto

La valvola termostatica dell'auto è un pezzo essenziale per far funzionare al meglio il motore di ogni vettura. Ecco cos'è e come funziona a lungo termine.
pubblicato il 30 giugno 2022
Quando cambiare i dischi dei freni all'auto

Quando cambiare i dischi dei freni all'auto

In questo articolo andremo a parlare dei dischi dei freni installati ormai su ogni automobile, capendo quando è necessaria la loro sostituzione per garantire la nostra sicurezza.
pubblicato il 30 giugno 2022
Tipologie di antifurto: come scegliere la più adatta in base alle proprie esigenze

Tipologie di antifurto: come scegliere la più adatta in base alle proprie esigenze

In questo articolo parleremo degli antifurto per auto, dei dispositivi che hanno subito una modernizzazione in seguito agli ultimi sviluppi tecnologici. Ne descriveremo diverse tipologie per capire quale sia la migliore.
pubblicato il 30 giugno 2022
Spie di allarme auto: quali sono e come riconoscerle

Spie di allarme auto: quali sono e come riconoscerle

In questo articolo parleremo delle spie di allarme presenti su un'automobile, comprendendone il significato una per una. In questo modo sarà possibile sapere quale comportamento adottare in ogni situazione.
pubblicato il 29 giugno 2022
Come togliere l'odore di fumo dall'auto: alcuni consigli utili

Come togliere l'odore di fumo dall'auto: alcuni consigli utili

Vediamo come fare per rimuovere dagli interni dell'auto quel fastidioso odore di fumo che tende a impregnarsi nei tessuti e sulle superfici in modo efficace e sicuro.
pubblicato il 29 giugno 2022
Costo della patente B: tutte le spese da considerare

Costo della patente B: tutte le spese da considerare

In questo articolo affronteremo il complesso tema dell'iter necessario al conseguimento della patente B. Vedremo nel dettaglio tutte le spese da sostenere e i numerosi elementi che possono influenzare il costo finale.
pubblicato il 29 giugno 2022
Come guidare in sicurezza grazie al grip control

Come guidare in sicurezza grazie al grip control

Il grip control è un sistema che consente di tenere sotto controllo l'aderenza di ogni vettura, a seconda del fondo stradale sul quale si sta circolando.
pubblicato il 29 giugno 2022
Gomme invernali: utilità, modelli e costi

Gomme invernali: utilità, modelli e costi

Le gomme invernali devo essere installate nel periodo invernale per assicurare la massima stabilità di guida al veicolo e la dovuta sicurezza ai passeggeri della vettura.

Ultime notizie auto

pubblicato il 6 dicembre 2022
Aumentano del 20% le vendite delle auto a batteria in Europa

Aumentano del 20% le vendite delle auto a batteria in Europa

Risultati positivi in Europa sulle vendite delle auto elettriche 100% a batteria, che fanno registrare un aumento del 20% rispetto all'anno precedente. Calano invece le vendite in Italia e Danimarca.
pubblicato il 30 novembre 2022
Allerta smog: preoccupa la qualità dell'aria nelle città italiane nel 2022

Allerta smog: preoccupa la qualità dell'aria nelle città italiane nel 2022

Situazione allarmante sulla qualità dell'aria nelle città italiane. Dal dossier "Mal'aria 2022 edizione autunnale" realizzato da Legambiente nell’ambito della campagna Clean Cities, 13 città italiane monitorate non rispettano i valori suggeriti dall'OMS.
pubblicato il 29 novembre 2022
Offerte auto: le promozioni sulle city car a Novembre 2022

Offerte auto: le promozioni sulle city car a Novembre 2022

Se sei alla ricerca di city car a prezzi vantaggiosi, vai su Facile.it e scopri tra la vasta scelta di offerte quali sono le city car più economiche in vendita a Novembre 2022.
pubblicato il 18 novembre 2022
Auto elettriche e costi ricarica: con le tariffe flat si risparmia

Auto elettriche e costi ricarica: con le tariffe flat si risparmia

C’è molta preoccupazione tra i possessori di auto elettriche e ibride plug-in per l’aumento delle bollette dell’energia che inevitabilmente ricade sui costi delle ricariche, col rischio di pagare cifre un tempo impensabili. Tuttavia l’elettrico è ancora ampiamente conveniente.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968