Serve assistenza?
02 55 55 5

Imu e Tari, arriva lo sconto con addebito su conto corrente

7 nov 2023 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

facile.it/images/parola esperto conti imu e tari sconto addebito conto corrente

Un fisco più amico, che tende la mano ai contribuenti. E soprattutto pagamenti più semplici, più veloci, più digitalizzati per eliminare tutti quegli ostacoli, quelle lungaggini e quei passaggi burocratici troppo farraginosi.

E’ questo lo scopo della nuova riforma fiscale la cui parola d’ordine è, appunto, semplificazione e che punta a rafforzare i canali telematici anche per il fisco locale.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

In quest’ottica si inserisce la novità che interessa la maggior parte di noi contribuenti e cioè quello sullo sconto su Imu e Tari a favore dei cittadini ‘virtuosi’ che pagano in modo puntuale e in tempi brevi addebitando i pagamenti su conto corrente.

Vediamo, allora, quali sono i punti principali di questa riforma fiscale che più interessano i cittadini, in particolare quelli che riguardano la prossima introduzione dello sconto su Imu e Tari.

L’addebito diretto di Imu e Tari sul conto corrente

L’articolo 30 della bozza del decreto legislativo di attuazione della riforma fiscale prevede che il contribuente che sceglie l’addebito diretto sul conto corrente bancario o postale (come già avviene, ad esempio, per le utenze domestiche), otterrà uno sconto del 5% dell’importo dovuto, fino a un massimo di mille euro.

Insomma, si sceglie di premiare chi opta per l’addebito diretto, vista l’immediatezza del pagamento.

L’obiettivo è chiaro: puntando ad incentivare il pagamento spontaneo dei cittadini, rendendolo anche più semplice attraverso la domiciliazione bancaria o gli strumenti di pagamento elettronici, si favorisce il corretto e puntuale pagamento dei tributi.

Molto spesso, infatti, tanti servizi locali, non vengono pagati in maniera puntuale. E questo accade non tanto per volontà di evadere, ma per dimenticanza o per la difficoltà di far fronte agli adempimenti stessi (perché ad esempio non si padroneggia l’home banking e bisogna, quindi, recarsi direttamente allo sportello bancario o postale).

Incentivare, quindi, i pagamenti spontanei potrebbe essere una soluzione ottimale insieme al pagamento semplificato come il Rid, appunto, o altri strumenti di pagamento elettronico.

La conferma si è avuta con le multe per violazione del codice della strada che prevedono uno sconto del 30% in caso di pagamento entro cinque giorni. Proprio lo sconto, infatti, ha portato molti automobilisti a pagare velocemente le sanzioni. Un’idea, dunque, vincente che potrebbe ottenere gli stessi risultati se applicata anche a Imu, Tari e altri tributi locali.

La delega va in questa direzione: premiare chi adempie tempestivamente al proprio dovere.

Ma che cos’è il Rid bancario?

Rid significa Rapporto interbancario diretto ed è una modalità di pagamento che permette di addebitare in maniera automatica sul proprio conto corrente una determinata somma da versare ad un creditore.

Generalmente, proprio per rendere più veloci e comode le operazioni, viene utilizzato per pagamenti ricorrenti piuttosto che per quelli singoli, come ad esempio nel caso di bollette, affitti, etc.

Ovviamente per autorizzare i pagamenti automatici con Rid bancario è necessario che il cliente dia espressamente, con una richiesta scritta firmata, la propria autorizzazione all’istituto di credito. In questo modo la banca scalerà la somma dovuta, nel giorno stabilito, in automatico, senza chiederne l’autorizzazione ogni volta. Insomma, un servizio molto comodo e veloce. È importante, però, accertarsi che vi sia sempre a disposizione sul proprio conto corrente la somma necessaria a coprire l’importo dovuto, per non rischiare di andare in rosso o di dover pagare la rata in ritardo con addebito di eventuali interessi di mora.

Il Rid bancario è generalmente gratuito, non prevede l’applicazione di imposte di bollo o l’emissione di ricevute a pagamento. E’ comunque sempre meglio verificare con la propria banca tutte le clausole contrattuali prima di attivarlo. Alcune banche, infatti, applicano una tariffa ( anche se minima) al servizio, mentre altre prevedono solo un certo numero di Rid gratuiti nel canone mensile del conto corrente.

Lo sconto non sarà automatico

Tornando alla riforma fiscale, anche se si attende ancora il testo ufficiale del decreto attuativo, bisogna sottolineare, in quanto già specificato nella bozza, che lo sconto Imu e Tari non sarà automatico. E questo perché dovranno essere i  singoli enti locali a poter disporre l’applicazione o meno della misura, mediante un apposito regolamento.

Toccherà ai Comuni, insomma, indicare gli importi per via telematica. A quel punto il contribuente sarà libero di scegliere. Ma solo se opterà per l’addebito diretto potrà ottenere lo sconto. Il meccanismo è dunque semplice. Sebbene sia ancora in fase di valutazione il nuovo sistema dei tributi locali sembrerebbe ormai certo, viste le intenzioni di andare sempre più verso la digitalizzazione e un maggior dialogo con il contribuente, con l’obiettivo finale della semplificazione.

Tra l’altro questa iniziativa punterebbe anche a ridurre i contenziosi legati a mancati riconoscimenti delle varie agevolazioni, proprio perché non sono state presentate comunicazioni diverse rispetto alla dichiarazione Imu ufficiale.

