02 55 55 5 Lun-Sab 9.00-21.00

Park Distance Controll (PDC)

Le automobili di ultima generazione offrono numerosi servizi di supporto al conducente nelle varie fasi della guida tra cui il Park Distance Control (PDC). Un sistema rivoluzionario che aiuta il guidatore nell'eseguire in maniera corretta e senza alcun rischio per la carrozzeria, le manovre e il parcheggio. Scopriamo nel dettaglio di cosa si tratta e come funziona.

Il PDC è un sistema che permette di avere a disposizione un vero e proprio assistente virtuale per il parcheggio. Il suo funzionamento è basato sullo sfruttamento degli ultrasuoni emessi dai sensori sistemati in varie parti della carrozzeria. In particolare, non appena il sistema rivela la presenza di un ostacolo, il guidatore viene avvisato con segnali che possono essere di natura visiva oppure acustica. Ci sono diverse tipologie di Park Distance Control che si diversificano anche per numero di sensori. In linea generale, maggiore è il numero di sensori e più il rilevamento della distanza rispetto agli ostacoli presenti risulta preciso.

Il sistema si attiva non appena il guidatore aziona tra le marce la retromarcia. Tutti i sensori ad ultrasuoni che sono stati inseriti nel paraurti posteriore e anteriore, emettono impulsi di trasmissione e di ricezione che permettono di calcolare la distanza in tempo reale. I sistemi di ultima generazione presentano anche un apposito display che consente di avere una visuale sulla manovra con tanto di riferimento delle distanze. Solitamente la segnalazione acustica viene avviata quando l'auto si trova ad una distanza di 160 cm dall'ostacolo e la sua frequenza diventa sempre maggiore quanto più ci si avvicina all’ostacolo. Qualora la distanza dovesse diventare inferiore ai 20 cm allora il segnale acustico diventa continuo.

Il sistema Park Distance Control viene attivato attraverso l'inserimento della retromarcia per cui quando si va ad innestare un’altra marcia, automaticamente si disattiva. Dal punto di vista tecnico è composto da una centralina che elabora i segnali per fornire al guidatore le informazioni necessarie per gestire le manovre e il parcheggio. Infine, si compone di sensori ad ultrasuoni che a loro volto prevedono una struttura con elemento di disaccoppiamento, la membrana, il collegamento elettrico e l'alloggio del sensore stesso.

Vota la voce del glossario:
Valutazione media: 4,1 su 5 (basata su 11 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 25/11/2020

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo