02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Pay per view e abbonamento: quali sono le differenze?

Pay per view e abbonamento: quali sono le differenze?

I principali operatori del mercato Pay TV offrono sostanzialmente due modalità principali di fruizione dei contenuti: l’abbonamento e la pay per view. Vediamo insieme quali sono le differenze e quale soluzione è più adatta alle proprie esigenze.


Abbonamento: cos'è e come funziona

L’abbonamento alla Pay TV, satellitare o digitale terrestre, prevede l’acquisto di un pacchetto televisivo che si compone di una serie di canali tematici visualizzabili per un periodo di tempo prestabilito. L’utente può scegliere tra una serie di offerte quella che più si adatta ai suoi gusti e alle sue possibilità di spesa, ed eventualmente – se l’operatore lo consente – può “costruire” il suo pacchetto personale aggiungendo nuovi contenuti fino a comporre l’offerta desiderata. Solitamente gli operatori propongono pacchetti suddivisi per tema quali “Cinema”, “Sport”, “Famiglia”, “Calcio” e così via, con diverse combinazioni per soddisfare le esigenze di tutti gli spettatori.

L’abbonamento non esclude la possibilità di acquistare singoli contenuti in pay per view (come film in anteprima o competizioni sportive) che non sono compresi nel proprio pacchetto. Se si prevede di visualizzare un numero elevato di partite di calcio, ad esempio, converrà ovviamente acquistare un apposito pacchetto in abbonamento piuttosto che acquistare i singoli match, perché i costi complessivi saranno molto minori.

Se guardi un numero elevato di contenuti, scegli un abbonamento.


Pay per view: cos'è e come funziona

La pay per view è una modalità di fruizione dei contenuti più “limitata”, che consente di visualizzare un singolo programma televisivo (o un insieme circoscritto di programmi) senza necessariamente acquistare un intero pacchetto e sottoscrivere un abbonamento. Il vantaggio economico è notevole per uno spettatore che vuole accedere ad un basso numero di contenuti, pagando solo quello che vede. L’acquisto, solitamente, può avvenire tramite televisore, SMS, telefono o via web, ma spetta ad ogni operatore definire le modalità prescelte.

I maggiori operatori del settore, sia per il satellite sia per il digitale terrestre, propongono servizi dedicati a chi preferisce questa soluzione. Sky, ad esempio, mette a disposizione dei suoi clienti Sky Primafila, un servizio che consente di acquistare singolarmente anteprime cinematografiche ed eventi sportivi che verranno addebitati sul proprio abbonamento o scalati dalle apposite tessere di ricarica della Smart Card Sky. Mediaset Premium, invece, permette di acquistare contenuti in pay per view attraverso la tessera Premium Ricarica o, per gli abbonati Easy Pay, con addebito sulla fattura dell’abbonamento.

Se guardi pochi contenuti e mirati, può essere conveniente optare per la Pay per view.

Vota la guida:

Valutazione media: 4,5 su 5 (basata su 27 voti)

Offerte confrontate

Confronta le tariffe Pay TV, scegli l'offerta migliore e richiedi l'attivazione on line.

Operatori Pay TV

Scopri le informazioni societarie degli operatori Pay TV, con le offerte disponibili.

Tutte le piattaforme

Guide alla Pay TV