Reddito di libertà: 400 euro al mese per le donne vittime di violenza

Reddito di libertà: 400 euro al mese per le donne vittime di violenza

Tutte le donne vittime di violenza - con figli e senza figli, residenti in Italia - potranno contare su un sussidio che durerà, al massimo, 12 mesi: è il "reddito di libertà". Tramite l'Inps, offre alle donne in difficoltà, seguite dai centri antiviolenza, fino a 400 euro mensili.

Su Facile.it, leader nel comparazione dei conti online, approfondiamo i dettagli della nuova misura adottata dal Governo.

Le norme su cui si basa

Il relativo Fondo - istituito dall’articolo 105-bis del decreto-legge n. 34/2020, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 77/2020 - è stato incrementato con 3 milioni di euro del Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità.

La circolare dell'Inps

Le informazioni più recenti sono state fornite dalla circolare Inps n. 166 dell'8 Novembre 2021. Il fondo sarà distribuito alle donne seguite dai centri riconosciuti dalle Regioni, con la prospettiva di creare le condizioni per l'indipendenza economica.

Chi può ottenerlo

Può usufruire del fondo chi è cittadina italiana e dell'UE e chi ha un permesso di soggiorno. Alle italiane sono equiparate le straniere con lo status di rifugiate politiche o quello di protezione sussidiaria. All'articolo 5 della circolare INPS si legge che "il reddito di libertà è finalizzato a sostenere prioritariamente le spese per assicurare l’autonomia abitativa e la riacquisizione dell’autonomia personale, nonché il percorso scolastico e formativo dei figli/delle figlie minori".

Compatibile con altri sussidi

Inoltre, il sussidio non viene tassato e "non è incompatibile con altri strumenti di sostegno al reddito, come il reddito di cittadinanza, e con la fruizione di eventuali altre misure in denaro a favore dei figli a carico, erogate dalle Regioni, Province autonome di Trento e di Bolzano e dagli Enti locali, o di altri sussidi economici a sostegno del reddito (Rem, NASpI, ecc.)".

Le modalità di verifica

Le modalità di calcolo dell’importo versato e la durata del trattamento - che variano a seconda dei singoli casi - non sono ancora state chiarite. Probabilmente spetterà all’Inps verificare la situazione personale di chi presenta la domanda.

Dove e quando fare domanda

La domanda - corredata di recapito telefonico e/o email - deve esser presentata dalla donna interessata entro il 31 Dicembre 2021 (anche per mezzo di un delegato) al Comune di residenza, che la invierà per mezzo del portale dell’Inps. Occorre fornire un Iban valido per l’accredito. L'Inps, una volta valutati i requisiti, comunica il risultato al Comune; questo avverte la persona che ha fatto domanda tramite email, telefonata o sms.

Offerte Conti Correnti online

Banca:Banca Widiba
Prodotto:Conto Start Widiba
  • Carta di credito
  • Carta di debito
  • Internet banking
Costo annuo Gratuito Canone Zero fino a 12 Mesi
Banca:buddybank, powered by UniCredit
Prodotto:Conto corrente buddybank
  • Carta di credito
  • Carta di debito
  • Mobile banking
Costo annuo Gratuito
Banca:UniCredit
Prodotto:Conto My Genius
  • Carta di debito
  • Internet banking
Costo annuo Gratuito
*Le tabelle riportano a titolo esemplificativo la struttura del sito. Per tutte le offerte poste in comparazione clicca sul tasto vai e ottieni tutte le informazioni necessarie per valutare la proposta adatta alle tue esigenze Migliori conti correnti apertura online

Conti Correnti: trova il più vantaggioso Confronto CONTI
pubblicato da il 22 novembre 2021

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Ultime notizie Conti

News Conti

Guide ai conti

Guide Conti

Banche

Scopri i dettagli, i prodotti e la storia delle banche partner di Facile.it.

Banche e finanziarie

Che fai lì fuori?

Accedi e confronta le offerte ancora più velocemente: risparmia tempo e denaro!

Accedi

oppure