02 55 55 999 Lun-Sab 9.00-21.00

Come configurare il modem: guida all'installazione

Come configurare il modem: guida all'installazione
Le 3 cose da sapere:
  • Puoi installare il modem in autonomia grazie all'apposita procedura guidata
  • Per la configurazione sono necessarie alcune operazioni preliminari standard
  • A seconda dell'operatore telefonico vengono richiesti specifici parametri di connessione

Chi acquista un nuovo modem spesso resta sorpreso da come quest’ultimo sia in grado di configurarsi autonomamente per navigare in internet sfruttando le connessioni di rete più diffuse. I modem presenti oggi sul mercato sono dotati di un’apposita procedura guidata oppure di una funzione specifica per la configurazione della connessione web utile per completare il processo di installazione in autonomia. In questo modo anche l’utenza meno esperta avrà modo di accedere a internet senza incontrare particolari problemi.

La facilità con cui è possibile configurare un modem è inoltre un incentivo in più per acquistarne uno nuovo che vada a sostituire il precedente oppure quello fornito inizialmente dal proprio operatore telefonico. Tuttavia, in alcuni casi, la configurazione automatica può non andare a buon fine, motivo per cui risulterà impossibile navigare su internet a causa di parametri d’impostazione diversi. Qualora si verifichi questa eventualità sarà necessario configurare il modem manualmente per avere accesso alla rete.

Con questa guida vedremo innanzitutto che cos’è un modem e in che modo procedere per effettuare la configurazione con tutti i principali operatori.

Che cos’è un modem

Innanzitutto vediamo di cosa stiamo parlando quando ci riferiamo al modem, così da comprendere meglio il discorso.

Il modem non è altro che un dispositivo di ricetrasmissione dotato di funzionalità logiche di modulazione e demodulazione per quanto riguarda le trasmissioni analogiche e quelle digitali. Proprio per questo motivo il dispositivo è denominato modem (MOdulazione e DEModulazione dei segnali contenenti informazioni).

Il lavoro che l’apparecchio svolge è dunque quello di ricodifica delle sequenze in bit convertendole in segnali elettrici. Dunque, il modem è un dispositivo di collegamento telefonico che modula i segnali digitali in impulsi analogici, e nel suo secondo compito, demodula quelli analogici rendendoli nuovamente digitali.

Operazioni preliminari all’installazione

Configurare un modem vuol dire attivare la connessione internet attraverso l’operatore telefonico con il quale si ha sottoscritto un abbonamento. Questo è possibile con moltissime compagnie telefoniche, tra le quali si trovano: Vodafone, Tim, Wind, Fastweb e molte altre. La differenza rispetto al passato è che ad oggi è sempre possibile sostituire il proprio modem, utilizzandone uno più performante rispetto a quello fornito dall’operatore.

Tuttavia, prima di avviare la procedura di configurazione, saranno necessarie alcune operazioni preliminari tra cui:

  • Controllare che il modem si effettivamente collegato alla rete elettrica e telefonica, verificando che i relativi cablaggi siano allacciati in modo corretto;
  • connettere un PC al dispositivo attraverso un cavo Ethernet RJ11 prestando attenzione alle luci LED presenti sullo stesso modem;
  • attendere 5 minuti per permettere l’avvio dell’apparecchio;
  • aprire il browser web per accedere al pannello di configurazione del dispositivo, digitando nella barra degli indirizzi 192.168.1.1, oppure 192.168.0.1, o ancora utilizzando indirizzi di accesso differenti.

Giunti a questo punto, in base allo specifico modello del modem scelto, verrà richiesta l’impostazione di una nuova password o, alternativamente, di accedere al dispositivo utilizzando un username e una password riportati nel libretto d'istruzioni oppure sull’adesivo posto dietro o sotto al modem stesso.

Una volta fatto ciò, accedendo all’apposito pannello di configurazione, sarà necessario cercare la funzione utile ad avviare la configurazione guidata dell’apparecchio. In questo modo sarà sufficiente indicare l’operatore telefonico con il quale è stato sottoscritto l’abbonamento riguardante la rete internet e, giunti alle schermate finali, indicare di voler utilizzare i parametri predefiniti.

