Serve assistenza?
02 55 55 5

Il crollo fragoroso di Terra e Luna: cos'è successo

23 mag 2022 | 4 min di lettura | Pubblicato da Salvatore B.

trading news cosa e successo a terra e luna

Negli ultimi giorni, gli appassionati di trading di criptovalute hanno fatto i conti con il forte scossone che ha procurato al mercato il precipitoso calo della stablecoin TerraUSD (UST) e della sua valuta sorella Terra Luna. Anche altri token e lo stesso Bitcoin hanno perso terreno.

Confronta e scopri quali sono le migliori piattaforme di trading su Facile.it!

Trova la migliore piattaforma per te
Trova la migliore piattaforma per te

Alcuni commentatori hanno paragonato questa situazione al crollo finanziario che hanno affrontato le borse nel 2008 a seguito del fallimento della banca di investimento Lehman Brothers.

Gli investitori in criptovalute, un tempo aggressivamente rialzisti, sono in preda al panico. Alcuni social network hanno addirittura iniziato a offrire supporto ai possessori di criptovalute che discutono di suicidio nelle loro piattaforme.

Terra Luna, che un tempo era tra le prime criptovalute al mondo, ha iniziato a vacillare all'inizio di Maggio 2022, con molti investitori che hanno venduto le loro monete per limitare le proprie perdite. Il crollo ha innescato una spirale ribassista simile ad una corsa agli sportelli bancari, rendendo la criptovaluta priva di valore.

TerraUSD è una stablecoin legata al Dollaro

Una stablecoin è una criptovaluta progettata per essere agganciata a un altro asset, come le monete fiat. Queste divise digitali possono subire oscillazioni improvvise e repentine nel corso di una singola giornata di negoziazioni.

Le stablecoin fungono da collegamento con il sistema finanziario tradizionale, agendo come una valuta con un valore maggiormente riscontrabile.

TerraUSD usa complessi algoritmi per mantenere l'ancoraggio al Dollaro

TerraUSD cerca di mantenere lo stesso valore del dollaro USA utilizzando un complesso meccanismo di oscillazione con una criptovaluta correlata, Terra Luna (o semplicemente Luna). Mentre 1 TerraUSD dovrebbe sempre valere esattamente 1 Dollaro, il valore di Luna può fluttuare.

In sostanza, TerraUSD usa Luna come contrappeso per mantenere l'ancoraggio al dollaro. Si brucia, o si distrugge, TerraUSD per coniare, o creare, Luna, e viceversa. Bruciando un TerraUSD si ottiene sempre un dollaro di Luna, e bruciando un dollaro di Luna si ottiene sempre un TerraUSD.

Se il valore di TerraUSD diminuisse leggermente per arrivare a 0,99 dollari

Poiché è sempre possibile scambiare 1 TerraUSD per 1 Dollaro di Luna, gli investitori coglieranno immediatamente l'occasione di acquistare qualcosa che vale 1 dollaro per 99 centesimi, ottenendo un piccolo profitto di 1 centesimo. Quindi bruciano i loro TerraUSD per coniare Luna e ottenere un margine.

L'offerta di TerraUSD di conseguenza si riduce e il suo prezzo aumenta fino a raggiungere il valore di 1 dollaro.

Se invece il prezzo di 1 TerraUSD sale a 1,01 Dollari, i detentori di Luna bruceranno le loro monete per ottenere TerraUSD ed il relativo margine di un centesimo.

L'offerta di TerraUSD aumenta e il suo prezzo scende fino a raggiungere 1 dollaro

Il sistema è andato in crisi il giorno 8 Maggio, quando sono stati estratti 2 miliardi di Dollari in UST in una volta sola e ne sono stati venduti centinaia di milioni. Gli UST sono scesi a 98 centesimi e il meccanismo di scambio degli UST con Luna non è riuscito a tenere il passo.

Questo ha fatto sì che gli investitori perdessero fiducia nel sistema e che sia UST che Luna crollassero.

Attualmente UST è scambiato a 12 centesimi, poco più di un decimo del valore previsto, e Luna a circa un 50esimo di centesimo.

