Serve assistenza?
02 55 55 5

Controlli dell’Agenzia delle Entrate sui conti correnti: cos'è l’anonimometro e chi rischia di più

3 ott 2023 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

parola_esperto_conti_anonimometro_conti_correnti

Tempi difficili per gli evasori fiscali. Nei giorni in cui quasi 4 milioni di italiani hanno ricevuto le comunicazioni delle somme dovute a chi ha aderito alla Rottamazione-quater delle cartelle ecco che parte la Superanagrafe dei conti correnti messa a punto dall’Agenzia delle Entrate per scovare i ‘furbetti’ del fisco.

Vediamo come funziona questo nuovo algoritmo, che è stato soprannominato anonimometro, e chi rischia di più.

Conti Correnti: trova il più vantaggioso
Conti Correnti: trova il più vantaggioso

Cos’è l’anonimometro

Non si tratta di uno strumento nuovo, anzi, risale addirittura al 2011 quando era stato previsto dal decreto Salva Italia del governo Monti per mettere a punto controlli incrociati sui contribuenti tramite i loro rapporti con le banche. Era stato, poi, inserito nella Legge di Bilancio 2020, ma era rimasto in stand by per questioni legate alla privacy. L’anonimometro è stato ora messo a punto dall’Agenzia di Ernesto Maria Ruffini e si tratta di una vera  anagrafe dei conti correnti, una enorme banca dati contenente tutti i rapporti tra istituti di credito e clienti e tra le banche stesse. Le prime verifiche riguarderanno il 2017 e saranno anonime. Ecco perché questo strumento è stato ribattezzato proprio con questo nome molto particolare.

Come funziona?

Nello specifico l’Agenzia delle Entrate ha sviluppato, come detto, un vero e proprio algoritmo che consente di utilizzare e incrociare miliardi di dati personali dei contribuenti ma in modo, appunto, anonimo.

Come fa? Nel momento in cui vengono usate le informazioni dell’archivio queste vengono pseudonimizzati cioè sostituite con “codici fittizi” che, nel corso del trattamento dei dati fiscali non potranno mai essere associati a una determinata persona, se non dopo che si sia accertato un rischio fiscale. Quindi tutti i dati sensibili, come nome, cognome e codice fiscale, sono sostituiti da questi codici fittizi e nessun dato trattato può essere attribuito a un singolo cittadino senza ulteriori informazioni che, però, sono conservate separatamente.  La sicurezza della protezione dei dati personali è, insomma, garantita. Questo per chi è in regola. Alle autorità competenti finiranno, invece, tutte le informazioni che serviranno per effettuare controlli fiscali più approfonditi quando emerge il rischio di evasione fiscale, e scovare, così, gli evasori. Il processo, inoltre, spiega la stessa Agenzia “non è completamente automatizzato e la fase decisionale garantisce sempre l’intervento umano”.

A questo meccanismo il Garante della privacy ha già dato parere favorevole.

Come vengono controllati i conti correnti

Sotto la lente del fisco finiranno non solo i prelievi e i versamenti sui conti correnti, ma anche il “numero di accessi alle cassette di sicurezza, la frequenza dell’apertura e o della chiusura di rapporti, l’elevata numerosità di conti correnti e altre tipologie di rapporti finanziari”, spiega l’Agenzia delle Entrate che chiarisce che “le incongruenze oggettive e concrete che connotano la posizione fiscale di un contribuente, emerse nell’ambito delle analisi svolte, saranno oggetto di successivi approfondimenti a cura delle strutture locali preposte ai controlli, le quali garantiranno in ogni caso il pieno rispetto del principio del contraddittorio”.

In particolare, saranno venti le categorie di imprese che dovranno comunicarle periodicamente le operazioni effettuate dai contribuenti. Tra queste: Poste Italiane Spa; le banche; i fondi di investimento e tutti gli organismi di investimento collettivo; le società di gestione del risparmio; le fiduciarie; gli enti di assicurazione finanziaria; le imprese di investimento e consorzi o cooperative incentrate sulla garanzia dei fidi.

Il conto corrente

Sappiamo bene che il conto corrente bancario, è uno strumento utilizzato ormai quotidianamente per compiere qualsiasi tipo di transazione, dalle più semplici, come il pagamento con carta di debito per fare shopping a quelle più complesse come, ad esempio, l'acquisto di azioni in borsa.

Ecco che, dunque, il conto corrente diventa uno strumento di fondamentale importante per l'Agenzia delle Entrate. Su di esso, infatti, transitano sia le operazioni quotidiane che le entrate derivanti da reddito di lavoro dipendente, autonomo ma anche il frutto di investimenti mobiliari, immobiliari o societari.

Dunque, partendo da questi dati di base e confrontandoli con quanto dichiarato al Fisco sarà semplice rilevare, se dovessero emergere delle incongruenze, eventuali evasioni fiscali.

