02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Conto corrente di corrispondenza, di cosa si tratta?

pubblicato da il 18 dicembre 2017
Conto corrente di corrispondenza, di cosa si tratta?

I conti correnti bancari si differenziano sotto diversi aspetti, principalmente in base alle funzionalità accessibili, ai costi associati, all’operatività concessa a debito o a credito. Ma esiste una macro divisione tra i conti correnti ordinari e una forma di conto corrente particolare, generalmente non diffusa tra i privati, rappresentata dal conto corrente di corrispondenza. Vediamo quali sono le sue caratteristiche.

Un conto corrente di corrispondenza funziona in base a un contratto bancario che prevede che l’istituto di credito possa compiere, dietro esplicito mandato del cliente, operazioni di cassa per conto dello stesso. La banca può quindi, per decisione del cliente, occuparsi di effettuare e ricevere pagamenti, emettere assegni, saldare imposte, bollette, regolare gli stipendi dei dipendenti in caso si tratti, ad esempio, di un conto corrente aziendale. Dal punto di vista giuridico questa tipologia di contratto rientra tra gli atipici a contenuto misto. La banca ha l’autorizzazione da parte del cliente di effettuare regolarmente le operazioni richieste, e il cliente correntista conserva, in tutto questo, il diritto di disporre liberamente e in qualsiasi momento dell’importo a credito disponibile sul suo conto.

Il conto corrente di corrispondenza può essere alimentato, come avviene anche per i conti correnti ordinari, sia attraverso versamenti di contante che attraverso bonifici, assegni, giroconti, oppure con la vendita di titoli o altre tipologie di investimento. Il cliente titolare può poi utilizzarlo liberamente e in modo autonomo per operazioni al di fuori di quelle per cui la banca ha il mandato, come ad esempio prelievi agli sportelli automatici e pagamenti con carta di credito e debito, domiciliazioni, rate di finanziamenti.

Si comprende quindi, in sintesi, come il conto corrente di corrispondenza sia un conto corrente potenziato, che oltre alle funzionalità ordinarie prevede un mandato alla banca per operazioni di cassa particolarmente numerose e di routine necessarie ad esempio a chi gestisce un’azienda o una piccola impresa e dovrebbe in alternativa occuparsi personalmente di autorizzarle di volta in volta. Per i privati questa funzionalità aggiuntiva risulta superflua, perché per risparmiare tempo per le operazioni abituali può essere sufficiente avere un buon servizio di Internet Banking oppure un conto corrente on line. In entrambi i casi sarebbe possibile autorizzare in pochi minuti, senza recarsi in filiale, pagamenti, bonifici, giroconti, e ottenere domiciliazioni delle fatture e altri servizi automatici come l’addebito diretto delle rate di un finanziamento.

Migliori Conti Correnti del mese

  • Banca:Hello Bank!
    Prodotto:HELLO! MONEY
    • Bancomat
    • Trading
    • Carta di credito
    • Internet banking
    • Richiesta fido
    • Apertura on line
  • Costo annuo Zero spese
  • Vai
  • Banca:Widiba
    Prodotto:Conto Widiba
    • Bancomat
    • Trading
    • Carta di credito
    • Internet banking
    • Apertura on line
  • Costo annuo Zero spese
  • Vai
  • Banca:CheBanca!
    Prodotto:Conto Corrente Digital
    • Carta di credito
    • Internet banking
    • Apertura in filiale
    • Bancomat
    • Apertura on line
  • Costo annuo Zero spese
  • Vai
*Le tabelle riportano a titolo esemplificativo la struttura del sito. Per tutte le offerte poste in comparazione clicca sul tasto vai e ottieni tutte le informazioni necessarie per valutare la proposta adatta alle tue esigenze Scegli il miglior conto corrente

Conti Correnti: trova il più vantaggioso Confronto CONTI »

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Banche

Scopri i dettagli, i prodotti e la storia delle banche partner di Facile.it.

Banche e finanziarie

Guide ai conti

Guide Conti