Oltre 15 miliardi di Dollari in criptovalute sono stati spazzati via dal crollo.

Do Kwon, il CEO di Terraform Labs, ha proposto il 16 Maggio, Lunedì, la creazione di una nuova blockchain modellata su quella precedente, con alcune modifiche fondamentali. La nuova blockchain verrebbe infatti creata insieme a un miliardo di token luna, che verrebbero distribuiti tra gli attuali possessori delle valute sorelle, oltre a finanziare lo sviluppo di nuove app Terra. Questo cambiamento si chiama biforcazione o fork.

La creazione di un miliardo di Luna sarebbe un reset per questa criptovaluta che sta lottando contro l'iperinflazione: attualmente sono in circolazione oltre 6,5 miliardi di token luna, rispetto ai 343 milioni della settimana precedente al crollo.

L'inflazione è causata dal fatto che i proprietari hanno scambiato miliardi di UST con Luna, in modo che potessero essere venduti in Ether o scambiati con una stablecoin effettivamente stabile, causando un eccesso di nuove coniazioni.

Kwon ha proposto di rimuovere UST, in precedenza il principale punto di forza della blockchain, dall'ecosistema di Terra

Forse in questo modo ha ammesso il problema fondamentale di legare Luna a UST: "L'ecosistema di app di Terra contiene centinaia di sviluppatori che lavorano su tutto, dalla DeFi ai mercati del lavoro fungibili, alle infrastrutture all'avanguardia e all'esperienza della comunità", ha detto, proponendo di preservarlo a spese di terraUSD.

Una mossa del genere ha un precedente

Il fork più famoso nella storia delle criptovalute è avvenuto su Ethereum nel 2016. Dopo che un hacker aveva rubato 3,6 milioni di ether da una DAO - che all'epoca valeva 50 milioni di dollari, oggi vale quasi 8 miliardi - gli sviluppatori di ethereum hanno effettuato una biforcazione della blockchain, creando una nuova catena identica in tutto, tranne che per il ripristino del milione di ether rubato.

Ciò ha causato una spaccatura all'interno della comunità. Alcuni investitori hanno infatti mantenuto la catena originale fino ad oggi, chiamandola Ethereum Classic.

Il piano di Kwon si ispira al fork di Ethereum e la proposta vedrà l'attuale blockchain della cripto crollata rinominata in Terra Classic, mentre la nuova catena si chiamerà semplicemente Terra.

Offerte confrontate

Inizia a cimentarti nel trading e confronta in pochi secondi le migliori piattaforme per investire.

Trading online

Confronta le migliori piattaforme

Piattaforme trading

Ultime notizie Trading

pubblicato il 15 febbraio 2024
ETF sì o no? Le ultime notizie dal mondo delle criptovalute

ETF sì o no? Le ultime notizie dal mondo delle criptovalute

Investire in ETF può essere una mossa vincente? Scopriamo le ultime notizie sul mondo del trading.
pubblicato il 29 gennaio 2024
Gli investimenti in criptovalute degli italiani

Gli investimenti in criptovalute degli italiani

Autorevoli agenzie di stampa hanno diffuso i risultati di sondaggi dell'Osservatorio Blockchain and Web3 della School of Management del Politecnico di Milano secondo i quali quasi quattro milioni di italiani hanno dichiarato di effettuare trading di bitcoin e di possedere criptovalute.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Le previsioni su criptovalute e Bitcoin per il 2024

Le previsioni su criptovalute e Bitcoin per il 2024

Nel 2024, gli appassionati di trading di criptovalute potrebbero usufruire di ETF che replicano il tasso di cambio tra Dollaro USA e Bitcoin. I giganti USA dell’Asset Management potrebbero infatti seguire l’esempio di BlackRock che ha fatto da apripista per l’emissione di questi prodotti.
pubblicato il 24 ottobre 2023
Il “crollo” del mercato NFT: cosa sta succedendo?

Il “crollo” del mercato NFT: cosa sta succedendo?

Si può dire che il mercato degli NFT sia arrivato alla fine? Leggi le ultime notizie sul mondo del trading su Facile.it.
© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968