Le dieci fasi

Nello specifico, il processo di analisi messo a punto dall’Agenzia delle Entrate prevede dieci fasi che vanno dall’individuazione della platea di riferimento alla definizione del criterio di rischio e scelta del modello di analisi all’identificazione dei soggetti passando per la predisposizione delle liste selettive, ha spiegato l’Agenzia delle Entrate nella sua “Informativa sulla logica sottostante i modelli di analisi del rischio basati sui dati dell’archivio dei rapporti finanziari”.

Il processo di incrocio dei dati può avvenire in due modi. A spiegarlo è la stessa Agenzia sottolineando che si può o partire dai dati finanziari e dei conti correnti per poi confrontarli con quelli delle banche dati del Fisco o, al contrario, si può partire da una platea di titolari di partita Iva “che operano in uno specifico settore economico e dichiarano ricavi o compensi inverosimili per la categoria di appartenenza” e poi verificare i movimenti sui conti correnti. “La variabile predittiva sarà associata esclusivamente ai soggetti per i quali è già stato deterministicamente individuato un rischio fiscale e non vincolerà in alcun modo il personale addetto alle strutture di controllo”, spiegano dall’Agenzia delle entrate.

L’analisi del rischio fiscale, spiega l’informativa sulla logica degli algoritmi, consente di privilegiare la prevenzione rispetto alla repressione, “circoscrivendo i controlli nei confronti di soggetti” a più elevata pericolosità tributaria e “con minore impatto su cittadini e imprese anche in termini di oneri amministrativi”.

Quali le possibili sanzioni

A seconda delle "evasioni" scoperte i ‘furbetti’ fiscali rischiano sanzioni più o meno pesanti, pecuniarie ma anche penali.

Si va dall’omessa dichiarazione di imposta diretta per cui la sanzione parte da un minimo di 258 euro ed è calcolata dal 120 al 240% delle imposte non dichiarate, passando per la dichiarazione infedele che è invece sanzionata col versamento dal 100 al 200% della massima imposta non pagata, fino ad arrivare al vero e proprio reato fiscale quando viene scoperta una dichiarazione fraudolenta o la falsificazione delle dichiarazioni dei redditi o dell'Iva.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Conti

pubblicato il 18 luglio 2024
I conti correnti Banca Widiba a luglio 2024

I conti correnti Banca Widiba a luglio 2024

Scopri i conti correnti Widiba su Facile.it e inizia a risparmiare! Con Widiba gestisci tutto online e accedi a diversi vantaggi, tra cui bonifici e carte gratuite, agevolazioni sui bonifici, remunerazione al 4% e molto altro! Facile.it ti presenta l’offerta Widiba a luglio 2024.

Guide ai conti

pubblicato il 15 giugno 2024
Conto Deposito: cos’è e come funziona

Conto Deposito: cos’è e come funziona

Il conto deposito è uno strumento di investimento, che si appoggia a un conto corrente tradizionale e che ti consente di ottenere, sulle somme depositate in Banca e una rendita elevata. Leggi tutto quello che devi sapere.
pubblicato il 17 maggio 2024
Certificati di deposito: cosa sono e come funzionano

Certificati di deposito: cosa sono e come funzionano

I certificati di deposito sono strumenti finanziari che offrono agli investitori la possibilità di depositare una somma di denaro presso una banca per un periodo di tempo prestabilito. Questi strumenti sono considerati sicuri e garantiscono rendimenti stabili.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

Calcolo ISEE: Come farlo e quando serve

L'ISEE è un calcolo importante da fare per accedere a determinate agevolazioni statali. Per farlo, è possibile recarsi ad un CAF dove gratuitamente si occuperanno di prepararlo.
pubblicato il 13 settembre 2021
Differenze tra reddito e ISEE

Differenze tra reddito e ISEE

Qual è la differenza tra ISEE e la Dichiarazione dei Redditi? Per accedere a bonus e agevolazioni fiscali di ogni tipo, si tratta di informazioni fondamentali.
pubblicato il 25 marzo 2021
Salvadanaio online: cos'è

Salvadanaio online: cos'è

Il salvadanaio online è un modo per accantonare piccole somme di denaro in vista di una spesa futura o di un obiettivo da raggiungere. Ecco dunque cos’è e come funziona il salvadanaio digitale.
pubblicato il 26 febbraio 2020
Guida completa su come cambiare il conto corrente

Guida completa su come cambiare il conto corrente

Passare da un conto corrente ad un altro non è una scelta da prendere con leggerezza, ma bisogna sapere come muoversi e come fare per evitare penali per clausole che avevamo dimenticato...
pubblicato il 8 febbraio 2020
Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

Conto corrente e accredito della pensione: come funziona

La richiesta di accredito della pensione su conto corrente può essere fatta al momento della presentazione presso l’INPS della stessa domanda, ma anche in un successivo momento grazie all’ausilio di uno specifico modulo da compilare. Ecco una guida per sapere tutto sull'accredito della pensione.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968