Vediamo dunque come inserire manualmente i parametri di connessione nel caso in cui la configurazione guidata non abbia funzionato per gli operatori maggiormente diffusi. Prima di procedere è bene sottolineare che sarà sempre necessario accedere al pannello relativo alla configurazione del modem, come spiegato precedentemente, e selezionare la schermata che dà modo di impostare manualmente i sopracitati parametri di connessione.

Come configurare modem Fastweb

Le reti Fastweb sono leggermente diverse da quelle che vedremo successivamente, infatti presentano parametri di connessione differenti. Quindi, una volta effettuato l’accesso all’apposita finestra di configurazione si dovranno utilizzare i seguenti parametri:

  • Virtual Path Identifier (VPI): 8.
  • Virtual Channel Identifier (VCI): 36.
  • Tipo di connessione: IP dinamico o Dynamic IP.
  • Modalità di incapsulamento (Encapsulation Mode): LLC.
  • Nome utente: non compilare.
  • Password: non compilare.

Qualora utilizzassimo una connessione basata su fibra ottica, dunque FTTC e FTTH, sarà necessario attivare la relativa voce ID VLAN impostando il valore 835.

Come configurare modem Tim

Se la nostra rete è fornita dall’operatore Telecom Italia, una volta entrati nella finestra relativa alla configurazione bisognerà inserire negli appositi campi quanto segue:

  • Virtual Path Identifier (VPI): 8.
  • Virtual Channel Identifier (VCI): 35.
  • Tipo di connessione: PPPoE.
  • Modalità di incapsulamento (Encapsulation Mode): LLC.
  • Nome utente: aliceadsl.
  • Password: aliceadsl.

Esattamente come per Fastweb, nel caso la connessione fosse a fibra ottica si dovrà attivare la voce ID VLAN impostando 835 come parametro.

Come configurare modem Vodafone

Qualora si possieda una connessione di rete Vodafone, i parametri da impiegare saranno i seguenti:

  • Virtual Path Identifier (VPI): 8.
  • Virtual Channel Identifier (VCI): 35.
  • Tipo di connessione: PPPoE.
  • Modalità di incapsulamento (Encapsulation Mode): LLC.
  • Nome utente: vodafonedsl.
  • Password: vodafonedsl.

Se la connessione è in fibra ottica, attivando la voce ID VLAN andrà inserito un parametro differente dai due precedenti, ovvero: 1036.

Come configurare modem WindTre

Per chi ha optato per una connessione WindTre i parametri da inserire per la configurazione saranno:

  • Virtual Path Identifier (VPI): 8.
  • Virtual Channel Identifier (VCI): 35.
  • Tipo connessione: PPPoE.
  • Modalità di incapsulamento (Encapsulation Mode): VC-Mux.
  • Nome utente: benvenuto.
  • Password: ospite.

Anche in questo caso, qualora la connessione sfrutti la fibra ottica, attivando la Voce ID VLAN il parametro da inserire sarà 835. In conclusione, abbiamo avuto modo di vedere come i modem odierni siano capaci di configurarsi autonomamente una volta collegati alle principali reti diffuse sul territorio del nostro Paese. Infatti, nella maggior parte dei casi, sarà sufficiente seguire la procedura guidata, oppure optare per l’inserimento manuale di parametri specifici per l’operatore scelto.

Offerte confrontate

Con Facile.it puoi confrontare le offerte ADSL degli operatori, scegliere l'offerta più adatta alle tue esigenze e richiedere l'attivazione online.

Guide all'ADSL

Guide ADSL

Compagnie telefoniche

Le compagnie partner di Facile.it sono gli operatori principali del mercato.

Operatori ADSL

Che fai lì fuori?

Accedi e confronta le offerte ancora più velocemente: risparmia tempo e denaro!

Accedi

oppure