Non solo sconto su Imu e Tari

La bozza del decreto presenta un ampio ventaglio di norme che puntano alla logica della semplificazione nelle modalità di versamento dei tributi locali tra questi anche le compensazioni tra tributi locali diversi e le definizioni agevolate che potranno decidere con più autonomia i Comuni.

La bozza del decreto, all’articolo 3, infatti, prevede di dare il potere agli enti locali di introdurre autonome definizioni agevolate dei propri tributi, quindi di poter decidere autonomamente su eventuali sanatorie di cartelle e multe. In questo modo l’ente locale non dovrà per forza aspettare una norma nazionale per prevedere rottamazioni, saldi e stralci o altre metodologie per riscuotere parte dei debiti accumulati (o cancellarli del tutto quando non vale la pena riscuoterli).

Ovviamente i sindaci potranno agire, ma con dei limiti: “si dovranno verificare esigenza straordinarie – si legge nella bozza - per prevedere sanatorie a tempo limitato a livello locale, questo per non compromettere la normale attività di riscossione”.

Inoltre, in caso di sanatoria degli enti locali, non si potrà prevedere uno stralcio del debito senza il pagamento di un corrispettivo, come invece è avvenuto con la legge di bilancio 2023 che prevedeva lo stralcio automatico, senza alcuna richiesta da parte del contribuente, delle cartelle fino a mille euro, inclusi quelli derivanti da precedenti definizioni agevolate.

Per quanto riguarda le tasse automobilistiche è stato previsto di modificare il periodo tributario entro cui individuare i soggetti obbligati al pagamento. Mentre nessuna novità è stata prevista per gli importi delle tasse automobilistiche. E questo perché già da tempo alcune regioni, come ad esempio la Lombardia e la Campania, hanno deciso di applicare agevolazioni (con sconti dal 15 al 20%. ) per chi opta per la domiciliazione bancaria del tributo. L’ottica premiale è sempre la stessa che verrà applicata anche su Imu e Tari.

Autore
facile.it/publishers/giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 10 aprile 2024
Confronto di conti correnti a zero spese ad aprile 2024

Confronto di conti correnti a zero spese ad aprile 2024

Il conto corrente è uno strumento finanziario che posseggono quasi tutti gli italiani. Però la sua gestione ha un costo, che cambia a seconda del tipo di conto che sottoscriviamo: tradizionale oppure online, il più economico. Ecco quali sono i tre conti a costo zero più convenienti di questo mese.
pubblicato il 4 aprile 2024
Le pensioni INPS aprile 2024: importi più alti grazie alla riforma Irpef

Le pensioni INPS aprile 2024: importi più alti grazie alla riforma Irpef

Le pensioni da aprile 2024 avranno importi più alti, grazie alla riforma dell’Irpef: dall'inizio dell’anno è stata abolita l’aliquota al 25% ed è stata estesa fino a 28.000 euro lordi l’anno quella al 23%. Coinvolti 25.000.000 cittadini. Nessun vantaggio per chi è sotto i 14.000 euro e sopra i 50.000.
pubblicato il 5 aprile 2024
Quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024

Quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024

Desideri aprire un nuovo conto corrente, ma non sai quale scegliere? Ecco quale conto corrente conviene aprire ad aprile 2024.
pubblicato il 2 aprile 2024
Fisco: dopo 5 anni, stralcio automatico delle cartelle non riscosse

Fisco: dopo 5 anni, stralcio automatico delle cartelle non riscosse

Dopo 5 anni dalla richiesta di riscossione, le cartelle esattoriali saranno stralciate. Lo stralcio automatico è tra le scelte fatte dal Governo, che ha rimesso mano al sistema della riscossione. Obiettivo: renderlo più "veloce ed efficiente".

Guide ai conti

pubblicato il 22 maggio 2023
Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come fare soldi: metodi per guadagnare denaro extra dai tuoi risparmi

Come guadagnare più denaro? Come risparmiare più soldi? Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è posto questa domanda. Ecco nove metodi extra per guadagnare e risparmiare.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 11 aprile 2018
Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Separazione e conto corrente cointestato: cosa fare

Non è raro che i coniugi scelgano di cointestare il proprio conto corrente. Ma cosa succede al conto corrente cointestato nella separazione e come deve essere diviso il denaro in esso depositato? Ecco una guida per scoprire tutto quello che c'è da sapere sul conto corrente cointestato.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 3 gennaio 2019
Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente: come fare

Chiudere il conto corrente è semplice, basta sapere come muoversi. In questa guida puoi trovare le procedure da seguire, le spese eventuali da sostenere e le tempistiche solitamente previste.
pubblicato il 4 luglio 2018
Conto corrente e conto deposito a confronto

Conto corrente e conto deposito a confronto

Spesso si rischia di fare confusione tra conto corrente e conto deposito, ma è bene ricordare che si tratta di due prodotti diversi. Consulta la guida per scoprire caratteristiche e differenze.
pubblicato il 17 agosto 2019
Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank: come gestire conto e carte online

Inbank è un servizio via web che ti offre la possibilità di gestire i vari conti e servizi bancari autonomamente. Leggi subito la guida su Facile.it per trovare tutte le informazioni utili e per capire se la tua Banca ha aderito all'inziativa.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968